Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

La triste verità è che la maggior parte dei consumatori non può essere certa sulla provenienza dei diamanti, né se sta finanziando violenze armate o regimi

Diamanti insanguinati, le ONG hanno fallito?

PeaceLink sostiene la Onlus Maendeleo-Italia nella diffusione del dossier “Anche il vetro è per sempre”, che cerca di spiegare il problema dei "diamanti insanguinati" e allo stesso tempo spinge la politica a legiferare per cercare di risolvere il problema.
14 dicembre 2011 - Teresa Manuzzi

la copertina del dossier: "Anche il vetro è per sempre"

Global Witness, l’ONG che cerca di rendere visibili le connessioni tra estrazione delle materie prime e violazioni dei diritti umani, ha annunciato che abbandonerà il “Processo di Kimberly”, una certificazione internazionale nata con l’intento di vietare la circolazione dei “diamanti insanguinati”, perchè non è efficace .

Il fallimento di Kimberly
La ritirata da parte di una delle associazioni che ha lavorato proprio per la creazione del “kimberly Process” suona come l'ammissione di un fallimento. Charmian Gooch, direttore di Global Witness, ha dichiarato: “A quasi nove anni dalla creazione del Kimberly Process la triste verità è che la maggior parte dei consumatori non può essere certa sulla provenienza dei diamanti che acquista, né può sapere se sta finanziando violenze armate o regimi corrotti”

Perchè si dice "diamanti insanguinati"?
Nonostante l’Italia faccia parte di quelle nazioni che hanno adottato il “Kimberly Process” (2003) molti dei diamanti venduti nelle gioiellerie del nostro “belpaese” possono aver contribuito a finanziare le bande armate di ribelli congolesi o dei paesi confinanti, che occupano illegalmente le miniere e il territorio della R.D. del Congo. Questo avviene perchè anche nelle partite di diamnti controllate da “Kimberly” è molto facile inserire, spesso con la complicità di chi dovrebbe controllare, pietre provenienti da altre miniere ed estratte illegalmente.

In Italia
Molte associazioni e ONG italiane hanno contestato l’inefficacia del processo di Kimberly e propongono di adottare un metodo che controlli i diamenti commercializzati pietra per pietra oppure di acquistare diamanti dal Canada. Da qualche settimana la Onlus Maendeleo Italia ha stampato un dossier intitolato “Anche il vetro è per sempre” per illustrare l’attuale situazione e stimolare un'azione politica e legislativa.

Se proprio vuoi un diamante continua a leggere l'articolo su http://www.iljournal.it/2011/diamanti-insanguinati-dove-le-ong-hanno-fallito/285271 e scopri dove trovare diamanti "etici".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies