fiera

In goal per la pace

31 maggio 2004
ore 21:00


UN INCONTRO DI UOMINI E DI COLORI
prima edizione della manifestazione “in goal per la pace”. In una società fortemente caratterizzata, e i recenti eventi ne sono drammatica testimonianza, da una cultura di “assenza di pace” occorre promuovere, soprattutto nei giovani, una sensibilità ed una attenzione ai valori della tolleranza, della pace, della solidarietà. Valori che stimolino i giovani alla creazione di una nuova società civile orientata al rispetto della vita umana e impegnata nella realizzazione di gesti concreti.
L’iniziativa “in goal per la pace” si propone l’obiettivo di promuovere una cultura della solidarietà e della pace attraverso il gioco e lo sport (nell’ambito dell’anno europeo dello sport) nei bambini e nei giovani coinvolgendo le diverse forme di appartenenza alla città: il pubblico, il privato sociale, il mondo del commercio e dell’impresa.
Al centro della manifestazione una maratona di calcetto che partirà nella serata del 1 giugno per concludersi 24 ore piu’ tardi con le premiazioni.
La maratona coinvolgerà 48 squadre per un totale di oltre 400 persone soprattutto giovani.
Fra gli eventi che completano il programma segnaliamo:
-La consegna del PREMIO PER LA PACE “CITTA’ DI LENTATE SUL SEVESO” – PRIMA EDIZIONE al cantautore DAVIDE VAN DES FROOS per il suo impegno civile
-La mostra fotografica “una pace da record” del fotoreporter GIANCARLO
COLOMBO vincitore del premio “fotocronista” anno 2004
-La tavola rotonda “Lo sport educa alla pace?” (31 maggio presso VILLA
RAVASI ore 21.00– Camnago)
Il ricavato della manifestazione verrà devoluto per la realizzazione di due progetti di solidarietà in Benin (Africa) ed in Bielorussia.

Per maggiori informazioni:
Ufficio stampa
340/8511313
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • Ecodidattica
    I numeri del cancro in Italia (vedere file allegato)

    Limiti normativi, indicazioni OMS e rischi per la salute

    La maggior parte dei risultati degli studi che hanno valutato l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana provengono da studi condotti in aree (italiane o straniere) in cui tali limiti di legge erano rispettati. Questa osservazione vale anche per le valutazioni del rischio oncologico
    AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica)
  • Alex Zanotelli
    Webinar sul bando delle armi nucleari organizzato dall'agenzia di stampa internazionale Pressenza

    Padre Zanotelli: "Dobbiamo far aderire l'Italia al Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari"

    "Sarebbe un gesto di civiltà avere il coraggio di realizzare il disarmo nucleare per porre fine a diseguaglianze e sfruttamento", ha dichiarato il missionario comboniano, che ha aggiunto: ''Le armi atomiche, come disse Oppenheimer, sono la scienza che ha conosciuto il peccato'.
    23 gennaio 2021 - Antimafia Duemila
  • Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
  • Ecologia
    Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

    Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

    I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
    7 gennaio 2021 - Casey Camp-Horinek (attivista di Indigenous Rights of Natur)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)