incontro

Cena solidale per il Senegal

11 ottobre 2008
ore 20:30 (Durata: 3 ore)

Organizzata dall'associazione Umanista Ritmi Africani
Buon cibo, racconto per immagini dell'ultimo viaggio in Senegal e Gambia, testimonianze dei volontari appena rientrati in Italia, presentazione delle attività per il nuovo anno. Sabato 11 ottobre alle 20.30 l'Associazione Ritmi Africani organizza una cena solidale i cui proventi sono destinati alla realizzazione di un pozzo a Babak, villaggio della regione di Thiès, e al sostegno di un orto comunitario nella regione della Casamance. Il tutto a 10 Euro.

L'associazione e i progetti
Ritmi Africani è impegnata da oltre sette anni in Senegal con una rete di volontari ormai presente in oltre 20 località, distribuite in 6 regioni, e in Gambia (a Serrekunda). Dal 2005 portiamo avanti una campagna di prevenzione e lotta alla malaria, malattia endemica sia in Senegal che in Gambia e che ogni anno uccide oltre 2.000.000 di persone; siamo attualmente impegnati nella costruzione di due centri polifunzionali a Diakine e a Bignona (nella regione della Casamance) per svolgere attività educative e sanitarie, nella costruzione di un pozzo a Babak (Thies) e del reparto maternità a Diourou (Casamance) e sosteniamo l'attivazione di orti e allevamenti comunitari nelle regioni di Dakar, Thies, Djourbel, Kaolak, Casamance, e innumerevoli attività di base volte alla prevenzione sanitaria, al sostegno scolastico dei bambini, alla formazione professionale delle donne.

Tutti i progetti vengono portati avanti attraverso il volontariato sia in Italia che in Senegal, e si basano sul coinvolgimento attivo delle popolazioni locali in un percorso di presa di coscienza e rivendicazione dei propri diritti, unica strada possibile per la lotta alla povertà. Appoggiamo il lavoro auto organizzato delle comunità locali in un processo a lungo termine che non si limita alla soluzione di problemi immediati, ma va verso la rimozione delle cause delle ingiustizie e della povertà; ci ispiriamo ai principi della solidarietà e delle nonviolenza attiva.

Per maggiori informazioni:
Associazione Umanista Ritmi Africani
339/2422825
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Disarmo
    Biden e Putin siglano un comunicato congiunto “on Strategic Stability”

    Good News? La speranza continua

    "Gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”
    17 giugno 2021 - Roberto Del Bianco
  • Sociale
    Siamo nel 2021 e le donne, qui, in Italia, italiane e straniere, ancora non possono dire no!

    Saman

    Saman non è stata uccisa per ordine del Corano. Saman è stata uccisa dal sistema patriarcale. La sua uccisione è un femminicidio come qualsiasi femminicidio che succede quotidianamente in Italia e ovunque a conseguenza di una mentalità maschilista marcia ed arretrata
    17 giugno 2021 - Gulala Salih (Donna curda cittadina italiana. Attivista per la pace e i diritti delle donne e dei bambini)
  • Sociale
    Ilaria Di Roberto: «non siamo un sesso debole, siamo sopravvissute».

    «Quanto subisco rispecchia il concetto di femminicidio in vita»

    La denuncia pubblica di quanto subisce da anni e dell’ultima molestia subita l’11 giugno e un drammatico appello, «ho bisogno di essere creduta e di aiuto».
    17 giugno 2021 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)