rappresentazione teatrale

Compagnia Abito in Scena in Ahimsa, dal 6 all'11 marzo al Teatro dell'Orologio ( sala Orfeo)

6 marzo 2007
ore 00:50

SotTeatro
presenta

Compagnia Abito in Scena
in
AHIMSA

con Monica Palese, Leonardo Pietrafesa, Antonio Santoro

testo e regia
LEONARDO PIETRAFESA

tecnico di scena Gianluigi Santoro
assistente alla regia Luca Morelli
direttore di scena Giovanni Palese

Ahimsa in sanscrito significa non violenza ovvero il principio ispiratore della vita di Mohandas Gandhi .
Una giornalista inglese e un nevrotico ufficiale dell’esercito britannico si alternano nel racconto dell’esistenza del Mahatma, la prima affascinata dalle azioni di Gandhi, il secondo suo fiero oppositore.
Sullo sfondo un’India magica e sofferente, dove immagini e parole corrono lungo un filo che unisce la riflessione a momenti di sorriso.
Lo spettacolo ripercorre la storia di un popolo e del suo dolore, riscopre il fervore della libertà tra le parole e i gesti di un grande uomo.

Lo spettacolo, che rievoca una pagina di storia drammatica e straordinaria, è una testimonianza sincera della grandezza e dell’autenticità di Mohandas Gandhi.
La Gazzetta del Mezzogiorno

Abito in Scena usa il linguaggio del teatro per sollevare la coscienza dello spettatore sull’impegno civile, sul male e sul bene della società, che sia lucana, italiana o indiana poco importa. Ciò che conta è l’uomo.
Il Quotidiano della Basilicata

Lo spettacolo sarà in programmazione al Teatro Dell’Orologio ( sala Orfeo) di Roma dal 6 all’11 marzo 2007.

Inizio spettacoli orario feriale 21:00; domenica alle ore 17:30.

Per maggiori informazioni:
Promozione e ufficio stampa Abito in Scena
340 3073530
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • Ecodidattica
    I numeri del cancro in Italia (vedere file allegato)

    Limiti normativi, indicazioni OMS e rischi per la salute

    La maggior parte dei risultati degli studi che hanno valutato l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana provengono da studi condotti in aree (italiane o straniere) in cui tali limiti di legge erano rispettati. Questa osservazione vale anche per le valutazioni del rischio oncologico
    AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica)
  • Alex Zanotelli
    Webinar sul bando delle armi nucleari organizzato dall'agenzia di stampa internazionale Pressenza

    Padre Zanotelli: "Dobbiamo far aderire l'Italia al Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari"

    "Sarebbe un gesto di civiltà avere il coraggio di realizzare il disarmo nucleare per porre fine a diseguaglianze e sfruttamento", ha dichiarato il missionario comboniano, che ha aggiunto: ''Le armi atomiche, come disse Oppenheimer, sono la scienza che ha conosciuto il peccato'.
    23 gennaio 2021 - Antimafia Duemila
  • Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
  • Ecologia
    Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

    Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

    I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
    7 gennaio 2021 - Casey Camp-Horinek (attivista di Indigenous Rights of Natur)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)