azione diretta

mobilitazione regionale per l'acqua pubblica

28 maggio 2005

GIORNATE DI MOBILITAZIONE REGIONALE PER L’ACQUA PUBBLICA - LAZIO
28 – 29 MAGGIO

Dopo le mobilitazioni in molte regioni italiane (Toscana, Campania, Abruzzo…) eD internazionali sempre più diffuse, anche nel Lazio nasce un coordinamento regionale in difesa dell’acqua pubblica, come diritto inalienabile dell’umanità e per la responsabilità collettiva della sua gestione.

Negli ultimi anni, anche nel Lazio le politiche liberiste di privatizzazione del servizio idrico sono avanzate a tambur battente: dalla messa in gara con concessione ai privati del servizio idrico dell’Ato di Latina, dove la maggioranza delle azioni private è in mano alla multinazionale Veolia Water, alla trasformazione dell’ex-municipalizzata del Comune di Roma Acea in S.p.a. a capitale misto, oggi gestrice del servizio idrico degli Ato di Roma e di Frosinone, ma con gangli di estensione in tutta Italia e a livello internazionale; alla vertenza in corso rispetto all’Ato di Rieti, dove si tenta anche lì di affidare il servizio idrico a società di capitale misto pubblico-privato.

Il Coordinamento Acqua Pubblica Lazio si riconosce come parte del movimento globale per la difesa dell’acqua come bene comune e si costituisce in questa Regione per opporsi anche qui a qualsiasi forma di privatizzazione del servizio idrico e per lottare per la ripubblicizzazione integrale di tutti i servizi, compresi quelli già gestiti in forma privatistica.

I primi appuntamenti che ci siamo dati sono per sabato 28 e domenica 29 per le GIORNATE DI MOBILITAZIONE REGIONALE. In molte città e quartieri si svolgeranno sit-in, volantinaggi, incontri di divulgazione.
(Di seguito il dettaglio degli appuntamenti)

Affinché l’acqua come bene comune e diritto universale diventi consapevolezza diffusa delle comunità locali e comporti l’affermazione di politiche economiche e sociali in direzione della proprietà pubblica e della gestione partecipata dell’acqua.

Coordinamento Acqua Pubblica Lazio

Gaeta, piazza Roma, banchetto controinformativo + raccolta firme per
petizione antiacqualatina, dom 29 nel pomeriggio;

Formia, sab 28, in mattinata sit in davanti ufficio acualatina (via
olivastro spaventola) nel pomeriggio stand informativo, volantinaggio e
raccolta firme petizione a piazza vittoria.

Castelforte, piazza municipio, domenica mattina, banchetto informativo +
petizione;

Lenola, Domenica 29, pomeriggio, imbavagliamento della fontana in piazza
cavour + banchetto informativo + volantinaggio + raccolta firme petizione;

Fondi, piazza del castello, Domenica mattina (quasi sicuro...) banchetto
info + volantinaggio + petizione antiacqualatina

Minturno, sabato pomeriggio e domenica mattina, banchetto info +
volantinaggio + petizione antiacqualatina.

Rieti, Piazza del Comune, sabato 28 Maggio - ore 18,30, incontro con PIETRO FOLENA dell’associazione italiana degli eletti progressisti e democratici per il Contratto mondiale sull’Acqua

Roma, sabato e domenica: volantinaggi e azioni dimostrative

CARTA D’INTENTI DEL COORDINAMENTO ACQUA PUBBLICA DEL LAZIO

L´acqua è fonte di vita. Senza acqua non c’è vita. L’acqua costituisce pertanto un bene comune dell’umanità, un bene irrinunciabile che appartiene a tutti. Il diritto all’acqua è un diritto inalienabile: dunque l’acqua non può essere di proprietà di nessuno, ma condivisa equamente da tutti. Il modello di sviluppo capitalistico ha generato una enorme disuguaglianza nell’accesso all’acqua, nonché una sempre maggior scarsità di quest’ultima a causa di modi di produzione distruttivi dell’ecosistema. Inoltre la questione idrica è stata spesso utilizzata strumentalmente per interventi che generano gravissime conseguenze sia sul piano ambientale che sociale, come nel caso delle dighe.

Le istituzioni economiche, finanziarie e politiche che per decenni hanno creato il degrado delle risorse naturali e l’impoverimento idrico di migliaia di comunità umane oggi dicono che l’acqua è un bene prezioso e raro e che solo il suo valore economico può regolare e legittimare la sua distribuzione. Noi sappiamo che non è così. Dopo decenni di ubriacatura neoliberista, gli effetti della messa sul mercato dei servizi pubblici e dell’acqua dimostra come solo una proprietà pubblica e una gestione partecipata dalle comunità locali possano garantire il diritto e l’accesso all’acqua per tutti e la sua conservazione per le generazioni future.

