convegno

Oscar Romero e il Centroamerica, venticinque anni dopo. Tra storia, memoria e attualità

19 novembre 2005

Il convegno si propone di riportare l’attenzione sulla figura di mons. Oscar Arnulfo Romero, a 25 anni dalla sua uccisione, e sulle vicende di un paese, El Salvador, che, come tutto il contesto centroamericano, è oggi particolarmente dimenticato dai mezzi d’informazione occidentali (europei in particolare) e rimosso dalle coscienze e dall’immaginario collettivo.
Accanto alla ricostruzione delle vicende di cui fu protagonista il vescovo di San Salvador nella stagione della nuova guerra fredda di inizio anni Ottanta e del contesto in cui si muoveva, si affiancheranno una serie di riflessioni sull’attualità del suo messaggio e della sua memoria in una stagione scossa da nuovi problemi e priorità geopolitiche ma accomunata a quella fase storica dalla crescente polarizzazione della ricchezza, dalla violenza diffusa e dal disagio e incremento della marginalizzazione sociale.
Ci si propone, insomma, di unire a una dimensione scientifica (ricostruttiva e interpretativa) un’anima più divulgativa, così da rompere silenzi e nuovi conformismi e da raggiungere un pubblico il più possibile eterogeneo, non solo di «esperti» e aficionados, ma anche di studenti, giovani, persone attive nel mondo del volontariato e della società civile. Per tener insieme queste diverse dimensioni si è pensato quindi di strutturare la scaletta di interventi, abbinando alla ricostruzione storica (di sfondi e protagonisti) una particolare sensibilità per gli aspetti testimoniali ma anche per il confronto ideale e civile con il messaggio di Romero, attraverso una rilettura della sua azione pastorale ed ecclesiale, della sua riscoperta dell’azione comunitaria (come antidoto alle logiche terroristiche e divisorie oggi quanto mai alla moda e sempre più pervasivamente globali) sia nel tempo della sua uccisione che proiettandola nei due decenni successivi. Sempre dando ampio spazio alla ricaduta sociale, civile, culturale e politica della sua esperienza e con attenzione alla sua attualizzazione.
è forse la prima volta che sulla vicenda di Romero - e sulla risonanza che essa ha avuto non soltanto all’interno del paese, ma anche al di fuori del confini del Salvador e del Centroamerica - si confrontano un gruppo così nutrito di esperti latinoamericani e italiani.

Per maggiori informazioni:
Centro Sociale Ambrosiano
02-86460974
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)