convegno

'Primo Convegno TarantoViva' La questione ambientale a Taranto: aria, acqua e suolo.

23 gennaio 2004

Taranto è un sito inquinato d'interesse nazionale.
A livello regionale la nostra città ha la maggiore incidenza di tumori.
Per ottenere una maggiore opera di prevenzione ed anche perché ci sia maggiore assistenza terapeutica per un problema che ha una grandissima rilevanza sociale, i nostri concittadini hanno persino fondato associazioni.
Le polveri minerali ricadono da decenni sulle abitazioni e su chi ci vive ed ai Tamburi è capitato che le soffitte venissero svuotate di quintali di materiale metallico e che le persone chiedessero sconti sul prezzo dell'acqua per potere almeno risparmiare sui bucati e sulla pulizia delle case, laddove polmoni e territorio e mare non possono essere ripuliti.
Il Mar piccolo, un tempo vivaio naturale e quasi incubatrice spontanea della fauna ittica, oggi rischia la morte biologica per eccesso di sostanze inquinanti.
Eppure potrebbe costituire una risorsa importante per attività produttive come la piscicoltura e la miticoltura eccellenti per qualità e quantità e soprattutto a basso impatto ambientale.
Eppure le sue coste e le sue acque pulite e salvate dal degrado potrebbero offrire bellezza, sport e persino salute a turisti in cerca di suggestioni.
La litoranea, poi, e parte del territorio sono rovinate da discariche abusive e se è importante organizzare la gestione dei rifiuti, se bisogna formulare un piano articolato di recupero e pulizia della costa e realmente attuarlo in tempi umani, ancora più decisiva appaiono l'opera di sensibilizzazione dei cittadini sulla tutela dell'ambiente ed anche quella di controllo sulle condotte dannose e sbagliate.
Per questo abbiamo organizzato un Convegno che durerà una giornata e si articolerà in tre sessioni incentrate rispettivamente sulle problematiche relative all'aria, all'acqua ed al suolo; ci saranno interventi di esperti e di accademici, ci saranno anche apporti di associazioni ambientaliste e di cittadini come spiegato nel programma sotto riportato.
Vorremmo che fosse un'occasione per conoscere la situazione attuale, per discuterla, per proporre le soluzioni tecniche più adeguate e realizzabili.
Riteniamo che ciò che può davvero riscattare la difficile condizione dell'ambiente tarantino sia la comune presa di coscienza, da parte dei cittadini e da parte degli amministratori, dell'assoluta necessità di invertire la tendenza degli ultimi decenni.
Ecco la finalità di questa iniziativa:
affermare l'urgenza e l'improrogabilità del cambiamento e sollecitare un tentativo autentico di realizzarlo.

PROGRAMMA

PRESENTAZIONE – ore 9,30

Saluto Autorità e presentazione delle attività svolte dall’assessorato.
dott. Ingrosso
ing. Mirelli
(Assessorato Ambiente e Qualità della Vita – Sanità – Comune di Taranto)

ARIA – ore 9,50

Polveri Minerali: cosa fare?
L’attuale situazione a Taranto.
prof. Liberti
ing. Primerano
(Facoltà Ingegneria)

Vivere sotto le polveri minerali:
la storia e l’esperienza del comitato ‘Tamburi’.
sig. Cito
(Comitato cittadino permanente per l’ambiente)

I danni e la tossicità delle polveri minerali.
dott. Conversano
(ASL Taranto)

ACQUA – ore 14,00

L’ecosistema Mar Piccolo:
contaminazioni e rischi ambientali.
prof. Cardellicchio
(CNR – Istituto per l’ambiente marino e costiero – sezione di Taranto)

L’eutrofizzazione del Mar Piccolo.
prof. Petruzzelli
(Facoltà Ingegneria)

La Palude La Vela:
lagune interne e necessità di conservazione.
dott.ssa Guerra
(WWF sezione di Taranto)

La miticoltura nel Mar Piccolo:
esempio concreto di attività ecosostenibile.
dott. Portacci
(A.G.C.I. Pesca Taranto)

SUOLO – ore 16,00

Sistema informativo ambientale.
ing. Mirelli
(Direzione Ambiente e Qualità della Vita – Sanità – Comune di Taranto)

Impropria gestione della raccolta dei rifiuti e contaminazione del territorio.
prof. De Giorgi
(operatore della formazione e consulente ambientale)

Il sito inquinato di interesse nazionale di Taranto.
Caratterizzazione e bonifica dell’area ex Belleli.
prof. Notarnicola
(Facoltà Ingegneria)
ing. Intini
(Facoltà Ingegneria)
ing. Cangialosi
(Facoltà Ingegneria)

Per maggiori informazioni:
Albano Girolamo
338.4680493
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)