Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Carovane per Sarajevo
    MIMESIS Edizioni presenta:

    Carovane per Sarajevo

    Libro di Francesco Pugliese. Prefazione di Lidia Menapace.
    Introduzione di Alessandro Marescotti, Alfonso Navarra, Laura Tussi
    30 maggio 2015 - Laura Tussi
  • Giovanni Pesce - "Per non dimenticare"
    Comunicato stampa. DVD/Libro: intervista video inedita del 1983 al Comandante Partigiano Giovanni Pesce

    Giovanni Pesce - "Per non dimenticare"

    DVD / Libro: Giovanni Pesce - "Per Non Dimenticare". E' una intervista video al Comandante Partigiano Giovanni Pesce, risalente al 1983. Abbiamo appositamente raccolto, per la realizzazione del DVD / Libro, le Testimonianze di personalità che lo hanno conosciuto tra cui Moni Ovadia, Vittorio Agnoletto, Daniele Biacchessi e altri.Presentazione pubblica il giorno Sabato 18 Aprile 2015, presso Sala Consiliare di Nova Milanese. Il DVD / Libro sarà disponibile, in questa data, in tutte le librerie.
    30 marzo 2015 - Laura Tussi
  • UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità
    UNIMONDO.org presenta:

    UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità

    Unimondo è una testata giornalistica online che offre un'informazione qualificata sui temi della pace, dello sviluppo umano sostenibile, dei diritti umani e dell'ambiente. Diffonde un'informazione plurale e quotidiana dando voce alle molteplici realtà della società civile italiana e internazionale
    18 febbraio 2015 - Laura Tussi
  • Non si uccide un disegno.
    CharlieHebdo

    Non si uccide un disegno.

    7 gennaio 2015 - Antonio Caso

Esercito egiziano coinvolto in detenzioni e torture

I militare sono accusati dai sostenitori dei diritti umani di torturare centinaia di manifestanti antigovernativi
11 febbraio 2011 - Chris McGreal (The Guardian)
Fonte: The Guardian - 09 febbraio 2011

Gli ufficiali dell'esercito scortano un prigioniero lontano da Tahrir Square al Cairo, in Egitto. I militari - accusati di coinvolgimento in torture - hanno sempre sostenuto di essere una forza neutrale nel conflitto. Da quando le proteste di massa contro il presidente Hosni Mubarak sono cominciate, l'esercito egiziano ha segretamente trattenuto centinaia e probabilmente migliaia di sospetti oppositori governativi, e almeno alcuni di questi sono stati torturati, secondo le testimonianze raccolte dal Guardian.

L'esercito ha dichiarato di essere neutrale, di star solamente tenendo separati i manifestanti anti-Mubarak e i fedeli al governo. Ma attivisti per i diritti umani affermano che chiaramente non si tratta più solo di questo, e accusano i militari di coinvolgimento sia nelle sparizioni, che nelle torture – abusi che gli Egiziani hanno associato per anni al famigerato SSI (State Security Intelligence) e mai prima d'ora all'esercito.

Il Guardian ha parlato con detenuti che hanno affermato di aver sofferto prolungati pestaggi e altri abusi da parte dei militari in quella che sembra essere un'organizzata campagna di intimidazione. Associazioni per i diritti umani hanno documentato l'uso di scosse elettriche su alcuni prigionieri trattenuti dall'esercito.

Le associazioni per i diritti umani egiziane affermano che le famiglie stanno disperatamente cercando i parenti assenti, scoparsi sotto la custodia dell'esercito. Alcuni dei detenuti sono stati tenuti dentro il rinomato Museo delle Antichità Egiziane a lato di Tahrir Square. Quelli rilasciati hanno dato testimonianze scritte di violenze fisiche da parte dei soldati accusati di agire per potenze straniere fra cui Hamas e Israele.

Tra i prigionieri ci sono attivisti per i diritti umani, avvocati e giornalisti, ma la maggior parte di loro sono stati rilasciati. Hossam Bahgat, direttore dell'Iniziativa egiziana per i diritti personali, afferma però che in tutto il paese centinaia e forse migliaia di persone comuni sono “sparite” sotto la custodia militare per nulla di più che il possesso di un volantino politico, la partecipazione a dimostrazioni o anche solo per il loro aspetto. Molti mancano ancora.

“I detenuti sono di tutti i tipi, dalle persone che erano alle proteste o arrestate per non aver rispettato il coprifuoco a quelli che hanno ribattuto a un ufficiale militare o sono stati consegnati all'esercito perché sembravano sospetti o per sembrare stranieri anche se non lo erano” continua Bahgat. “È inusuale e per quello che ne sappiamo non ci sono comportamenti simili precedenti nell'esercito.”

Ashraf (fornisce solo il nome per paura di essere nuovamente arrestato), 23 anni, è stato arrestato dall'esercito. È stato fermato venerdì scorso in Tahrir Square mentre portava una scatola di forniture mediche a una delle cliniche improvvisate per curare i manifestanti attaccati dalle forze pro-Mubarak.

