manifestazione

Per la Giornata Mondiale contro le Spese Militari, sit-in davanti all'Ambasciata USA di Roma

14 aprile 2018
ore 11:00 (Durata: 2 ore)

"Per una politica estera incentrata sulla diplomazia e non sulle spese militari," con questa parola d'ordine, gli statunitensi residenti a Roma, attraverso la loro associazione pacifista, hanno indetto un sit-in davanti all'ambasciata degli Stati Uniti a Roma il 14 aprile, dalle 11 alle 13, in occasione della Giornata Mondiale contro le Spese Militari. Tutti sono invitati a partecipare.

Da soli, infattti, gli USA spendono ogni anno in armi e interventi militari oltre 886 miliardi di dollari e premono sugli alleati nella NATO di portare le loro spese militari al 2% del proprio PIL. L'anno scorso l'Italia è stata, tra i paesi europei della NATO, quello che ha aumentato le proprie spese militari di più, nonostante il suo alto decifit e la cronaca penuria di soldi per le spese sociali.

World Beyond War ha calcolato che basterebbe spendere in agricoltura solo il 3% delle spese militari per cancellare interamente la fame nel mondo.

I manifestanti, tra i quali si spera di poter contare anche sindacalisti ed attivisti di base italiani, chiederanno dunque che i governi di tutti i paesi s'impegnino a spendere meno per le armi e più per i bisogni della gente.

Per maggiori informazioni:
Lucas Alden per U.S. CItizens for Peace & Justice - Rome
340 5176162
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)