convegno

Petrolio Iracheno tra vecchi interessi e nuovi sfruttamenti

29 maggio 2007
ore 14:00 (Durata: 5 ore)

Parliamone con Hassan Jumma Awad
Presidente della Federazione Irachena dei Sindacati del Petrolio

Si parla spesso di Iraq, ma difficilmente si sentono le voci degli iracheni, delle loro organizzazioni, delle loro forze politiche e sociali.

Il 29 maggio è un’occasione importante per ascoltare la posizione di uno dei sindacati più rappresentativi, conta 26.000 iscritti, ed è impegnato in importanti battaglie per i diritti dei lavoratori e contro la nuova legge sul petrolio che apre il paese alle compagnie petrolifere straniere favorendo contratti vantaggiosi e un ruolo importante nelle scelte strategiche di sviluppo del settore petrolifero e gasifero nel Paese che rappresenta la seconda riserva mondiale di idrocarburi.

Il sindacato, guidato da Hassan Jumma Awad, si è sempre espresso contro l’occupazione e sta chiedendo il ritiro delle truppe dal Paese, principale causa del violento scontro interno. Sostiene l’unità dell'Iraq e a più riprese si è espresso contro la privatizzazione del petrolio, unica risorsa in grado di garantire la ricostruzione e la ripresa economica.

E’ un sindacato che con coraggio porta avanti una battaglia per i diritti dei lavoratori, le libertà sindacali, l’assunzione dei precari, e che chiede tutele per la società civile irachena che sta subendo minacce e violenze che rendono molto pericolose le loro attività e il suo coinvolgimento nelle scelte del paese e nella costruzione di una via di dialogo per arrestare la violenza interna.

In un momento così drammatico per la popolazione irachena diventa ancor più importante l’ ascolto e il confronto con chi nel paese vive, rischia e lotta quotidianamente per poter capire anche cosa noi possiamo fare per sostenere le loro battaglie e le loro alternative.

L’incontro è promosso dalla Campagna Contro i Profitti di Guerra che vede impegnati Un Ponte per, Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, Oltreillimes on line, Lunaria, ARCI, ICS, A Sud, FIOM, e altre associazioni del pacifismo italiano.

Alla conferenza parteciperanno: Margherita Paolini di Oltreillimines online e Gregg Muttit dell'associazione inglese Platform, esperti di petrolio, Antonio Tricarico della Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, Paola Gasparoli di Un Ponte per. Inoltre, Luisa Morgantini Vice Presidente Parlamento Europeo e Anna Pizzo Ufficio di Presidenza del Consiglio Regione Lazio – Delega alla Partecipazione.

Sbilanciamoci!
Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace, l'ambiente

Per maggiori informazioni:
Sbilanciamoci!
068841880 - 0644361190
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)