dibattito

Armi nucleari: verso nuovi equilibri del terrore?

2 ottobre 2007
ore 21:00 (Durata: 2 ore)

Caffè-Sociale
con Angelo Baracca (Università di Firenze), autore del libro A volte ritornano: il nucleare (Jaca Books).
Moderatore: Lapo Casetti (Università di Firenze)
A più di sessant'anni dal bombardamento di Hiroshima e Nagasaki la minaccia
delle armi nucleari è tutt'altro che un lontano ricordo. Nonostante la fine
della contrapposizione frontale fra le due superpotenze nucleari, negli arsenali
rimangono testate a sufficienza per distruggere il pianeta svariate volte, e il
processo di disarmo sembra essersi arrestato. Inoltre la firma del trattato di
non-proliferazione nucleare, che mirava a evitare che altri paesi oltre a Stati
Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia potessero dotarsi di armi nucleari
e al quale hanno aderito moltissimi paesi, non ha purtroppo impedito la
costruzione di ordigni nucleari in India, Pakistan e Israele; e altri sembrano
pronti a unirsi al "club nucleare". Vi sono poi fondati timori che le armi
nucleari, considerate dopo Hiroshima uno strumento di pura deterrenza, possano
essere di nuovo utilizzate nei teatri di guerra.

Qual è la situazione attuale degli armamenti nucleari?
Quali sono oggi le reali prospettive di disarmo nucleare?
Qual è il ruolo degli scienziati nella ricerca nucleare e più in generale nella
ricerca militare?
In Italia ci sono armi nucleari? Chi le controlla?

Per maggiori informazioni:
Lapo Casetti
055 4572311
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)