Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano
    E’ insolito che siano i parlamentari a lamentarsi

    La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano

    Si vedrà se sarà necessario un riposizionamento per quanto riguarda il JSF ma non bisogna affrontare la questione con pregiudizi ideologici solo perché è americano. Ma è il Pentagono a rivelare che vi sono problemi.
    18 dicembre 2011 - Rossana De Simone
  • Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    A Beirut, metropoli mediorientale soffocata dall'aggressività del settore edilizio, si lotta per conservare qualità di vita e spazi verdi. Ringrazio Estella per la segnalazione.
    16 marzo 2011 - Dalal Mawad
  • Cinque paesi NATO contro le armi nucleari USA
    Le testate USA presenti nel vecchio continente andrebbero da un minimo di 200 a un massimo di 350

    Cinque paesi NATO contro le armi nucleari USA

    Ma non l’Italia
    13 aprile 2010 - Antonio Mazzeo
  • L'umanità del sottosuolo
    Intervista a Kassem Aina, fondatore della prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano

    L'umanità del sottosuolo

    Kassem Aina è il fondatore di Beit Aftal Assumoud, la prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano, nel 1982, per una sorta di adozione collettiva degli orfani di Sabra e Chatila, dove nel 1982 le milizie maronite uccisero 3500 palestinesi con la complicità dell'esercito israeliano. Oggi l'associazione è attiva in tutti i campi profughi palestinesi in Libano e rappresenta la più ampia rete di assistenza sociale e sanitaria e di sostegno agli studi
    5 agosto 2009 - Francesca Borri
Gran Bretagna

Le superbombe atterrano a Glasgow

28 luglio 2006 - Michele Giorgio
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Proteste vibrate dei partiti d'opposizione inglesi (conservatori e liberali) dopo aver appreso la notizia, pubblicata dal Daily Telegraph, che due cargo Airbus 310 pieni di «bombe a guida laser» erano atterrati all'aeroporto di Prestwick (Glasgow) diretti in Israele. Si tratta delle Gbu 28, le «superbombe anti-bunker» chieste da Tel Aviv a Washington pr attaccare le line di Hezbollah, e concesse con una procedura così veloce da sconcertare anche i compassati giornali americani. Il leader del partito scozzese, Alex Raymond, ha accusato il governo di aver trasformato il Regno Unito in uno «spedizioniere» per conto degli Stati uniti. Anche un ex consigliere di politica estera del governo Blair, Stephen Wall, ha criticato sul giornale «New Statesman», l'approccio inglese all'attacco israeliano in Libano: «ci sono momenti in cui unprimo ministro devrebbe pensare meno alla popria influenza personale e più al sostegno pubblico». Probabile che, vista la distanza tra Scozia e Israele, i due Airbus debbano far tappa di rifornimento anche in Italia (Aviano appare lo scalo più «sicuro»).

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies