convegno

Liberi dalla paura nucleare: è un diritto!

28 marzo 2015
ore 09:30

Convegno al Liceo Manzoni di Milano, sabato 28 Marzo 2015
Liberi dalla paura nucleare: è un diritto!

http://www.peacelink.it/pace/a/41459.html

Il 28 marzo 2015, al Liceo Manzoni di Milano, si terra il Convegno:

LIBERI DALLA PAURA NUCLEARE: E' UN DIRITTO!

Interventi di:

Luigi Cadelli - Alessandro Secchi - Alfonso Navarra - Luigi Mosca - Giovanna Pagani - Laura Tussi

Il 28 marzo 2015, al Liceo Linguistico Manzoni di Milano (via Grazia Deledda n.
11, ore 9.30), che è stato appena sede di un incontro di giovani provenienti da
tutta Europa, lanciamo un appello internazionale che propone una
risoluzione dell'ONU che possa renderci liberi dalla paura della guerra
nucleare.

L'appello è al momento solo in lingua italiana e si può trovare on-line
alla URL: *http://www.petizioni24.com/dirittoaldisarmonucleare*
<http://www.petizioni24.com/dirittoaldisarmonucleare>

Siamo i promotori di ESIGIAMO! il DISARMO nucleare totale (vai alla URL:
*http://www.petizioni24.com/esigiamo* <http://www.petizioni24.com/esigiamo>)
cui si aggiunge il M.U.N. Milano, la simulazione dell'ONU effettuata da
ragazze e ragazzi con scopi civici e didattici, con i suoi docenti e
soprattutto con i suoi giovani protagonisti.

Si raccoglieranno firme, prima di New York - in aprile/maggio vi si svolge
la sessione della revisione del TNP- Trattato di Non Proliferazione - e le
consegneremo a Ban Ki Moon.

Con questo testo base intendiamo anche contattare il governo di Cuba, che
alla Conferenza di Vienna (dicembre 2014) ha proposto una precisa road map
per arrivare al bando delle armi nucleari : l'idea è di riprendere e
qualificare su basi più solide il "percorso umanitario", interrotto dalle
conclusioni di Vienna, dopo il prevedibile "fallimento" di New York.
Occorre un incontro degli Stati "volenterosi" che si impegnano da subito
per il bando delle armi nucleari e lo attuano immediatamente per quanto di
loro competenza, senza aspettare la maggioranza degli altri Paesi.

Ma chiunque abbia contatti per intraprendere strade costruttive (esempi: la
Santa Sede, il nuovo governo greco...) si attivi e ci coinvolga!

Ricordiamo soprattutto la comune umanità! ... e non molliamo!

Questo il testo dell'appello:

Al Segretario Generale dell’ONU

(DICHIARAZIONE IMPEGNATIVA PER LE SINGOLE PERSONE IN SOSTEGNO DI UNA
RISOLUZIONE DELL'ONU PER UN MONDO LIBERO DALLE ARMI NUCLEARI)

adesione on-line su:

*dirittoaldisarmonucleare*
<https://mail.google.com/dirittoaldisarmonucleare>

collegata all'iniziativa: ESIGIAMO! IL DISARMO NUCLEARE TOTALE

(vai alla URL: *http://www.petizioni24.com/esigiamo*
<https://mail.google.com/esigiamo>*)*

Noi cittadini del mondo, firmatari della presente Dichiarazione, esprimiamo
l’aspirazione ad un futuro di pace, quale è contenuta nella Carta delle
Nazioni Unite.

Questo per noi significa in primo luogo e soprattutto agire per scongiurare
l’eventualità terrificante, e attualmente sempre più probabile, di una
guerra nucleare; ed affermiamo, in conformità con i veri scopi e i principi
della comunità internazionale, il diritto dell’intera umanità a vivere
libera dalla minaccia nucleare.

Ci impegniamo a manifestare e diffondere, con tutti i mezzi democratici a
nostra disposizione, la consapevolezza che la dignità umana ha come radice
ultima il supremo diritto alla vita di ogni individuo (Articolo 3 della
Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo) e quindi, a fortiori, della
specie umana : essa è allo stesso tempo salvaguardia della memoria delle
generazioni passate e garanzia di senso del futuro per tutti.

La decisione che esigiamo dai nostri governi, per realizzare un ordine
internazionale libero dal ricatto dello sterminio nucleare, è di dichiarare
proibita l’arma nucleare in quanto incompatibile con tutti i fini, nessuno
escluso, delle Nazioni Unite, e foriera di una dinamica spaventosa di
massacri e di distruzione per la società mondiale e per gli ecosistemi
naturali.

Affermiamo che la dichiarazione di illegalità delle armi nucleari (non solo
l'uso ma anche semplicemente la minaccia dell'eventuale uso) e la loro
eliminazione sono legate indissolubilmente.

Consideriamo un crimine contro l’umanità il mantenere in funzione gli
arsenali nucleari (e a maggior ragione la loro modernizzazione) e non
impegnarsi a distruggere le armi nucleari in proprio possesso. Infatti,
come appare ovvio, la preparazione di un crimine è già un crimine!

