dibattito

Armi nucleari: verso nuovi equilibri del terrore?

2 ottobre 2007
ore 21:00 (Durata: 2 ore)

Caffè-Sociale
con Angelo Baracca (Università di Firenze), autore del libro A volte ritornano: il nucleare (Jaca Books).
Moderatore: Lapo Casetti (Università di Firenze)
A più di sessant'anni dal bombardamento di Hiroshima e Nagasaki la minaccia
delle armi nucleari è tutt'altro che un lontano ricordo. Nonostante la fine
della contrapposizione frontale fra le due superpotenze nucleari, negli arsenali
rimangono testate a sufficienza per distruggere il pianeta svariate volte, e il
processo di disarmo sembra essersi arrestato. Inoltre la firma del trattato di
non-proliferazione nucleare, che mirava a evitare che altri paesi oltre a Stati
Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia potessero dotarsi di armi nucleari
e al quale hanno aderito moltissimi paesi, non ha purtroppo impedito la
costruzione di ordigni nucleari in India, Pakistan e Israele; e altri sembrano
pronti a unirsi al "club nucleare". Vi sono poi fondati timori che le armi
nucleari, considerate dopo Hiroshima uno strumento di pura deterrenza, possano
essere di nuovo utilizzate nei teatri di guerra.

Qual è la situazione attuale degli armamenti nucleari?
Quali sono oggi le reali prospettive di disarmo nucleare?
Qual è il ruolo degli scienziati nella ricerca nucleare e più in generale nella
ricerca militare?
In Italia ci sono armi nucleari? Chi le controlla?

Per maggiori informazioni:
Lapo Casetti
055 4572311
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Legami di ferro
    Lo riferisce il sito di siderurgia Siderweb

    "La nuova acciaieria a Odisha rischia di provocare un'autentica sollevazione popolare"

    In India i cittadini della regione sono contrari al progetto di Jindal e difendono l'ambiente dal rischio di deforestazione. E' previsto un taglio di un'area forestale per far posto a un maxi-stabilimento della JSW Steel da 12 milioni di tonnellate annue di acciaio
    25 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    L'Italia cessi di rifornire di armi chi ogni giorno in Africa commette stragi

    Giornata internazionale dell'Africa

    L'Africa ci parla, ci interroga, ci indica i nostri comuni doveri, e primo fra tutti il dovere di condividere il bene ed i beni fra tutti gli esseri umani, tutti ugualmente appartenenti all'unica umana famiglia, tutti ugualmente abitanti di quest'unico mondo vivente.
    24 maggio 2020 - Peppe Sini (Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera)
  • Ecologia
    Fuga da Taranto

    "ILVA è la peggiore operazione mai fatta da ArcelorMittal"

    "Un Vietnam", così Il Sole 24 Ore definisce Taranto. "Una bomba a orologeria piazzata nei conti del gruppo ArcelorMittal"
    24 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    La terrestrità unisce donne e uomini e ogni essere vivente in spazi e tempi di fraternità e sororità

    Agenda Onu 2030: pensare la pace

    In questi giorni, è stato l’anniversario della morte del colonnello sovietico Petrov che è riuscito a salvare l’umanità dalla terza guerra mondiale e nucleare, il giorno 26 settembre del 1983, in piena guerra fredda
    24 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Disarmo
    Il TPNW quasi in dirittura d'arrivo. Ma i trattati sul disarmo che si sciolgono...

    Da festeggiare. Forse sì ma forse no

    Il TPNW, il Trattato per la proibizione delle armi nucleari, ha trovato adesso un altro impegnativo firmatario. Il Belize, piccolo Stato nei Caraibi che va ad aggiungersi alla schiera delle ratifiche già avvenute da parte delle altre nazioni dell’arcipelago. Però...
    24 maggio 2020 - Roberto Del Bianco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)