evento

Carnevale che follia

22 febbraio 2009

Carnevale che follia.
Vi vogliamo raccontare una storia…

La grande parata di Carnevale rivolta a grandi e piccini per le strade del Municipio XI

Domenica 22 Febbraio 2009 alle ore 15.30 partirà da Piazza Bartolomeo Romano la sfilata “Carnevale che follia. Vi vogliamo raccontare una storia…”, che affollerà di carri le strade del Municipio XI di Roma. L’iniziativa, che gode del patrocinio del Municipio XI di Roma, è organizzata dall’Associazione 180 amici Onlus, che da quattro anni opera per la promozione e la tutela della salute mentale.

Dopo il successo della “Festa Diversa”, realizzata lo scorso 18 maggio in occasione del trentennale dall’approvazione della Legge 180 o Legge Basaglia, “Carnevale che follia” sarà una nuova occasione per ricordare quanto sia importante comprendere e valorizzare il concetto di diversità nel superamento del pregiudizio e dell’isolamento sociale.

Oggetto della sfilata saranno carri, maschere e travestimenti creati per l’occasione dal Laboratorio integrato del Liceo Psicopedagogico Rousseau e del gruppo Lacci di Scarpe.

La marcia muoverà da Piazza Bartolomeo Romano e, attraverso Via Francesco Passino, Via Giacomo Rho, Via Giustino De Jacobis e Piazza S. Eurosia, raggiungerà il giardino di fronte la chiesa di San Filippo Neri, dove avrà luogo la festa conclusiva con giocolieri, musica, canti e sorprese.

Hanno già confermato la propria adesione all’iniziativa numerose realtà attive sul territorio, tra cui Gruppo di Auto-Aiuto Lacci di Scarpe, Hagape 2000, Associazione di volontariato ImmensaMente, Circolo ARCI Arcobaleno, Associazione Oltre la Rete, Centro Diurno VI Municipio, Web-Radio “Radio Fuori Onda” Comunità terapeutica v.le G. Imperatore, Centro Diurno XI Municipio, e Teatro Mongiovino degli Accettella.

Per maggiori informazioni:
Associazione 180 amici Onlus
Via Renieri 44, 00143 Roma
E-mail: 180amici@libero.it
Web: www.180amici.tk

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)