corso

LA PACE SI FA TEATRO Laboratorio sulle pratiche di educazione alla Pace attraverso il Teatro dell’Oppresso

12 settembre 2009

Pax Christi e cooperativa Giolli organizzano

Il Teatro dell’oppresso è un metodo teatrale inventato e sviluppato da Augusto Boal negli anni '60 in Brasile e ora diffuso in tutto il mondo, che usa il teatro come linguaggio, come mezzo di conoscenza e trasformazione della realta' interiore, relazionale e sociale. E' un teatro che rende protagonista il pubblico e serve ai gruppi di "spett-attori" per esplorare, mettere in scena, analizzare e trasformare la realta' che essi stessi vivono. Si propone lo sviluppo della teatralita' umana al fine di analizzare e trasformare le situazioni di disagio, malessere, conflitto, oppressione, ecc. Il TdO si muove ai confini tra teatro, educazione, terapia, intervento sociale e politica.

COS’E’ UNO STAGE DI TDO?

Si tratta di 12 ore di lavoro esperienziale, inframezzate da discussioni e riflessioni, con lo scopo di presentare succintamente il TdO a chi non lo conosce per nulla.
Valorizzando le proprie esperienze personali nel campo dell’educazione alla pace e alla non violenza, cercheremo di fornire strumenti per la gestione dei conflitti.
Si lavorerà per circa 6 ore al giorno con pause. Si toccheranno brevemente storia e concetti del Tdo e si presenteranno, facendoli sperimentare ai corsisti, i tre principali strumenti:
giochi-esercizi delle 5 categorie per la demeccanizzazione
le tecniche di teatro immagine
il Teatro Forum

Il gruppo, di min. 12 persone e max 20, passerà gradualmente da esercizi di riscaldamento a tecniche più complesse, esplorando i temi su cui si deciderà di soffermarsi.

A CHI SI RIVOLGE?

Il Laboratorio è aperto a chiunque interessato.
In base alla nostra pratica ci sembra possa essere sia un interesse personale che professionale.
Il TdO è infatti usato da insegnanti nell’Educazione alla Pace e al Conflitto, nell’Educazione Interculturale, alla Salute, ecc.
Da operatori sociali nella prevenzione del disagio, nella riabilitazione psichiatrica, nel lavoro con chi ha fatto uso di sostanza stupefacenti, nel lavoro con i diversamente abili, con gli anziani, i detenuti, .
Inoltre da operatori di strada nei progetti di Sviluppo di Comunità e nel Lavoro di Rete. Non mancano anche volontari di associazioni e membri di gruppi impegnati che usano il TdO come strumento di sensibilizzazione di un territorio alle diverse problematiche.

OBIETTIVI DELLO STAGE:

A partire dal mettere a conoscenza delle tecniche usate dal TdO l’obiettivo principale è quello di ricercare:
una relazione tra il teatro e il territorio
un modo per confrontarsi sulla quotidianità del nostro territorio
Nell’ambito dell’impegno sociale è inoltre importante capire:
-quali ipotesi di intervento si possono individuare col teatro
-come si può essere cittadini attenti e coscienti
-come individuare punti in comune per incontrarsi e interrogarsi.

Per maggiori informazioni:
Pio Castagna
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)