PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Raccolta differenziata a Taranto: bisogna pretendere di più.
    La raccolta differenziata dovrebbe essere un obiettivo per il Comune di Taranto

    Raccolta differenziata a Taranto: bisogna pretendere di più.

    La raccolta differenziata dev'essere insegnata ai cittadini.
    Le istituzioni devono "comunicare" bene come e perché differenziare per riuscire a cambiare la mentalità di tante persone che considerano il differenziare uno sforzo inutile.
    22 luglio 2014 - Gianpaola Gargiulo
  • Conoscere per agire, solo così l'Italia potrà tornare a crescere. Una proposta per l'Italia

    Lorenzin come Balduzzi? La Campania come Taranto?

    A che serve avere università e centri di ricerca se poi i dati prodotti dai ricercatori non vengono utilizzati dai decisori?
    30 giugno 2013 - Fulvia Gravame
  • Peppino Impastato siamo noi, nessuno si senta escluso
    I santini delle commemorazioni offendono la memoria dell'Antimafia vera

    Peppino Impastato siamo noi, nessuno si senta escluso

    L'unica vera memoria rispettosa è il pretendere giustizia, lo svelare i meccanismi del Potere, con nomi, cognomi, trame, denunciando e mai tacendo. Peppino non è un santo per laici altari, è un fuoco che deve arderci dentro.
    7 maggio 2013 - Alessio Di Florio
  • Il 13 aprile Pescara ha difeso l'Adriatico
    NO al progetto Ombrina Mare 2 (video)

    Il 13 aprile Pescara ha difeso l'Adriatico

    Da tutto l'Abruzzo ci si è dati appuntamento per fermare l'installazione di una piattaforma petrolifera vicina alla costa. Cityrumors Web TV ha diffuso questo bel video
    16 aprile 2013 - Lidia Giannotti

Gestione pubblica rifiuti: in Abruzzo periodicamente è emergenza. Non si può continuare così!

Anno nuovo, notizie vecchie. A cavallo tra la fine del 2014 e l’arrivo del 2015 ancora una volta i titoli dei quotidiani hanno visto una accanto all’altra le parole rifiuti, emergenza e strada. Anche stavolta ci sono stati dei Comuni che potevano rischiare di veder rimanere i rifiuti per strada, l’ennesima situazione recuperata solo all’ultimo, questa volta (e non è la prima volta!) nel lancianese.
27 gennaio 2015 - Alessio Di Florio (PeaceLink Abruzzo, Ass. Antimafie Rita Atria, Ass. Culturale Peppino Impastato, Sinistra Anticapitalista Abruzzo)

-

Era il 4 Agosto 2008 (più di 6 anni fa!) quando sulle cronache abruzzesi leggemmo una fortissima denuncia da parte del Comandante Provinciale di Pescara del Corpo Forestale dello Stato Guido Conti: entro la metà del 2009 la nostra Regione rischiava di piombare in piena emergenza, criticità presenti in tutte e quattro le province. In questi anni abbiamo visto varie emergenze in molti territori dell’Abruzzo. Dopo la fortissima denuncia del Corpo Forestale dello Stato varie in questi anni sono state le denunce, i dossier, i comunicati, le fortissime prese di posizione di ambientalisti e non solo (anche da parte nostra). Così come anche la magistratura si è interessata di varie situazioni, come riporta anche la cronaca di questi ultimi giorni. 

 

Nell’ultimo anno e mezzo alcune notizie positive ci sono state ma ancora una volta ci si è trovati a rischiare una gravissima emergenza, passano i mesi e la situazione resta sempre la stessa. La gestione pubblica appare ancora arrancare, penalizzando i cittadini e i lavoratori, così come i Comuni virtuosi che sono riusciti con grande impegno a raggiungere importanti risultati nella raccolta differenziata. Una situazione che favorisce, e permette il consolidamento, soltanto del mercato e di forti posizioni private. In tutto questo, se si scorrono le cronache, uno dei pochissimi dati certi e ripetuti è stato il tentativo, reiterato spessissimo (soprattutto sotto le amministrazioni Del Turco e Chiodi, una sorta di “larghe intese” di fatto…), di avviare in Abruzzo l’incenerimento dei rifiuti, una tecnologia considerata da moltissimi (non solo ambientalisti) obsoleta e inquinante, oltre ad andare contro gli obiettivi previsti dalla legislazione italiana ed europea. La direttiva Europea 98/2008 impone agli Stati una gestione virtuosa e ambientalmente sostenibile del ciclo dei rifiuti, stabilendo già nel Preambolo che "la priorità principale della gestione dei rifiuti dovrebbe essere la prevenzione ed il riutilizzo e il riciclaggio di materiali", che "dovrebbero preferirsi alla valorizzazione energetica dei rifiuti", mentre le leggi nazionali stabiliscono precisi obiettivi nella percentuale da raggiungere di raccolta differenziata (il 65% alla fine del 2012…). Non si può continuare così, è inaccettabile mantenere questa situazione. E’ necessario cambiare immediatamente rotta, mettendo il solo interesse collettivo al centro, eliminando le criticità esistenti così da cancellare ogni rischio di future possibili emergenze, realizzare efficienti impianti pubblici, incentivare (e non penalizzare di fatto!) i Comuni virtuosi e spingendo i Comuni rimasti indietro a recuperare il prima possibile i loro ritardi.

 

La gestione del ciclo di smaltimento dei rifiuti dev’essere pubblica e tutelare gli interessi della collettività, senza che dominino il mercato e forti posizioni private!

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy