dibattito

CAFFÈ-SCIENZA: "Mai più senza rete. Essere sempre connessi cambierà la nostra vita?"

10 febbraio 2005
ore 21:00 (Durata: 2 ore)

Già oggi siamo connessi in molti modi: il telefono (fisso e
cellulare) e la posta elettronica ci permettono di comunicare con
i nostri amici, la televisione e la "navigazione web" ci permettono
di consultare informazioni generaliste o mirate. Ma possiamo fare di
più: chat, blog, forum, i servizi di file-sharing e le nostre
homepage ci permettono di interagire con molte persone e di far
conoscere la nostra opinione.
Ci saranno ovviamente molti vantaggi: non solo per la comunicazione e
l'intrattenimento, ma anche, per esempio, per la medicina e la diagnostica che potranno essere fatte on line.
Questi nuovi mezzi di comunicazione aprono però la porta a nuovi reati: dalla violazione del copyright, alle truffe telematiche.
Comportano anche nuove preoccupazioni per la privacy: scaricando
o pubblicando, difficilmente possiamo restare anonimi.
Ogni nostro atto può essere controllato.
Nel prossimo futuro inoltre assisteremo all'espansione della portabilità: non solo telefono ma anche tv, webcam, navigazione, chat e così via.
Questo comporterà la tracciabilità completa di tutte le persone,
e il formato digitale faciliterà la possibilità di intrusione e le varie
forme di controllo.
Tra i tanti rischi, non è da sottovalutare la possibilità che la rete,
da risorsa comune diventi una specie di enorme TV on-demand.
Siamo pronti a difendere i nostri diritti, e soprattutto a far valere la
nostra opinione in questa fase di transizione?

Animatore/moderatore:
Franco Bagnoli (ricercatore universitario)

Intervengono:

- Luca Bassilichi (Amministratore delegato di Bassnet)
- Simone Piccardi (Firenze Linux User Group; Associazione Software Libero)
- Stefania Pierazzi (Vice Questore Aggiunto della Polizia Postale)
- Antonio Vassalli (Conduttore di Mondoweb -- RTSI)

Per maggiori informazioni:
Franco Bagnoli
055 4796422
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Giorno della Memoria

    Fare poesia dopo Auschwitz

    Primo Levi disse: “Io credo che si possa fare poesia dopo Auschwitz, ma non si possa fare poesia dimenticando Auschwitz. Una poesia oggi di tipo decadente, di tipo intimistico, di tipo sentimentale, non è che sia proibita, però suona stonata".
    27 gennaio 2022 - Franca Sartoni
  • Latina
    Honduras

    Bertha Zúniga “Le trasformazioni devono venire dai popoli”

    Copinh chiede al nuovo governo di creare le basi per il cambiamento
    e si manterrà vigile
    27 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)