presentazione

Testimonianze da New Orleans: Il Dopo Katrina

2 marzo 2006
ore 18:00 (Durata: 2 ore)

Liz Carter, statunitense, ha lavorato come volontaria a New Orleans con il National Trust for Historic Preservation e il Preservation Resource Center of New Orleans, nei mesi di novembre e dicembre 2005. Ha lavorato insieme a professionisti del restauro e della conservazione provenienti da varie parti degli Stati Unit. Tra i loro compiti, sopratutto, offrire assistenza e consigli ai residenti, essere testimoni diretti di quanto stava accadendo, fornire informazioni al National Trust e promuovere il sostegno economico e politico per la ricostruzione della regione.

Ha visto l'impatto dell'uragano sulle famiglie, sui quartieri, sulle comunità e sull'intera struttura sociale della città. Ha sentito da militari che sono stati in Iraq di quanto la situazione a New Orleans fosse altrettanto disastrosa. Ha conosciuto le terribili storie raccontate da quasi ogni persona che ha incontrato.

Da queste esperienze è stata indotta a raccontare quello che ha visto a coloro che desiderino saperne di più rispetto a quello che dicono i media.

Per Liz Carter "C'è un nesso chiaro fra i concetti di pace e giustizia con quello che succede sulla costa del Golfo di Messico; non si tratta della sola conservazione del pratimonio archittetonico, ma piutosto di salvare le culture, i popoli, le famiglie e difendere i loro diritti."

La presentazione comprende foto con una narrazione che spiega gli aspetti fisici, psicologici e politici di questa tragedia.

Traduzione per la serata a cura di Traduttori per la pace.

Liz Carter
Liz Carter lavora a Eugene nell'Oregon, USA come consulente per il restauro e la conservazione, settore nel quale opera dal 1993 con un master dell'Università dell'Oregon.

A fine marzo 2006, Carter tornerà a New Orleans con un gruppo di laureati dell'Università dell'Oregon per continuare il lavoro con il National Trust e il Preservation Resource Center.

Per maggiori informazioni:
U.S. Citizens for Peace & Justice
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)