assemblea

Capaci di futuro IV Assemblea Nazionale della Rete Lilliput

10 marzo 2006
ore 10:24

venerdì 10 marzo
ore 20.00 : Tavola rotonda
I movimenti sociali a sei anni da Seattle: declino o nuova fase?
con: RAFFAELLA LAMBERTI (Associazione Orlando, Bologna), NANNI SALIO (Centro Sereno Regis, Torino), LORENZO MOSCA (Ist. Univ. Europeo, Firenze), MASSIMO SERAFINI (Legambiente), PIERLUIGI SULLO (Settimanale Carta)
intervengono: UGO BIGGERI, LUCA DE FRAIA, MONICA DI SISTO, ANNA FAZI, ANTONIO TRICARICO
sabato 11 marzo
ore 9.15 : Presentazione dell'assemblea
ore 9.30 - 12.30 : Sessioni parallele sui contenuti
1\ Percorsi di economia solidale - Criticità e potenzialità delle esperienze in atto [Referente: Andrea Saroldi]
2\ Pace, disarmo e nonviolenza oggi - Situazione, scenari e prospettive [Referente: Gualtiero Via]
3\ Il valore dell'acqua - Visioni d'insieme tra servizio pubblico, gestione del territorio e stili di vita [Referente: Nino Lo Bello]
ore 13.00 : Pranzo
ore 14.00 - 16.30 : Sessioni parallele sui contenuti
4\ L'impatto dello sviluppo - Grandi opere, centrali e inceneritori nei nostri "cortili" [Referente: Gabriele Bollini]
5\ Quale economia dei beni comuni - Prospettive per agire locale e globale [Referente: Antonio Tricarico]
6\ Migranti: dignità e cittadinanza - Approcci per una vita degna. Oltre i CPT [Referente: in fase di verifica]
ore 17.00 - 19.30 : Prima fase di assemblea
Quale futuro per Rete Lilliput? /1
Presentazione del percorso e delle proposte
Intervento di ALEX ZANOTELLI
Discussione libera
ore 20.00 : Cena
ore 21.30 : Festa
domenica 12 marzo
ore 9.30 - 13.00 : Fase conclusiva di assemblea
Quale futuro per Rete Lilliput? /2
Raccordo degli aspetti di analisi, contenuto e organizzazione:
Richiami dalle sessioni sui contenuti
Discussione e decisioni sulle proposte organizzative
Chiusura: un nuovo patto per la Rete Lilliput
ore 13.00 : Pranzo
informazioni
L'assemblea si svolgerà presso l'Istituto Salesiano Teresa Gerini (via Tiburtina 994). Vitto e alloggio sono disponibili presso l'istituto a prezzi modici (a breve verranno comunicati maggiori dettagli).
In treno: stazione di arrivo Roma Termini. Poi metrò linea B fino al capolinea Rebibbia, e proseguire a piedi sulla Tiburtina per circa 600 mt.
In auto: Autostrada A1 da Firenze/Napoli, A24/25 da Teramo/Pescara. Sul grande raccordo anulare seguire per Roma Tiburtina, e uscire sulla via Tiburtina (uscita 13), proseguendo in direzione Roma per circa 2Km.


Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.
- Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan.
- Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, - risponde Marco, - ma dalla linea dell'arco che esse formano.
Kublai Kan rimane silenzioso, riflettendo. Poi soggiunge: - Perché mi parli delle pietre? È solo dell'arco che mi importa.
Polo risponde: - Senza pietre non c'è arco.

I. Calvino, Le città invisibili

Per maggiori informazioni:
Rete Lilliput
Cell: 338.9757397
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)