incontro

Cena solidale per il Senegal

11 ottobre 2008
ore 20:30 (Durata: 3 ore)

Organizzata dall'associazione Umanista Ritmi Africani
Buon cibo, racconto per immagini dell'ultimo viaggio in Senegal e Gambia, testimonianze dei volontari appena rientrati in Italia, presentazione delle attività per il nuovo anno. Sabato 11 ottobre alle 20.30 l'Associazione Ritmi Africani organizza una cena solidale i cui proventi sono destinati alla realizzazione di un pozzo a Babak, villaggio della regione di Thiès, e al sostegno di un orto comunitario nella regione della Casamance. Il tutto a 10 Euro.

L'associazione e i progetti
Ritmi Africani è impegnata da oltre sette anni in Senegal con una rete di volontari ormai presente in oltre 20 località, distribuite in 6 regioni, e in Gambia (a Serrekunda). Dal 2005 portiamo avanti una campagna di prevenzione e lotta alla malaria, malattia endemica sia in Senegal che in Gambia e che ogni anno uccide oltre 2.000.000 di persone; siamo attualmente impegnati nella costruzione di due centri polifunzionali a Diakine e a Bignona (nella regione della Casamance) per svolgere attività educative e sanitarie, nella costruzione di un pozzo a Babak (Thies) e del reparto maternità a Diourou (Casamance) e sosteniamo l'attivazione di orti e allevamenti comunitari nelle regioni di Dakar, Thies, Djourbel, Kaolak, Casamance, e innumerevoli attività di base volte alla prevenzione sanitaria, al sostegno scolastico dei bambini, alla formazione professionale delle donne.

Tutti i progetti vengono portati avanti attraverso il volontariato sia in Italia che in Senegal, e si basano sul coinvolgimento attivo delle popolazioni locali in un percorso di presa di coscienza e rivendicazione dei propri diritti, unica strada possibile per la lotta alla povertà. Appoggiamo il lavoro auto organizzato delle comunità locali in un processo a lungo termine che non si limita alla soluzione di problemi immediati, ma va verso la rimozione delle cause delle ingiustizie e della povertà; ci ispiriamo ai principi della solidarietà e delle nonviolenza attiva.

Per maggiori informazioni:
Associazione Umanista Ritmi Africani
339/2422825
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)