evento

Esercitazione locale di difesa popolare nonviolenta

6 novembre 2009
ore 16:30


Quanto siamo pronti ad utilizzare una strategia e degli strumenti ispirati alla nonviolenza per difenderci collettivamente?

Questa domanda rappresenta il motivo di fondo della “Esercitazione locale di Difesa Popolare Nonviolenta”, un’esperienza formativa proposta da Pax Christi – Napoli nell’ambito delle proprie attività di educazione alla pace. Riteniamo, infatti, che in tema di difesa civile non militare e non armata occorra decisamente passare da una fase prevalentemente espositiva alla realizzazione di esperienze pratiche, che consentano non solo di riflettere su possibilità e caratteristiche di una difesa alternativa, ma soprattutto di attivare persone e gruppi in grado di proporla nel proprio ambiente. Consideriamo ciò un tema di grande attualità ed urgenza, di fronte alla crescente militarizzazione sia del territorio che della gestione dei problemi sociali (ad es. sicurezza, rifiuti, protezione civile, ecc.).

L’esperienza coinvolgerà comuni cittadini e persone che già hanno una preparazione specifica.

Parteciperanno 40 persone:

· 35 liberamente iscritte.

· 5 nell’ambito delle organizzazioni pacifiste e ambientaliste del territorio napoletano che abbiano un’adeguata conoscenza del metodo nonviolento.

Per questa prima esercitazione il numero dei partecipanti è volutamente contenuto; ne saranno studiati gli esiti per valutare ulteriori e più ampi sviluppi. La progettazione e la conduzione è a cura del gruppo Pax Christi - Napoli.

Le iscrizioni (gratuite) si chiudono il 25 ottobre 2009.

Per maggiori informazioni:
Punto Pace di Napoli
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
  • Disarmo
    Comunicato stampa di Stop RWM e Madri contro la repressione

    "Non vogliamo la fabbrica di bombe"

    Il 23 settembre ci sarà la prima udienza in Consiglio di Stato contro la fabbrica di bombe RWM (Domusnovas, Sardegna) per il ricorso sporto da Italia Nostra, USB, CSS-Assotziu Consumadoris.
    17 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)