manifestazione

Peace Parade

2 giugno 2006
ore 10:00

APPELLO ROMANO PER IL 2 GIUGNO

Siamo organizzazioni, reti, movimenti romani impegnate per la pace e i diritti.

Abbiamo sottoscritto nei giorni scorsi l’appello nazionale per chiedere la sospensione della parata militare del 2 giugno.
Siamo convinti che la Festa della Repubblica fondata sul lavoro e sulla pace meriterebbe ben altra celebrazione.

Il 2 giugno dovrebbe essere la festa dei cittadini e delle cittadine che ogni giorno, con il loro lavoro e il loro impegno, affermano e difendono i valori della nostra Costituzione.

Nonostante il dibattito che si è aperto nel paese e anche nel Parlamento, il Governo ha confermato che la parata si farà.
Noi contestiamo questa decisione e contesteremo la parata con modalità diffuse, creative, pacifiche.

L’appuntamento per coloro che a Roma intendono testimoniare l’Italia che ripudia la guerra e ogni forma di riarmo e di militarismo, che rispetta l’articolo 11 e chiede il ritiro delle truppe italiane dall’Iraq e dall’Afghanistan, è a PONTE S. ANGELO ALLE ORE 10

PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE

ORE 10. SIT-IN A PONTE S.ANGELO. Imbandieramento con striscioni e bandiere arcobaleno.
Presidi informativi con la campagna Controlarms e altre campagne del movimento contro la guerra
Lettura di poesie contro la guerra
Performance del mimo Armando Profumi
Performance delle Donne in Nero
"Die In" con sirena e mimesi del bombardamento
Interventi al microfono.

ORE 11,30. PARTENZA della PEACEPARADE (corteo) con bandierone arcobaleno sul lungotevere.

Con sosta a PONTE GARIBALDI E SISTEMAZIONE DEL GRANDE BANDIERONE ARCOBALENO sulle balaustre,
proseguimento per Via arenula fino a Largo Argentina

ORE 12. SIT-IN A LARGO ARGENTINA CON DISCORSI CONCLUSIVI, filmati, volantinaggio.

ADESIONI

ARCI-LAZIO
Bastaguerra-Roma
Laboratorio di resistenza alla guerra-Roma
Radio citta'aperta
Casa della Pace-Testaccio
AFFI-Roma (Ass. Fed.Femminista Intern.)
ACTION-Roma
WILPF-Roma
Confederazione COBAS
Casa delle Culture-Roma
Donne in Nero
Unponteper...
FIOM-Roma Sud
FIOM-Roma Nord
Essere comunisti-Prc Roma
Rete ROMARCOBALENO
LILLIPUT-ROMA
PAX-CRISTI-ROMA
Mani Tese- Roma
TAM TAM per Korogocho
Archivio Disarmo
ASSOCIAZIONE "ITALIA-IRAQ.L'IRAQ AGLI IRACHENI"
Emergency-Roma
CASAPACE-ROMA
ASSOCIAZIONE LIBERA
ReteComune-Roma
Sinistra Critica-area programmatica del PRC-Roma
Partito Umanista
RETE Artisti contro le guerre
Arteinmovimento
Ass. Giuristi Democratici-Roma
U.S. Citizens for peace and justice-Roma

INFO: nellagin@fastwebnet.it

Per maggiori informazioni:
Nella Ginatempo
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1948: A Nuova Dehli muore M.K. Gandhi, assassinato da un oppositore al suo annuncio di Pace.
  • Giornata internazionale scolastica per la nonviolenza

Dal sito

  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
  • Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)