mostra fotografica

Addis Abeba, Nuovo Fiore - foto di Gin Angri

26 settembre 2007
ore 18:00

INAUGURAZIONE: mercoledì 26 settembre, ore 18.00

Saranno presenti:

Gin Angri, fotoreporter
Andrea Dall’Asta, direttore Galleria San Fedele
Stefano Femminis, direttore di Popoli
Stefano Pirovano, critico d'arte

Oliva Piro, direttore de Il Sole

mostra a cura di
Stefano Pirovano

mostra promossa da
Galleria San Fedele
Popoli, mensile internazione dei gesuiti
Il Sole Ong Onlus, associazione per la cooperazione internazionale e le adozioni a distanza

Lo sguardo del fotoreporter Gin Angri attraversa le strade e le case di Addis Abeba (il cui nome significa Nuovo Fiore) - sepolta dal degrado, dal fango e dalle sue infinite contraddizioni - fino ad approdare, con totale coinvolgimento, nel cuore operativo dell'associazione Il Sole. Presente nella città con il progetto Fiori che rinascono, dal 2002 Il Sole ha aperto un centro di riabilitazione per bambini vittime di violenza sessuale, di età compresa tra i 2 e i 15 anni. L'obiettivo è offrire una possibilità concreta di riappropriarsi di una vita dignitosa, elaborando il trauma subìto e liberandosi dalla discriminazione legata allo stigma sociale. E sui particolari percorsi psicoterapici di teatro, musica, arti espressive, e laboratori fotografici, che affiancano le terapie tradizionali, il fotografo si sofferma, per testimoniare una speranza che diventa realtà.

Sul reportage un ampio servizio di Popoli nel numero di ottobre 2007.

Fino al 13 ottobre 2007

Orario: 16.00 – 19.00
da martedì a venerdì
apertura al mattino su richiesta

Per maggiori informazioni:
Galleria San Fedele
02.86352233
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1991: Alle ore 0,50 inizia la Guerra del Golfo, la prima dopo la fine della Guerra Fredda

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)