festa

Interhetic fest - la Notte dei Colori

20 agosto 2011
ore 19:00

Interethic fest – la Notte dei Colori, trova in Nicosia il luogo ideale per celebrare la multiculturalità attraverso la musica, l'arte, il cibo e la cultura.
A Nicosia i visi, i luoghi, le parole, le musiche e i cibi rappresentano la testimonianza viva dell'origine multiculturale dell'identità siciliana e nicosiana, sono le tracce indelebili delle civiltà che qui sono vissute.
Asterisco, in collaborazione con CO.P.E.-COOPERAZIONE PAESI EMERGENTI e il contributo del Comune di Nicosia, ha voluto organizzare Interethic fest per richiamare l'attenzione sui benefici dell'incontro fra le culture, della loro conoscenza ma anche ribadire la necessità di tenere acceso il dibattito, anche attraverso momenti di festa.
Sabato 20 agosto Nicosia vivrà una giornata ricca di eventi da cui trarre intrattenimento e spunti: concerti, conferenze, mostre e animazione.
All’interno di Interethic fest ill CO.P.E. presenterà la guida al consumo critico “Fà la cosa giusta! Sicilia” che fornisce utili informazioni e pratiche indicazioni per stili di vita sostenibili, a cura del comitato regionale Fà la cosa giusta!
La colonna sonora di Interethic fest sarà invece suonata da Trizziridonna, Farasibà e African ‘Ngewel.
L’evento sarà arricchito da mostre fotografiche e di pittura che richiamano scorci d’Africa e di Sicilia mentre i bambini saranno intrattenuti in diverse iniziative di animazione, il tutto nel segno dello scambio e della conoscenza reciproca, che potremo anche gustare grazie a un ristoro di ricette multietniche.
Il CO.P.E.e Asterisco invitano tutti all'Interethic fest e a esplorare e vivere una Nicosia diversa .

Ingresso libero

Dalle h 19.00:
Presentazione guida al consumo critico “Fà la cosa giusta-Sicilia”
Concerti di Trizziridonna, Farasibà e African ‘Ngewel
Mostre di Fotografia e Pittura
Animazione
Cena multiculturale
Artigianato di prodotti equo e solidali dal mondo.

Per maggiori informazioni:
CO.P.E.
095-317390
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1946: Gli Italiani nel referendum tra monarchia e Repubblica scelgono la Repubblica. Per la prima volta votano le donne

Dal sito

  • Disarmo
    La nostra industria di armamenti da lavoro, incluso l’indotto, a circa 150.000 persone

    L'Italia ripudia la guerra, ma vende le armi nel mondo

    Eppure la legge n. 185 del 9 luglio 1990 vieta l'esportazione ed il transito di materiali di armamento verso i Paesi in stato di conflitto armato. Eppure l'articolo 11 della Costituzione ripudia la guerra. Perciò occorre subito sospendere l’esportazione di armi verso le parti in conflitto in Yemen.
    1 giugno 2020 - Dale Zaccaria
  • Pace
    Per la prima volta le donne sono chiamate alle urne

    2 Giugno: la Repubblica è viva!

    Il 2 giugno 1946 gli Italiani, usciti da uno dei peggiori periodi storici, il fascismo, il nazismo e la seconda guerra mondiale, si trovarono a decidere se mantenere una forma di stato monarchico o se diventare una Repubblica 
    1 giugno 2020 - Laura Tussi (e Fabrizio Cracolici)
  • Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • Voltana
    Ho raccontato la corsa a perdifiato di mio padre per sfuggire ai tedeschi

    Il ricordo più bello di quest'anno scolastico

    Una mamma mi ha fermato per dirmi che quella storia non l'avrebbe mai dimenticata e che suo figlio gliel'aveva raccontata. Vorrei una scuola così, che lasci un ricordo e storie da custodire, perché la vita, anche in classe, può diventare bella, indimenticabile e commovente.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Taranto Sociale
    E l'ultima notizia è che concedono altri 14 mesi di proroga alla copertura dei nastri trasportatori

    Volevano tanto bene a Taranto

    Ma si sono dimenticati i tarantini nel forno. I bambini esplodevano uno dopo l'altro come chicchi di pop-corn. E gli ultimi che avrebbero dovuto aprire il portellone non l'hanno fatto.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)