Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

    Ultime novità

    1160 Articoli - pagina 1 2 ... 116
    • Make Naj Not War

      Make Naj Not War

      La riforma delle Forze armate in senso professionale è stata la chiave di volta tecnica di questa inedita belligeranza italiana/europea
      14 gennaio 2017 - Rossana De Simone
    • Un voto all'ONU, l'Italia cambia e dice di sì
      Disarmo nucleare

      Un voto all'ONU, l'Italia cambia e dice di sì

      L’Italia ha votato a favore dell'avvio dei negoziati per mettere fuori legge le armi nucleari, cambiando il voto contrario alla stessa risoluzione espresso nella commissione disarmo il 27 ottobre scorso
      Giorgio Nebbia
    • Sosteniamo il Trattato internazionale per mettere al bando le armi nucleari
      Il diritto internazionale vieta l'uccisione dei civili

      Sosteniamo il Trattato internazionale per mettere al bando le armi nucleari

      Qui trovate anche un dossier che raccoglie i più importanti documenti di questo storico processo negoziale. Nel 2017 si terranno i negoziati dal 27 al 31 marzo e dal 15 giugno al 7 luglio.
      22 dicembre 2016 - Associazione PeaceLink
    • C'è un buco legislativo rispetto ai ‘Robot Killer’

      I robot armati di domani: veri 007, con licenza di uccidere

      La prossima generazione di armi negli arsenali militari potrebbe essere costituita da “robot killer”, macchine che selezionerebbero e distruggerebbero un target specifico senza bisogno dell’intervento umano. Ma se un robot infrangesse la legge, chi ne sarebbe ritenuto responsabile? Bisognerebbe mandare davanti ad un tribunale il programmatore, il produttore, il comandante militare o... il robot?
      11 aprile 2015 - Russell Christian (HRW), traduzione di Carmela Palombi
    • FRAMMENTI SULLA GUERRA – Industria e neocolonialismo in un mondo multipolare

      FRAMMENTI SULLA GUERRA – Industria e neocolonialismo in un mondo multipolare

      I differenti approcci analitici raccolti in questo lavoro servono ad avvicinarsi al cuore della questione
      1 dicembre 2016 - Rossana De Simone
    • "Brutti ipocriti del cazzo!"

      26 novembre 2016
    • Presentazione del libro "La follia del nucleare"
      Recentemente l'ONU ha votato a favore della messa al bando delle armi atomiche

      Presentazione del libro "La follia del nucleare"

      PeaceLink a Taranto dedica l'iniziativa del 4 novembre al disarmo nucleare e alle persone che lavorano per la pace. Alla libreria Gilgamesh (via Oberdan 45, Taranto) alle ore 18 sarà presentato il libro "La follia del nucleare".
      3 novembre 2016 - Alessandro Marescotti
    • Non è utopia ma necessità
      "Esorto i vecchi leader e diplomatici, gli scienziati, gli esperti e la società civile mondiale, a dichiarare nel modo più forte e inequivocabile: le armi nucleari devono essere vietate. Ancor di più: la guerra deve essere vietata."

      Non è utopia ma necessità

      Un ricordo e un appello. Il messaggio di Michail Gorbachev alla Conferenza per il 30° anniversario del Summit di Reykjavik
      19 ottobre 2016 - Roberto Del Bianco
    • L'Italia è in guerra

      Contro la messa in funzione del MUOS, contro l’uso delle basi militari presenti in Sicilia, contro le politiche razziste, gli hotspot e i CIE, il movimento NO MUOS ha indetto la manifestazione del 2 ottobre.
      Come “Rete campana contro la guerra ed il militarismo” siamo schierati al loro fianco.
      2 ottobre 2016 - Rete Contro la Guerra e il Militarismo - Campania
    • Astana, Kazakhstan. Per un mondo libero dalle armi nucleari

      Astana, Kazakhstan. Per un mondo libero dalle armi nucleari

      La tragedia del Kazakhstan inizia il 29 agosto 1949 con la prima esplosione atomica sperimentale nel sito sovietico di Semipalatinsk, cui ne seguirono altre 455 nel corso di 40 anni. Immense le conseguenze umane e ambientali, con quasi due milioni di abitanti coinvolti sia dal fallout radioattivo seguito alle esplosioni, sia dalla radioattività a lungo termine, sia dall'impatto sul bagaglio genetico trasmesso alle generazioni future.
      25 agosto 2016 - Roberto Del Bianco
    pagina 1 di 116 | precedente - successiva
    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies