campo

Pratiche nonviolente e conflitti di genere

25 luglio 2004
ore 12:18

La rivoluzione umana che può vantare l’assoluta mancanza di violenza è quella realizzata dai movimenti delle donne nel mondo. Esse hanno capito che la costruzione di reti di solidarietà, di valorizzazione dell’autorevolezza e di denuncia dell’autoritarismo è la strada attraverso cui smettere di sottostare al giogo del potere e iniziare percorsi di liberazione. Il processo di liberazione innescato dal femminismo è scaturito dalla constatazione che, se applicata tra i generi, la logica amico/nemico avrebbe portato alla catastrofe nel luogo primario degli affetti. Partire da sé, mettere in crisi la relazione con gli uomini in generale e con i propri uomini in privato (mariti, padri, figli, fidanzati, amici) ha provocato quel terremoto epocale che ha partorito la libertà di scegliere e scegliersi, modificando alle fondamenta la società e le sue istituzioni. Nei giorni che trascorreremo insieme vivremo momenti di lavoro di gruppo e individuale, che intrecceranno le pratiche e le teorie nonviolente con il pensiero femminista. Parleremo insieme, tra l’altro, degli schemi delle strutture decisionali e dei tipi di potere; del processo del consenso condiviso; della conoscenza delle radici economiche, sociali, culturali e patriarcali della guerra e della violenza; della distruzione dello stereotipo della frontiera e della sua difesa, così come dei concetti di maschile/femminile come gabbia. Ci aiuterà nelle riflessioni Monica Lanfranco, coautrice del libro Donne disarmanti.

Per maggiori informazioni:
Sergio Albesano
349-4031378
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)