Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La Rivista “DIFESA AMBIENTE”, realizzata da EURO EDIZIONI e diretta da Alfonso NAVARRA, promuove ideali universali e principi sociali imprescindibili per costruire insieme comunità e società di Pace, oltre i muri della discordia

    "Difesa Ambiente": la rivista del Dialogo e della Pace

    La democrazia e la forza della verità devono prevalere sull'egoismo più abietto, contro la perversa logica capitalista del potere che vuole mercificare tutto tramite le grandi lobby del libero mercato e le multinazionali del liberismo più sfrenato, che disprezzano il valore dell'ambiente, della persona, del rispetto dei diritti umani, travalicando il vero significato e il prioritario principio del bene comune.
    10 novembre 2011 - Laura Tussi
  • Recensione di Nanni Salio, Presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino

    "Educazione e Pace" Mimesis, Milano 2011

    L’Autrice, nota per il suo impegno nel campo educativo, raccoglie e rielabora in questo agile volumetto i suoi principali contributi su temi che fanno parte della più ampia costellazione dell’educazione alla pace: memoria e dialogo, razzismo e antirazzismo, dialogo interculturale, pedagogia della shoah, pensiero delle differenze, cittadinanza planetaria, sostenibilità e trasformazione nonviolenta dei conflitti.
    26 ottobre 2011 - Laura Tussi
  • Il 4 Novembre "Vogliamo la Pace" contro ogni guerra. Il disarmo è l'obiettivo, la riduzione delle spese militari la strategia.

    "Ogni vittima ha il volto di Abele"

    L'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele", promossa da importanti istituti di ricerca per la pace, nella sua assoluta compostezza ed addolorata austerita' ha costituito, nel ricordo e nel nome delle vittime, un esplicito appello all'impegno per la cessazione delle guerre, per il disarmo e la smilitarizzazione dei conflitti, per la pace, la democrazia, la legalita' che salva le vite; per la difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani. A mio avviso questi nobili e alti ideali devono essere trasmessi in primis dall'istituzione scolastica.
    6 novembre 2011 - Laura Tussi
  • Recensione di Nanni Salio, Presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino

    "Educazione e Pace" Mimesis, Milano 2011

    L’Autrice, nota per il suo impegno nel campo educativo, raccoglie e rielabora in questo agile volumetto i suoi principali contributi su temi che fanno parte della più ampia costellazione dell’educazione alla pace: memoria e dialogo, razzismo e antirazzismo, dialogo interculturale, pedagogia della shoah, pensiero delle differenze, cittadinanza planetaria, sostenibilità e trasformazione nonviolenta dei conflitti.
    26 ottobre 2011 - Laura Tussi
Ai tanti amici che ci seguono e ci aiutano

Buon 2004, cittadini della pace!

L'augurio per il 2004 e' quello di controllare sempre di piu' un potere che ormai compie di nascosto le sue scelte più importanti. Questa e' la pacifica e simpatica rivoluzione a cui tutti possiamo partecipare, anche on line. Per il 2004 invitiamo tutti a mantenere in movimento il sito web della pace con un libero contributo sul ccp 13403746 intestato a PeaceLink, c.p.2009, Taranto. Ne abbiamo bisogno: quest'anno 10 mila utenti al giorno hanno consultato PeaceLink, con un picco di 20 mila quando Bush ha avviato la guerra. Il volume di bytes trasmessi aumenta ogni anno e la banda dati rischia di esaurirsi.
31 dicembre 2003 - Alessandro Marescotti

Buon 2004 a voi, amici di cui non conosciamo spesso il volto e il nome e che state facendo una pacifica e simpatica rivoluzione che sposta pezzi di potere e di sovranità dall'alto al basso per mezzo del vostro personal computer.
E qualcuno lo ha già capito.

L'augurio per il 2004 e' quello di controllare sempre di più questo potere che ormai compie di nascosto le sue scelte più importanti. Ciò che sta nei cassetti chiusi a chiave andiamolo a scovare (di persona o con i motori di ricerca o - perché no - negli angoli dei suoi siti web), anticipiamo noi i progetti più pericolosi che lor signori stanno preparando in gran segreto a nostro danno.

La politica che conta si trama in segreto anche nell'era di Internet.

Intercettarne in anticipo gli atti futuri, diffonderne per tempo i retroscena, esporli in rete alla pubblica gogna e vanificarli, ecco una buona ricetta per un 2004 migliore.

E' tempo di rischiarare le tenebre di questa politica con un nuovo "illuminismo digitale" che controlli e faccia luce per mezzo della ragione e della Nuova Enciclopedia: la Rete.

Non lasciarti influenzare
verifica tu stesso!
Quel che non sai tu stesso,
non lo saprai.
Controlla il conto,
sei tu che devi pagare.
Punta il dito su ogni voce,
chiedi e questo, perché?

In questa poesia Bertolt Brecht concludeva "Tu devi prendere il potere". Per ora non facciamoci scippare la tastiera.

Buon 2004, cittadini della pace!

Note:

Il conto corrente postale 13403746 di PeaceLink il 31 dicembre 2003 alle ore 9.41 - tramite consultazione Postamat - dava un saldo di 10.604 euro e 69 centesimi.
E' stato attivato il servizio Postamat per il prelievo tramite apposita carta. A fine 2003 sono stati prelevati 1.200 euro: 1000 per il pagamento delle spese legali del processo (per informazioni http//www.peacelink.it/emergenza) e 200 per spese di viaggio nell'ambito del processo stesso (rimborso parziale).
Per gennaio 2004 è prevista l'attivazione del Banco Posta on line con cui PeaceLink potrà offrire un bilancio on line come resoconto in tempo reale per i donatori.
Nessuna spesa - oltre ai costi vivi - pesa sul bilancio di PeaceLink, nessuno percepisce nulla per la gestione del sito o per ciò che scrive. Tutti i peacelinkers sono volontari dell'informazione.Ci auguriamo di giungere presto ai 50 mila euro per affrontare il tutta sicurezza il processo che è stato intentato contro di noi da un consulente Nato: siamo ad un quinto dell'obiettivo. In caso di vittoria i versamenti giunti con apposita causale per spese processuali andranno all'Africa Peace Point, una struttura d formazione alla pace promossa a Nairobi (Kenya) da padre Kizito.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy