incontro

I popoli indigeni della Colombia.

14 giugno 2007
ore 18:00 (Durata: 2 ore)

L'associazione El vagón libre - Onlus, in collaborazione con CISP e l'associazione "Ricerca e cooperazione", organizza un
incontro di approfondimento sulla situazione dei popoli indigeni della Colombia.

Il conflitto interno colombiano ha avuto un drammatico impatto sulle popolazioni indigene, minacciando i loro propri sistemi di governo, le loro forme di applicazione della giustizia, i loro territori e, in generale, la loro sopravvivenza fisica e culturale. Nel corso del 2005, secondo l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati a Bogotá, sono stati registrati numerosi atti di violenza e esecuzioni selettive eseguiti dai componenti di tutti i gruppi armati contro le autorità indigene, i medici tradizionali e le guide spirituali.

Il Relatore Speciale della Commissione dei Diritti Umani, Rodolfo Stavenhagen, nel suo Rapporto sulla Situazione dei Diritti Umani degli Indigeni, ha sottolineato l'estrema vulnerabilità e la difficilissima sopravvivenza culturale dei popoli indigeni di fronte agli effetti devastanti del conflitto che colpisce la Colombia da diversi anni e alle sue manifestazioni: assassinii, torture, sfollamento di massa, sparizioni forzate, reclutamento contro la volontà dei singoli e dei gruppi, stupro delle donne indigene e occupazione dei loro territori. Il Relatore ha osservato che il crescente fenomeno di militarizzazione e le numerose violazioni dei diritti umani stanno conducendo progressivamente al rischio di estinzione di molte delle comunità indigene.

Relatori:

Maria Cuellar Cabrera -
Avvocatessa e ricercatrice nel tema dei diritti umani.
Portavoce del Vagón libre - Onlus.

Antonino Colajanni -
Università La Sapienza

José Sebastián Jansasoy -
Fundación Zio-ai

Luca Di Paoli -
CISP

Andrea Stroppiana -
Ricerca e Cooperazione

Carlo Tassara -
CISP

Dario Sendoya Zuluaga - Moderatore

Dibattito e conclusioni.

Per maggiori informazioni:
Dario Sendoya
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1985: Sentenza della Corte Costituzionale Italiana: "La libertà di coscienza implica il diritto di rifiutarsi di compiere il servizio militare"

Dal sito

  • Cultura
    Il film del concerto del 2023 trasmesso da Rai3

    Paolo Conte alla Scala, un amico per il suo pubblico

    La serata è diventata un film presentato al Festival di Torino, con momenti del concerto e dei suoi preparativi, interviste e quell'affetto rispettoso tra l'artista, i suoi musicisti ed il pubblico
    25 maggio 2024 - Lidia Giannotti
  • Editoriale
    Perché contestiamo il G7

    Nove milioni di bambini morti ogni anno non fanno notizia

    Come pacifisti siamo indignati perché le risorse che potrebbero salvare quei bambini ci sono. Basterebbe una riduzione del 5,7% delle spese militari dei G7 per eliminare fame, malaria e mortalità infantile. Per questo accusiamo i G7 di omissione di soccorso.
    25 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Latina
    La ong inglese Earthsight, nel rapporto “Fashion Crimes” accusa i due colossi della moda

    Brasile: il cotone sporco di H&M e Zara

    H&M e Zara avrebbero realizzato capi di abbigliamento utilizzando tonnellate di cotone riconducibili a land grabbing, espropri delle terra e violenze.
    24 maggio 2024 - David Lifodi
  • MediaWatch
    Cosa possiamo fare per lui

    David McBride, un nuovo caso Assange

    In questa pagina web puoi leggere la storia di questo coraggioso avvocato militare australiano che ha denunciato i crimini di guerra in Afghanistan. E' stato condannato per aver obbedito alla sua coscienza e rivelato la verità.
    22 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Editoriale
    L'arresto richiesto dal presidente della Corte Penale Internazionale del premier Netanyahu

    Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?

    La reazione indignata del primo ministro israeliano Netanyahu, che ha respinto con veemenza il paragone tra lo "Stato democratico di Israele" e Hamas, tocca la diffusa convinzione che una nazione considerata "democratica" sia immune dall'accusa di crimini contro l'umanità. Il caso di David McBride
    22 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)