Parco Gallipoli Cognato: no a trivellazioni petrolifere

Dopo la vicenda del Monte Caperrino si è alla ricerca di un nuovo sito dove localizzare il Pozzo Tempa d’Emma1 che le compagnie Total/Esso/Shell vorrebbero ubicare nel territorio delle Dolomiti Lucane
18 settembre 2008
OLA | Organizzazione Lucana Ambientalista

trivelle in azione Dopo la vicenda del Monte Caperrino, che ha tenuto bloccato per diversi anni l’iter istitutivo del Parco Nazionale Appennino Lucano-Val d’Agri Lagonegrese, si è alla ricerca di un nuovo sito dove localizzare il Pozzo Tempa d’Emma1, che le compagnie Total/Esso/Shell vorrebbero ubicare proprio sul confine dell’area protetta, ipotizzando la realizzazione di tracciati stradali a servizio delle strutture petrolifere che attraverserebbero, tra l’altro, aree a forte vocazione ambientale e naturale.

Questa vicenda palesa il disegno delle compagnie petrolifere, pensato al fine di aggirare i vincoli ambientali dei parchi e confermato dal permesso di ricerca prodotto al Ministero dello Sviluppo Economico da Total, Esso e International BV[1], per l’effettuazione di ricerche ed estrazioni petrolifere all’interno del Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti lucane. In proposito, il Ministero dello Sviluppo Economico ha di recente sollecitato l’intesa con la Regione Basilicata, previo rilascio della valutazione ambientale per questo permesso di ricerca denominato “Oliveto Lucano”, compreso proprio all’interno del Parco Regionale.

La OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista) – Coordinamento apartitico territoriale di Associazioni, comitati, Movimenti e Cittadini - invita il Dipartimento Ambiente della Regione Basilicata a negare l’intesa richiesta dal Ministero dello Sviluppo Economico esprimendo alle compagnie petrolifere parere negativo di Valutazione Ambientale, in considerazione che l’Articolo 19 della Legge Regionale n. 47/97 - istitutiva del Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane - fa espressamente divieto di esercitare all’interno dell’area protetta “attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi sia liquidi che gassosi”.

Note: [1] Fonte: Ministero per lo Sviluppo Economico

Articoli correlati

  • Di Maio: "Aveva deciso il vecchio governo, non potevamo fare altrimenti"
    Ecologia
    Autorizzazioni rilasciate dal Mise per cercare idrocarburi nel Mar Ionio

    Di Maio: "Aveva deciso il vecchio governo, non potevamo fare altrimenti"

    Il Movimento NoTriv: "Il voltafaccia del governo è servito, la polvere è tale da non poter essere più nascosta sotto i tappeti". Critiche da Angelo Bonelli (Verdi). Michele Emiliano (Presidente Regione Puglia): "Delusione grandissima, ipocrisia di governo". Di Maio travolto dalle critiche su Facebook
    6 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Notriv contro governo e M5s
    Ecologia
    Ricordate il referendum sulle trivellazioni? Il M5s dichiarava di volerle fermare. Adesso invece no

    Notriv contro governo e M5s

    Le associazioni Notriv contestano il nuovo approccio pentastellato finalizzato a ‘monetizzare il danno’. E aggiungono: “L’on. Liuzzi (M5s) si è ben guardata dal proporre un aumento royalties dell’80%. In proporzione addirittura uno stabilimento balneare paga molto di più di una società petrolifera”.
    1 dicembre 2018 - Redazione PeaceLink
  • Il Virunga ci chiede aiuto: no al petrolio!
    Consumo Critico

    Il Virunga ci chiede aiuto: no al petrolio!

    Saranno autorizzate trivellazioni alla ricerca del petrolio nei parchi nazionali. Dobbiamo dire no ad una economia di morte e sfruttamento!
    14 luglio 2018 - Linda Maggiori
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    Disarmo
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)