evento

BORDERING EUROPE - I migranti senza diritti nel cuore dell'Europa

16 gennaio 2021
ore 11:00 (Durata: 2 ore)

Ufficialmente chiusa nel 2016, la Balkan route continua mietere vittime ed è ogni giorno sempre più testimone di violentissimi respingimenti a catena tra Italia, Slovenia, Croazia, Serbia e Bosnia: a seguito dell’incendio del 23 Dicembre della tendopoli di Lipa, al confine tra la Bosnia e la Croazia, più di 3000 persone sono rimaste intrappolate tra la neve e il gelo, tenute in ostaggio da diplomazie inesistenti. 



Per questo, sabato 16 gennaio 2021, ore 11.00 in diretta live streaming su Facebook, Mediterranea ospiterà sulla nave Mare Jonio la rete RiVolti ai Balcani per la prima presentazione del loro dossier “I migranti senza diritti nel cuore dell’Europa”. 


Per RIVOLTI AI BALCANI
interverranno:
Coordinamento interventi - Agostino Zanotti (Ass. ADL Zavidovici) 



Unificazione temi tra crisi mediterranea, balcanica e i respingimenti frontiera italo slovena - Gianfranco Schiavone (ASGI)

Bosnia: situazione attuale - Silvia Maraone (IPSIA Acli)


Scenario Grecia - Diego Saccora (Lungo La Rotta Balcanica)


Criminalizzazione della solidarietà - Paolo Pignocchi (Amnesty International)



Porti e respingimenti nel contesto del Adriatico e ripercussioni sul contesto locale in termini del sistema di accoglienza: Venezia - Carlotta Giordani (SoS Diritti Venezia)


Per MEDITERRANEA SAVING HUMANS introduce

Alessandro Metz

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)