fiera

Presentazione "Pagine Arcobaleno di Reggio Emilia" guida pratica alla sostenibilità

1 maggio 2007

Il primo maggio in Piazza Prampolini dalle 8.00 alle 20.00, in concomitanza con il tradizionale appuntamento di “Pollicino in Fiera”, saranno presentate le “Pagine Arcobaleno di Reggio Emilia e Provincia- Una guida pratica alle scelte sostenibili”.
Primo esperimento in città per favorire la diffusione di beni e dei servizi di un’economia sostenibile locale. Si tratta di un servizio per certi versi simile a quello delle “pagine gialle”, ma al loro interno si trovano le informazioni, gli indirizzi, le storie delle piccole realtà economiche (e non) che esercitano il loro lavoro rispettando criteri di sostenibilità sociale ed ambientale.
Gli scopi di questo progetto , che è già stato realizzato in numerose città italiane, sono quelli di rendere possibile ai cittadini reggiani il praticare un consumo “critico” responsabile, favorendo in tal modo stili di vita sostenibili, ma anche quello di far emergere il circuito economico di queste attività e farle entrare in relazione fra loro. La prima fiera delle “Pagine Arcobaleno” è rivolta quindi sia al singolo consumatore, che potrà conoscere direttamente alcune delle aziende, produttori, negozi censiti, sia alle stesse realtà per conoscersi e confrontarsi.
La guida sarà disponibile in forma cartacea presso il banchetto del Gruppo Promotore (Cooperativa e Associazione Mag-6; Coop. Sociale Ravinala; Ce.Doc “Incontrotempo”;Legambiente ; Amnesty International; Tessuto del mondo; Attac) in piazza, ed anche in versione web all’indirizzo http.//reggioemilia.paginearcobaleno.it.
Il progetto, realizzato con il contributo volontario di tante persone, è stato finanziato grazie alle risorse messe a disposizione dal Fondo Speciale per il Volontariato 2005 della Regione Emilia-Romagna, ed è stato seguito dal Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Reggio Emilia “DarVoce”. Hanno inoltre dato il loro contributo e patrocinio i Comuni di Casina, Correggio, Reggio Emilia.
Per informazioni Anna Notari 333/8948761 anna@incontrotempo.org

Per maggiori informazioni:
Anna Notari
333/8948761
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)