presidio

Presidio davanti al Consolato Marocchino di Milano

10 dicembre 2005
ore 11:00 (Durata: 2 ore)

L'Associazione Gherim di Nembro e la Cooperativa Sociale Amandla, in collaborazione con il Coordinamento delle Associazioni di Solidarietà con il Popolo Sahrawi della Lombardia, la sezione italiana del BIRDHSO (Bureau international droits humains du Sahara Occidental), il Coordinamento delle Associazioni di Solidarietà con il Popolo Sahrawi dell'Emilia Romagna e l'ANSPS (Associazione Nazionale di Solidarietà con il Popolo Sahrawi), comunicano che:
- in data 10 dicembre 2005 dalle ore 11,00 alle ore 13,00, giornata internazionale dei diritti dell'uomo, verrà organizzato un presidio davanti al Consolato del Regno del Marocco a Milano in Via Martiglioni 10, per sollecitare la liberazione dei difensori dei diritti umani sahrawi detenuti nelle carceri del Marocco.

Per maggiori informazioni:
Fabrizio Giovanelli
3494959667
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    In Memoria di Virginio Bettini

    Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa

    È occorso parecchio tempo per preparare il tuo libro postumo perché come tu ci hai chiesto, necessitava dei contributi di due tuoi cari compagni. Il primo contributo di Maurizio Acerbo e il secondo di Paolo Ferrero
    21 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)