assemblea

Chiama l'Africa

1 luglio 2007

Carissimi,
siamo all’appuntamento dell’assemblea che dovrà delineare le attività del prossimo futuro oltre che approvare il bilancio consuntivo. E’ un appuntamento importante, dovremo portare a sintesi proposte che da un lato confermino la missione di Chiama l’Africa come laboratorio di innovazione per esprime quel nuovo patto di solidarietà con i popoli africani, dall’altro valorizzare il patrimonio di conoscenze che in questi dieci anni abbiamo maturato.
Nel dibattito, abbiamo anche il dovere di tenere presente come la vita di Chiama l’Africa sia legato all’esile struttura economica dell’associazione. Su questo versante abbiamo valutato quanto sia importante seguire l’osservazione dei bandi delle Fondazione e degli Enti, mentre potrebbe essere esplorata la possibilità di collaborazioni con le università. In questo periodo sono state fatte molte iniziative importanti, in particolare su Roma e nelle sedi dove abbiamo beneficiato dell’attività dei volontari in servizio civile. L’organizzazione soffre da tempo della mancanza di un punto di riferimento costante che raccordi l’attività del consiglio, della presidenza e del coordinatore con i territori. Con l’assetto organizzativo che ci eravamo dati in quest’ultimo anno, si è accentuata la capacità propositiva, in particolare su Roma con l’attività apprezzabile di Cristina, ciò ha ulteriormente aperta la forbice con la possibilità gestionale di Chiama l’Africa.
Ci troveremo per rifletter insieme in

ASSEMBLEA
O.D.G.

Verifica ed aggiornamento soci.
Comunicazione del presidente
Relazione del coordinatore delle attività svolte.
La voce dai territori
Bilancio consuntivo
Convegno ottobre
Altre piste di lavoro.

Ricordo a quanti non avessero già provveduto al versamento della quota associativa , di provvedere tempestivamente, ciò al fine di adempiere agli impegni che si stanno prospettando fin dai prossimi mesi.

Ci vediamo a Bologna il prossimo 1 luglio.
Chiama l’Africa onlus
Il presidente
Secondo Ferioli

N.B. Chi fosse impossibilitato a partecipare è pregato di inviare la delega.

Per maggiori informazioni:
Chiama l?africa
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)