incontro

Cena solidale per il Senegal

11 ottobre 2008
ore 20:30 (Durata: 3 ore)

Organizzata dall'associazione Umanista Ritmi Africani
Buon cibo, racconto per immagini dell'ultimo viaggio in Senegal e Gambia, testimonianze dei volontari appena rientrati in Italia, presentazione delle attività per il nuovo anno. Sabato 11 ottobre alle 20.30 l'Associazione Ritmi Africani organizza una cena solidale i cui proventi sono destinati alla realizzazione di un pozzo a Babak, villaggio della regione di Thiès, e al sostegno di un orto comunitario nella regione della Casamance. Il tutto a 10 Euro.

L'associazione e i progetti
Ritmi Africani è impegnata da oltre sette anni in Senegal con una rete di volontari ormai presente in oltre 20 località, distribuite in 6 regioni, e in Gambia (a Serrekunda). Dal 2005 portiamo avanti una campagna di prevenzione e lotta alla malaria, malattia endemica sia in Senegal che in Gambia e che ogni anno uccide oltre 2.000.000 di persone; siamo attualmente impegnati nella costruzione di due centri polifunzionali a Diakine e a Bignona (nella regione della Casamance) per svolgere attività educative e sanitarie, nella costruzione di un pozzo a Babak (Thies) e del reparto maternità a Diourou (Casamance) e sosteniamo l'attivazione di orti e allevamenti comunitari nelle regioni di Dakar, Thies, Djourbel, Kaolak, Casamance, e innumerevoli attività di base volte alla prevenzione sanitaria, al sostegno scolastico dei bambini, alla formazione professionale delle donne.

Tutti i progetti vengono portati avanti attraverso il volontariato sia in Italia che in Senegal, e si basano sul coinvolgimento attivo delle popolazioni locali in un percorso di presa di coscienza e rivendicazione dei propri diritti, unica strada possibile per la lotta alla povertà. Appoggiamo il lavoro auto organizzato delle comunità locali in un processo a lungo termine che non si limita alla soluzione di problemi immediati, ma va verso la rimozione delle cause delle ingiustizie e della povertà; ci ispiriamo ai principi della solidarietà e delle nonviolenza attiva.

Per maggiori informazioni:
Associazione Umanista Ritmi Africani
339/2422825
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • CyberCultura
    Come i nostri cellulari ci sottopongono alla sorveglianza continua

    Preso d'assalto il Campidoglio: le app li hanno rintracciati.

    Due giornalisti sono riusciti a identificare non solo molti assalitori del Campidoglio americano, ma anche chiunque era nei paraggi, grazie ai dati, niente affatto anonimi, trasmessi in automatico dai loro telefonini. Siamo tutti pedinati.
    16 febbraio 2021 - Charlie Warzel & Stuart A. Thompson (giornalisti per la rubrica Opinion del New York Times)
  • Ecologia
    ArcelorMittal: "Non si è verificato alcun cedimento"

    Sindacati: “Vi è stato un cedimento della struttura refrattaria dell'altoforno 2"

    A solo mese della ripartenza e successivamente all'esecuzione degli interventi previsti dalle prescrizioni della Procura della Repubblica di Taranto i sindacati Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm e Usb denunciano il cedimento del rivestimento dell'altoforno appena rifatto
    1 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Kimbau
    Voci dal Congo

    Chiara Castellani racconta Luca Attanasio

    Altri ambasciatori sono complici del traffico di minerali preziosi come coltan, cobalto, manganese, diamanti, in cambio di armi. Luca era dalla nostra parte: documentava, fotografava, denunciava.
    1 marzo 2021 - Laura Tussi
  • Taranto Sociale
    Oggi lo ricorda il mondo della scuola

    Tommaso Anzoino

    E' morto, all'età di 81 anni. Lo ebbi come vicepreside dello storico Liceo Scientifico Battaglini, volto mite e tollerante in una scuola severa e autoritaria. Appassionato di Pasolini fu un punto di riferimento a Taranto per la cultura e per gli insegnanti che volevano rinnovare la scuola.
    1 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Video e documentazione

    Che cosa è la nonviolenza e come può essere efficace

    Si dice che l'azione nonviolenta sia debole o che rifiuti il conflitto. Al contrario, l'azione nonviolenta apre e gestisce i conflitti. Cammina nel conflitto, sfida l'ingiustizia e lavora per il cambiamento. Assume su di sè dolore o situazioni spiacevoli senza infliggerli ad altri.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)