evento

Occupiamoci di casa. L’immigrazione e l’abitare.

9 marzo 2019
ore 09:00 (Durata: 2 ore)

Da un anno stiamo monitorando le situazioni abitative di richiedenti asilo e rifugiati che per vari motivi non sono nel sistema di accoglienza. Abbiamo incontrato soluzioni differenti: occupazioni, insediamenti di fortuna in spazi abbandonati, posti letto a rotazione e tanto altro ancora. Abitazioni non solo per richiedenti asilo e rifugiati esclusi dal sistema dell’accoglienza, ma anche per tanti altri cittadini stranieri e italiani. Da qui la necessità di un confronto pubblico sul tema dell’abitare per interrogarci su una questione che coinvolge migliaia di persone: quali le esperienze a Milano e altrove? Quali i soggetti coinvolti? Quali le pratiche e le soluzioni possibili?

Ne parliamo con:
Aldo dice 26x1
Gabriele Arosio, Diaconia Valdese
Emanuele Belotti, University College of London - Bartlett School of planning
Sergio Bontempelli, ADIF
Enrico Gargiulo, Università Ca’ Foscari di Venezia
Noi ci siamo!
Stefano Pasta, Comunità di Sant’Egidio
Leo Spinelli, Segretario Generale Sicet Lombardia.

Organizza, introduce e modera il Naga.

Ingresso libero - Gradita registrazione qui: https://bit.ly/2SY8z21

Info: 349 160 33 05 - naga@naga.it

Con il sostegno di Open Society Foundations

Foto: L. Monte

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)