La proprietà pubblica delle sorgenti,delle reti, di tutte le infrastrutture necessarie alla raccolta, alla depurazione, ed alla distribuzione dell' acqua, nonché gli impianti per la raccolta e la gestione delle acque reflue è inalienabile; la gestione del servizio idrico integrato deve essere effettuata in forma completamente pubblica e partecipata.

Negli ultimi anni, anche nel Lazio le politiche liberiste di privatizzazione del servizio idrico sono avanzate a tambur battente: dalla messa in gara con concessione ai privati del servizio idrico dell’Ato di Latina, dove la maggioranza delle azioni private è in mano alla multinazionale Veolia Water, alla trasformazione dell’ex-municipalizzata del Comune di Roma Acea in S.p.a. a capitale misto, oggi gestrice del servizio idrico degli Ato di Roma e Frosinone, ma con gangli di estensione in tutta Italia e a livello internazionale; alla vertenza in corso rispetto all’Ato di Rieti, dove si tenta anche lì di affidare il servizio idrico a società di capitale misto pubblico-privato.
Ma un’altra grande forza è in campo da alcuni anni. Mobilitazioni locali e internazionali sempre più diffuse in difesa dell’acqua hanno dimostrato che un’altra sensibilità e volontà politica si va facendo strada fra le popolazioni: quella di lottare per il diritto all’acqua e alla responsabilità collettiva della gestione della stessa

Il Coordinamento Acqua Pubblica Lazio si riconosce come parte di questo movimento globale e diffuso e si costituisce in questa Regione per opporsi anche qui a qualsiasi forma di privatizzazione del servizio idrico e per lottare per la ripubblicizzazione integrale di tutti i servizi, compresi quelli già gestiti in forma privatistica.

Il Coordinamento Acqua Pubblica Lazio intende impegnarsi:
- a favore di una gestione pubblica del servizio idrico che tuteli la salvaguardia ambientale di un bene prezioso come l’acqua, i diritti degli utenti e dei lavoratori del servizio.
- per una gestione partecipativa del servizio, che preveda il controllo e la possibilità di partecipazione alle scelte fondamentali da parte dei cittadini e dei lavoratori del servizio;
- per una gestione trasparente, in cui i bilanci e la programmazione degli organismi di gestione siano pubblicizzati attraverso le più appropriate forme di comunicazione;
- per un servizio accessibile a tutti, attraverso un sistema tariffario mirato alla conservazione della risorsa naturale e proporzionale ai redditi e ai patrimoni;
- per una politica di riduzione dei consumi, per interventi strutturali in grado di ridurre le perdite, e salvaguardare il bene comune;
- per una gestione trasparente ed indirizzata al bene collettivo delle fontidi acque minerali della Regione.

Il Coordinamento Acqua Pubblica Lazio metterà in campo tutte le forme di informazione e mobilitazione affinché l’acqua come bene comune e diritto universale diventi consapevolezza diffusa delle comunità locali e comporti l’affermazione di politiche economiche e sociali in direzione della proprietà pubblica e della gestione partecipata dell’acqua.

COORDINAMENTO ACQUA PUBBLICA LAZIO

Prime adesioni:
Acea RdB, Ass. A Sud, Associazione Insieme per l'Aniene Roma, Ass. Punto Critico, Attac Aprilia, Attac Frosinone, Attac Roma, Comitato difesa acqua pubblica Formia, Comitato Difesa Acqua Rieti, Comitato di quartiere Aprilia, Comitato Provinciale difesa acqua Latina, ESC Roma, Geologia senza frontiere, Legambiente Lazio, Foro contadino Altragricoltura Latina, Forum Acqua Pubblica Viterbo, PRC Formia, PRC Nettuno, PRC Rieti, Rete solidale "Belli dentro" Aprilia, Roma Nord Est Social Forum, Social Forum di Latina, Sud Pontino Social Forum, Verdi Rieti.
,

Per maggiori informazioni:
Fabrizio Consalvi
3394968454
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • Ecodidattica
    I numeri del cancro in Italia (vedere file allegato)

    Limiti normativi, indicazioni OMS e rischi per la salute

    La maggior parte dei risultati degli studi che hanno valutato l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana provengono da studi condotti in aree (italiane o straniere) in cui tali limiti di legge erano rispettati. Questa osservazione vale anche per le valutazioni del rischio oncologico
    AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica)
  • Alex Zanotelli
    Webinar sul bando delle armi nucleari organizzato dall'agenzia di stampa internazionale Pressenza

    Padre Zanotelli: "Dobbiamo far aderire l'Italia al Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari"

    "Sarebbe un gesto di civiltà avere il coraggio di realizzare il disarmo nucleare per porre fine a diseguaglianze e sfruttamento", ha dichiarato il missionario comboniano, che ha aggiunto: ''Le armi atomiche, come disse Oppenheimer, sono la scienza che ha conosciuto il peccato'.
    23 gennaio 2021 - Antimafia Duemila
  • Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
  • Ecologia
    Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

    Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

    I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
    7 gennaio 2021 - Casey Camp-Horinek (attivista di Indigenous Rights of Natur)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)