incontro

VIVERE SOTTO ASSEDIO A NABLUS (PALESTINA)

1 marzo 2005
ore 21:00 (Durata: 2 ore)

per comprendere quanto sia insostenibile il peso dell’occupazione militare israeliana a Nablus (come nel resto della Palestina), per cercare di trovare una vera soluzione a questa inaccettabile situazione, ascoltiamo insieme le testimonianze
di due giovani volontari palestinesi di Nablus che l’occupazione l’affrontano giorno per giorno con il loro impegno sociale, sia con il loro lavoro a bordo delle ambulanze di Medical Relief (ong palestinese tra le più attive nei territori; la cui principale attività consiste nel portare assistenza medica primaria ovunque ci sia bisogno, in special modo nelle situazioni più critiche), sia collaborando come animatori con una piccola associazione di strada chiamata “Ansar al Ensan - Human Support” che invece si occupa di organizzare feste e spettacoli ricreativi per quei bambini che maggiormente risentono dei traumi provocati dalle brutali politiche dell’esercito occupante.
_____________________________________________________________________________________

introduce l’incontro Barbara Di Tommaso, volontaria del presidio di Assopace a Nablus

nel corso dell’iniziativa verranno proiettati filmati girati dal gruppo di Medical Relief al quale i due volontari appartengono

Per maggiori informazioni:
giuseppe
338 5212 449
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia ed è del giugno 2021, ed è uno studio predittivo. Nelle conclusioni si legge: "Le stime della presente relazione sono pienamente in linea con le precedenti valutazioni, effettuate da autorità regionali e altri ricercatori".
    12 gennaio 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)