Riteniamo sia obbligatorio per qualsiasi Paese civile impegnarsi a
distruggere ogni impianto di produzione di armi nucleari di sua proprietà o
in suo possesso o ubicato in qualunque località sotto la sua giurisdizione
o controllo.

Esigiamo dai governi che siano impegnati a preparare e a far approvare
dall’Assemblea delle Nazioni Unite una "risoluzione" sul "diritto a vivere
liberi dalla paura della guerra nucleare" e per la conseguente messa al
bando degli armamenti nucleari, quale diritto universale e indivisibile,
che il diritto di autodifesa degli Stati non può scavalcare.

L’approvazione di un tale diritto determinerà, per tutti gli Stati membri
della comunità internazionale, l’obbligo giuridico della rinuncia all’uso
della minaccia nucleare anche per fini di "deterrenza" e a procedere, in
modo controllato e pianificato, ma rapido, a quel disarmo nucleare che è
obiettivo ufficialmente ritenuto "necessario" da tutti, anche (senza però
calendario!) dalle potenze nucleari.

A livello di organismi e di meccanismi ONU, esigiamo che si proceda alla
stipulazione di un Trattato per il bando delle armi nucleari analogo a
quelli già sottoscritti per le armi biologiche e chimiche e che di
conseguenza siano previste congrue sanzioni nei casi di violazione del
diritto affermato.

Primi firmatari del testo

(che è stato sottoposto alla X Conferenza organizzata dal *M.U.N. Milano*,
11-14 marzo 2015, cui ha partecipato in qualità di relatore Luigi Mosca)

Luigi Cadelli (M.U.N. Milano *www.milanmun.it*
<https://mail.google.com/mail/u/0/html/compose/static_files/www.milanmun.it>
Tel. 347/2308125 *luigicadelli@yahoo.it* luigicadelli@yahoo.it >

Alessandro Secchi - Nicole Buzzetti - Michael Milovan - Carmelo Emanuele -
Thomas Lozano - Omar Colangelo - Virginia Dal Zuffo - Giacomo Annoni - Sara
Mazarese - Giorgia Zampier - Carlotta Trevisan - Letizia Bonfanti

Mario Agostinelli (Energia Felice) - Luigi Mosca (Armes nucléaires stop) -
Alfonso Navarra (Fermiamo chi scherza col fuoco atomico) – portavoci di
"ESIGIAMO il disarmo nucleare totale"
info: *locosm@tin.it* locosm@tin.it > *www.osmdpn.it*
<https://mail.google.com/mail/u/0/html/compose/static_files/www.osmdpn.it>
*www.energiafelice.it* <http://www.energiafelice.it/> cell. 340-0878893
335-1401703

Antonia Sani, Giovanna Pagani, Patrizia Sterpetti, Sancia Gaetani (WILPF
Italia - Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà -
antonia.sani@alice.it locosm@tin.it > cell. 349-7865785)

Emanuele Patti (ARCI Milano) - Fabrizio Cracolici, Laura Tussi (Progetto
"Per non dimenticare" - Città di Nova Milanese e Bolzano)-
Alessandro Marescotti (PeaceLink) - Giuseppe Farinella (Associazione Energia Felice-
ARCI)

Massimo Aliprandini - Beppe Marazzi - Luciano Zambelli -Tiziano Cardosi -
Vittorio Pallotti (Campagna di obiezione di coscienza alle spese militari
per la difesa popolare nonviolenta)- Isabella Horn - Giuseppe Bruzzone

Per maggiori informazioni:
Alfonso Navarra
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    La CIA è presente sul terreno

    Forze speciali della Nato già operano in Ucraina

    Un'operazione segreta che coinvolge le forze delle operazioni speciali statunitensi indica l'entità dello sforzo per assistere l'esercito ucraino che non ha ancora ricevuto le nuove armi.
    26 giugno 2022
  • Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Pace
    I dati del sondaggio europeo ECFR dà i pacifisti in minoranza fra i Grünen

    I Verdi tedeschi e il pacifismo

    La maggiore percentuale di pacifisti in Germania non è fra i Verdi ma fra i socialdemocratici dell'SPD. Intanto il giornale Der Spiegel ironizza sui leader verdi tedeschi ribattezzandoli "verdi oliva" e raffigurandoli con tute militari verdi, elmetto e bazooka
    23 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti
    Oggi alla Camera dei Deputati

    Cosa rispondere a Draghi che dice: "L'Ucraina si deve difendere"

    Una difesa è tale quando riduce le sofferenze, i morti, i feriti, non quando li aumenta, ed è quello che sta avvenendo. Biden ha detto che occorre vincere e battere la Russia (cosa che si sta rivelando irreale); prima tutti dicevano "no all'escalation" ma poi è arrivato l'ordine: "Vincere".
    22 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Peacelink Common Library

    Siamo una società di pace? La criminalizzazione della solidarietà

    Mi sono avvicinata allo studio delle migrazioni, alla complessità delle storie che ogni rifugiato, richiedente asilo o migrante porta con sé. Perché le stragi delle frontiere marittime e terrestri sono catastrofi umanitarie. Qual è la nostra responsabilità? Qual è oggi il ruolo della società civile?
    21 giugno 2022 - Carmen Zaira Torretta
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)