convegno

Dare un futuro ai propri valori. Il lascito testamentario a favore di Emergency.

21 novembre 2009
ore 16:00

“Come posso nominare Emergency nel mio testamento?”, “Quali beni posso destinarle?”, “Posso scrivere
da solo le mie volontà?”
Sono queste le domande che Emergency riceve sempre più spesso dai suoi sostenitori e da chi si
interessa al suo lavoro.
Per questa ragione Emergency, in collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato e con il suo
Patrocinio, darà avvio nel prossimo mese di novembre a una campagna informativa che prevede
l’organizzazione di incontri pubblici durante i quali due notai designati dai Consigli Notarili Distrettuali
approfondiranno con gli interessati le modalità del lascito testamentario.

Gli incontri si terranno il 21 novembre in 29 città italiane: Ancona, Bari, Bergamo, Bologna, Bolzano,
Brescia, Cagliari, Catania, Firenze, Forlì, Genova, Isernia, Lecce, Livorno, Macerata, Mantova, Messina,
Milano, Napoli, Novara, Padova, Palermo, Parma, Pisa, Roma, Sassari, Torino, Trento, Venezia.
Emergency è un’associazione indipendente. Oltre l’80% del suo budget è costituito da donazioni di
privati delle quali il lascito testamentario rappresenta quote sempre più consistenti.
È un segno di fiducia verso un’associazione che ha fatto dell’efficienza e della trasparenza nell’uso delle
risorse la cifra del suo intervento umanitario: in 15 anni di attività, mediamente il 94 per cento dei fondi
raccolti è stata impiegata direttamente nei progetti, per offrire cure gratuite e di alta qualità alle
vittime della guerra e della povertà.
Fare testamento a favore di Emergency è un modo per dare continuità al proprio impegno per la
costruzione di un futuro di pace, di solidarietà e di rispetto dei diritti umani.
Tutte le informazioni sulla Campagna Lasciti sul sito www.emergency.it alla voce Sostienici o all’indirizzo:
lasciti@emergency.it .

Per maggiori informazioni:
Emergency Roma
06688151
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)