“Ero in una strada traversa quando un soldato mi ferma e mi chiede dove stessi andando. Gli rispondo e mi accusano di lavorare per i nemici stranieri e gli altri soldati si precipitano e tutti iniziano a colpirmi con le loro armi” racconta.

Ashraf è stato trascinato in un improvvisato posto di blocco dove gli hanno legato le mani dietro la schiena, è stato picchiato ancora, prima di venir spostato in una zona sotto il controllo militare nel retro del museo.

“Mi hanno messo in una stanza. È arrivato un ufficiale e mi ha chiesto chi mi stesse pagando per essere contro il governo. Quando ho risposto che volevo un governo migliore mi ha colpito alla testa e sono caduto per terra. Poi i soldati hanno cominciato a coprirmi di calci. Uno di loro ha continuato a colpirmi in mezzo alle gambe” ha detto.

“Avevano una baionetta e mi hanno minacciato di violentarmi con quella. Me l'hanno agitata vicino alle gambe. Mi hanno detto che potevo morire lì o sparire in prigione e nessuno l'avrebbe mai saputo. La tortura era dolorosa ma l'idea di sparire in una prigione militare era realmente terrorizzante.”

Ashraf afferma che le violenze sono continuate in modo discontinuo per molto ore, fino a quando è stato messo in una stanza con circa una dozzina di uomini, tutti quanti torturati a lungo. Fu lasciato andare circa 18 ore dopo con l'avvertimento di non ritornare in Tahrir Square.

Altri non sono stati così fortunati. Heba Morayef, ricercatrice al Cairo di Human Right Watch, afferma: “Molte famiglie ci stanno chiamando e dicono, 'Non riesco a trovare mio figlio, è sparito'. Penso che quello che sta succedendo è che siano stati arrestati dai militari.”

Fra quelli che mancano c'è Kareem Amer, un blogger e critico del governo di spicco solo recentemente rilasciato dopo quattro anni in prigione per aver criticato il regime. È stato fermato lunedì sera a un posto di blocco militare la notte mentre stava lasciando Tahrir Square.

Bahgat sostiene che il modello di resoconto di quelli che sono stati rilasciati mostra come i militari stiano conducendo una campagna per fermare le proteste. “Alcune persone, specialmente gli attivisti, dicono di essere state interrogate circa ogni possibile collegamento con organizzazioni politiche o forze esterne. I manifestanti comuni vengono schiaffeggiati e gli chiedono: 'Perché sei qui a Tahir?' Sembra che sia un'operazione di interrogatorio, ma anche per intimidire e come deterrente.”

I militari si sono dichiarati neutrali nella situazione di vuoto politico e sia Mubarak che il suo primo ministro, Ahmed Shafiq, hanno detto che non ci sarà alcuna azione contro gli attivisti antigovernativi. Ma Morayef afferma che la situazione è decisamente diversa.

“Penso che è diventato abbastanza ovvio fin da adesso che i militari non sono un partito neutrale. I militari non vogliono e non credono nelle proteste e questo anche ai livelli più bassi, basati sugli interrogatori” racconta.

Human Right Watch ha documentato 119 arresti di civili da parte dei militari, ma credono ce ne siamo molti di più. Bahgat dice che è impossibile sapere quante persone sono state fermate perché l'esercito non sta ammettendo gli arresti. Ma crede che lo schema di sparizioni visto al Cairo sia replicato in tutto il paese.

“Gli arresti sono completamente non dichiarati o le persone non sono in grado di informare i famigliari o avvocati del loro arresto, così sono molto più difficili da assistere o da cercare” spiega. “Quelli trattenuti dalla polizia militare non sono sottoposti ad alcun tipo di processo, e non sono in grado di informare nessuno della loro prigionia.”

Human Right Watch ha anche documentato degli arresti, come quello di un attivista democratico che ha descritto di essere stato fermato da un soldato che ha insistito per perquisire la la borsa, dove ha trovato un volantino filo-democratico.

“Hanno cominciato a picchiarmi in strada con i manganelli e con una pistola elettrica taser” ha detto l'attivista.

“Poi mi hanno portato alla stazione di polizia di Abdin. Prima del mio arrivo, i soldati e gli ufficiali erano stati avvisati che stava arrivando una 'spia', così quando sono arrivato mi hanno offerto un 'pestaggio di benvenuto' che è durato circa mezz'ora.”

Anche i manifestanti filogovernativi sono stati arrestati durante degli scontri in Tahrir Square, ma si crede che siano stati passati alla polizia e poi rilasciati, anziché essere trattenuti e torturati.

Il detenuto era tenuto in una cella fino a che non arrivava un interrogatore, gli ordinava di svestirsi e gli attaccava i cavi da una macchina per l'elettroshock.

“Mi hanno dato la scossa su tutto il corpo, senza risparmiare nessun posto. Non è stato un interrogatorio reale; non ha fatto molte domane. Mi ha torturato così due volte venerdì e ancora una volta sabato” ha detto.

Tradotto da Beniamino Trucco per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: Egypt's army 'involved in detentions and torture'
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies