evento

Esercitazione locale di difesa popolare nonviolenta

6 novembre 2009
ore 16:30


Quanto siamo pronti ad utilizzare una strategia e degli strumenti ispirati alla nonviolenza per difenderci collettivamente?

Questa domanda rappresenta il motivo di fondo della “Esercitazione locale di Difesa Popolare Nonviolenta”, un’esperienza formativa proposta da Pax Christi – Napoli nell’ambito delle proprie attività di educazione alla pace. Riteniamo, infatti, che in tema di difesa civile non militare e non armata occorra decisamente passare da una fase prevalentemente espositiva alla realizzazione di esperienze pratiche, che consentano non solo di riflettere su possibilità e caratteristiche di una difesa alternativa, ma soprattutto di attivare persone e gruppi in grado di proporla nel proprio ambiente. Consideriamo ciò un tema di grande attualità ed urgenza, di fronte alla crescente militarizzazione sia del territorio che della gestione dei problemi sociali (ad es. sicurezza, rifiuti, protezione civile, ecc.).

L’esperienza coinvolgerà comuni cittadini e persone che già hanno una preparazione specifica.

Parteciperanno 40 persone:

· 35 liberamente iscritte.

· 5 nell’ambito delle organizzazioni pacifiste e ambientaliste del territorio napoletano che abbiano un’adeguata conoscenza del metodo nonviolento.

Per questa prima esercitazione il numero dei partecipanti è volutamente contenuto; ne saranno studiati gli esiti per valutare ulteriori e più ampi sviluppi. La progettazione e la conduzione è a cura del gruppo Pax Christi - Napoli.

Le iscrizioni (gratuite) si chiudono il 25 ottobre 2009.

Per maggiori informazioni:
Punto Pace di Napoli
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Disarmo
    Nelle basi Nato di Aviano (Pordenone) e Ghedi (Brescia) ci sono 70 testate atomiche americane

    A 75 anni dalla tragedia di Hiroshima e Nagasaki

    La commemorazione di Hiroshima e Nagasaki deve convincere a prendere finalmente decisioni di disarmo, almeno di disarmo atomico, troppo a lungo rimandate.  E’ inaccettabile che il nostro paese, che ripudia la guerra e ha fatto la scelta antinucleare, ospiti armi nucleari.
    6 agosto 2020 - MIR (Movimento Internazionale della Riconciliazione)
  • Latina
    I paramilitari attaccano i municipi occupati dai comuneros con metodi da Ku Klux Klan

    Araucanía: violenza razzista di Stato contro i mapuche

    Preoccupano le condizioni di salute dei prigionieri politici mapuche in sciopero della fame
    5 agosto 2020 - David Lifodi
  • Latina

    Piano interventista contro il Nicaragua

    Gli USA si preparano a gestire tre possibili scenari prima e dopo le elezioni del prossimo anno
    4 agosto 2020 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Pretendiamo un atto di dignità, il governo si riscatti firmando il Trattato!

    HIROSHIMA E NAGASAKI 75 anni fa: mai più!

    In Italia ospitiamo 70 bombe nucleari americane, in caso di guerra saremmo uno dei primi bersagli, nessun governo lo ha mai dichiarato ai cittadini
    4 agosto 2020 - Rossana De Simone
  • Latina

    Difendere i beni comuni è sempre più pericoloso

    Nuovo rapporto di Global Witness evidenzia un drastico incremento degli omicidi di attivisti in difesa della terra e dell’ambiente
    3 agosto 2020 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)