Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • L'israeliano rampante

    L'israeliano rampante

    Sovraintendente ai Beni Archeologici, Yonathan Mizrachi ha seguito metro a metro la costruzione del Muro - per tutelare tombe e marmi: i morti, non i vivi. Adesso racconta i suoi dubbi in un libro: adesso che ha eseguito gli ordini, obbediente, fino all'ultimo. Ritratto di un israeliano come mille altri
    21 settembre 2010 - Francesca Borri
  • Gerusalemme... l’ombelico del mondo!
    Lettera da Gerusalemme

    Gerusalemme... l’ombelico del mondo!

    Questa lettera è stata scritta pochi giorni prima di Natale 2008, parla già della situazione che poi è sfociata in questa assurda guerra. È indirizzata ad amici e simpatizzanti dei Missionari Comboniani
    9 gennaio 2009 - Daniele Moschetti
  • Dittature dell'Est contro l'Europa

    21 maggio 2007 - Barbara Spinelli
  • La battaglia dei gay israeliani

    Gli omosessuali vincono il primo round contro il sindaco di Gerusalemme: la Corte Suprema dice sì al pride, che si farà il prossimo 10 novembre. Ma per impedirlo si scatena una «guerra santa» che vede per una volta alleati gli ultraortodossi e i religiosi cristiani e musulmani
    19 settembre 2006 - Michele Giorgio
Una guida turistica alternativa

Decode Jerusalem

Intervista agli autori Bianca Elzenbaumer e Fabio Franz
Giacomo Alessandroni19 marzo 2008 - Giacomo Alessandroni

Gerusalemme vista con gli occhi di due ragazzi, di due ragazzi curiosi. Non si sono affidati ciecamente alle cure amorose di un'agenzia di viaggi. Dovendo scegliere uno stage per il loro master di Mediatori dei conflitti Operatori di pace internazionali hanno scelto una meta scomoda, ma sulla quale c'è tanto da raccontare.
Forti della loro laurea in design hanno fatto sudare il loro Macintosh sette camice fino ad ottenere un ottenere un prodotto bello da vedere, sfogliare

Come nasce il vostro interesse per il conflitto israelo-palestinese [e per i conflitti in generale]?

Mosaico del VI secolo raffigurante una cartografia di Gerusalemme

(Bianca e Fabio): Noi due abbiamo studiato design alla Libera Università di Bolzano e – già durante gli studi – nei nostri progetti abbiamo trattato temi socialmente rilevanti, temi dibattuti nella società e che sono causa di conflitti armati e non armati. Ci piacerebbe molto proseguire in questa direzione nei nostri progetti futuri.

(Bianca): Poi, appena laureata nella primavera del 2006, ho deciso di dedicare un anno alla ricerca più approfondita su temi conflittuali: ho svolto il Servizio Civile Volontario presso l'associazione "La strada – Der Weg" di Bolzano che si occupa di persone socialmente svantaggiate (tossicodipendenti, bambini di famiglie problematiche, donne in difficoltà).

Contemporaneamente ho seguito un Master per "Operatori di pace nei conflitti internazionali" presso l'Università di Bologna in collaborazione con la formazione professionale altoatesina. Durante il periodo di studio del Master ho anche avuto la possibilità di approfondire le mie conoscenze sul conflitto israelo-palestinese ed ho deciso di svolgere il tirocinio di due mesi, previsto dal corso, presso l'associazione di Gerusalemme ICAHD (Israeli Committee Against House Demolitions).

Come nasce l'idea di scrivere una guida per turismo responsabile?

(Bianca e Fabio): È proprio durante questo periodo a Gerusalemme che nasce l'idea di creare una guida che raccolga le varie conoscenze acquisite sul conflitto durante il periodo di studio e di stage. Visitare Gerusalemme senza una guida che ti permetta di scovare nella quotidianità i segni dell'occupazione è rischioso nel senso che si corre il pericolo di tornare a casa propria senza aver avuto la possibilità di riflettere su uno dei conflitti più discussi/studiati/seguiti/controversi (e l'elenco potrebbe continuare) della scena geopolitica degli ultimi sessant'anni.

Cosa si può fare con la guida [a livello turistico]?

(Bianca e Fabio): La guida vuole "educare" lo sguardo di chi visita Gerusalemme e vuole anche portare i visitatori a Gerusalemme Est, una parte della città che viene spesso dimenticata dalle guide convenzionali. "Decode Jerusalem" cerca di essere un compagno di viaggio che ti informa su quello che vedi e che ti permette di trasformare la tua permanenza nella città in un'esperienza che veramente può cambiare la tua percezione del conflitto.

Cosa può fare la guida per aiutare a scoprire il conflitto israelo-palestinese?

(Bianca e Fabio): La guida insegna a leggere i segni del conflitto nel tessuto urbano, spiega ogni luogo trattato dal punto di vista palestinese ed israeliano e fa scoprire dei luoghi che rivestono un ruolo cruciale nel conflitto e spesso non distano molto dai classici itinerari turistici.

Come deve documentarsi una persona che volesse realizzare una guida analoga?

(Bianca e Fabio): Per realizzare una guida di questo tipo è importante documentarsi molto accuratamente sull'argomento che si ha intenzione di trattare. Prima di partire e - in seguito - sul luogo si deve investire parecchio tempo per capire cosa è importante e cosa può essere tralasciato.

Per "Decode Jerusalem", per esempio, abbiamo cercato di coprire le tematiche più importanti del conflitto attraverso un'accurata scelta dei diversi luoghi da visitare (ogni luogo è rappresentativo per uno o più aspetti dell'occupazione). Inoltre è necessario spendere molto tempo con le persone del luogo e riuscire a farsi raccontare le loro storie: in ogni caso sono loro che meglio conoscono il conflitto.

Nel nostro caso anche la parte visiva (fotografie e design) ha molta importanza e per questo crediamo che chiunque voglia realizzare un progetto analogo dovrebbe curare anche questo aspetto.

Allegati

  • Decode Jerusalem (25413 Kb - Formato pdf)
    Bianca Elzenbaumer e Fabio Franz
    Decode Jerusalem - an alternative travel guide

    Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0

  • Decode Jerusalem (25428 Kb - Formato pdf)
    Bianca Elzenbaumer e Fabio Franz
    Decode Jerusalem - Una guida turistica alternativa

    Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies