evento

Undicesima Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie "Città industriali, città industriose...città giuste"

21 marzo 2006

Programma indicativo
Il programma è ancora in via di definizione.
Luoghi e orari potrebbero mutare nelle prossime settimane.
Vi invitiamo a visitare questo sito per aggiornamenti.

20 marzo 2006

Ore 14.30-17.30: Incontro tra i familiari delle vittime delle mafie. Confronto di esperienze e testimonianze. Presso la Fabbrica delle “e”, corso Trapani 91 Torino.

Ore 18.30: Veglia ecumenica di preghiera in ricordo delle vittime delle mafie. Presso il Duomo di Torino, via XX settembre, Torino. Presiede: il cardinale Severino Poletto.

21 marzo 2006

Ore 9.30: Aggregazione del corteo in piazza Vittorio Veneto a Torino

Ore 10.30-12: Marcia con lettura dei nomi delle vittime delle mafie. Tragitto: Piazza Vittorio Veneto/Via Po/Piazza Castello/Via Roma/Piazza S. Carlo

Ore 12-13.30: Interventi dal palco di Piazza S. Carlo. Autorità, familiari delle vittime, studenti.

Ore 13.30-14.30: Pranzo

Ore 14.30-17.30: Seminari di approfondimento, frutto del percorso delle “Commissioni tematiche Verso il 21 marzo”

* Presso l’Aula magna dell’Itis Avogadro, Via Rossini/Corso S.Maurizio: seminario sull’informazione. “Quale ruolo per l’informazione, nel contrasto all’illegalità diffusa e alla criminalità organizzata di stampo mafioso?” Ospiti in via di definizione

*Presso il Teatro Gobetti, via Rossini: seminario su “Sviluppo economico nel rispetto dei diritti e della legalità”. Ospiti in via di definizione

*Presso l’Aula Magna del Palazzetto Lionello Venturi, Via Verdi: seminario “La legislazione antimafia nel nostro paese: la posizione dei testimoni di giustizia”. Ospiti in via di definizione

Durante tutto il pomeriggio in Piazza San Carlo e nelle vie adiacenti ci sarà l’animazione sportiva a cura della “Commissione sport” e l’animazione artistica a cura della “Commissione artistica”.

Giochi di squadra, letture teatrali, giocoleria e tanto altro per passare il pomeriggio insieme

Ore 17.30-22.30: Concerto e interventi finali dal palco. Piazza San Carlo, Torino.

Per maggiori informazioni:
Libera Piemonte
011 2386330
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)