manifestazione

Per la Giornata Mondiale contro le Spese Militari, sit-in davanti all'Ambasciata USA di Roma

14 aprile 2018
ore 11:00 (Durata: 2 ore)

"Per una politica estera incentrata sulla diplomazia e non sulle spese militari," con questa parola d'ordine, gli statunitensi residenti a Roma, attraverso la loro associazione pacifista, hanno indetto un sit-in davanti all'ambasciata degli Stati Uniti a Roma il 14 aprile, dalle 11 alle 13, in occasione della Giornata Mondiale contro le Spese Militari. Tutti sono invitati a partecipare.

Da soli, infattti, gli USA spendono ogni anno in armi e interventi militari oltre 886 miliardi di dollari e premono sugli alleati nella NATO di portare le loro spese militari al 2% del proprio PIL. L'anno scorso l'Italia è stata, tra i paesi europei della NATO, quello che ha aumentato le proprie spese militari di più, nonostante il suo alto decifit e la cronaca penuria di soldi per le spese sociali.

World Beyond War ha calcolato che basterebbe spendere in agricoltura solo il 3% delle spese militari per cancellare interamente la fame nel mondo.

I manifestanti, tra i quali si spera di poter contare anche sindacalisti ed attivisti di base italiani, chiederanno dunque che i governi di tutti i paesi s'impegnino a spendere meno per le armi e più per i bisogni della gente.

Per maggiori informazioni:
Lucas Alden per U.S. CItizens for Peace & Justice - Rome
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Editoriale
    Il Papa denuncia il commercio delle armi dietro la guerra in Ucraina

    Le parole che la sinistra europea non sa più dire

    Le nette parole di Papa Francesco dovrebbero spingere la sinistra europea a chiedersi se sta davvero agendo in modo coerente con i suoi principi morali. L'Europa dovrebbe essere un faro di pace e giustizia nel mondo, e la sinistra europea ha un ruolo cruciale in questo contesto.
    24 settembre 2023 - Alessandro Marescotti
  • Latina

    Difensori della terra sempre sotto mira

    L’America Latina continua a essere il luogo più pericoloso per chi difende
    la terra, i territori e i beni comuni
    18 settembre 2023 - Giorgio Trucchi
  • Taranto Sociale
    Una panoramica del libro di Pinuccio Stea

    Taranto da città del mare a capitale dell'acciaio

    Il libro "Taranto: l'industria del Mar Piccolo da Filippo Cacace alla Comios (1861-1966)" è un'opera che approfondisce la storia della della mitilicoltura e ostricoltura in una città che ha visto il prevalere della monocoltura dell'acciaio a scapito delle sue tradizioni legate al mare.
    20 settembre 2023 - Alessandro Marescotti
  • Latina
    Alle presidenziali del 22 ottobre potrebbe stravincere il candidato dell’estrema destra

    Sull'Argentina l'uragano Javier Milei

    In occasione delle Primarias, Abiertas, Simultáneas y Obligatorias (PASO) del 13 agosto scorso, Milei è risultato essere l’uomo più votato di tutte le coalizioni.
    Per il paese si tratterebbe di un pericolosissimo, quanto probabile, salto nel buio.
    18 settembre 2023 - David Lifodi
  • Pace
    Nello Stato teocratico dell'Iran la lingua curda è proibita: Mahsa è il suo nome imposto!

    Jina Amini. Un anno dopo

    Oggi ricordiamo Jina Amini, la madre di questa rivoluzione, ma ricordiamo anche tutte le altre donne e uomini che sono stati annientati o carcerati prima e dopo la morte di Jina Amini, tutte le donne che ancora oggi rischiano la loro vita per ottenere la libertà e la giustizia.
    16 settembre 2023 - Gulala Salih (Presidente UDIK - Unione donne italiane e kurde)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.14 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)