evento

Porto Aperto - In marcia a Venezia per l'umanità // 16 Marzo

16 marzo 2019
ore 14:00 (Durata: 2 ore)

Porto Aperto è una marcia collettiva organizzata per il 16 Marzo il cui concentramento sarà alle 14.00 di fronte alla stazione di Venezia Santa Lucia.

***

Il nostro è un appello per tutte e tutti:

Cari amici e care amiche ormai non possiamo più nasconderci.
Dobbiamo avere il coraggio della testimonianza diretta, bisogna scegliere da che parte stiamo, la nostra voce deve diventare un coro infinito, unico. Dobbiamo affermare con forza dei principi che da tempo vengono messi in discussione se non addirittura negati. Dobbiamo diventare costruttori di pace.

Noi siamo per:
Un mondo senza confini.
Il rispetto di questo pianeta che va curato e conservato.
Una terra che sia di tutti e tutte e per tutti e tutte.
L’accoglienza del bisognoso, di qualsiasi genere, di qualsiasi provenienza.
La redistribuzione delle ricchezze che devono rimanere un mezzo, non il fine.
La democrazia come strumento fondamentale per costruire il bene comune.
La mediazione e la complessità viste come vie privilegiate della politica.
Costruire in funzione di soluzioni rispettose delle persone e dei territori.
L’uguaglianza a tutti i livelli partendo da quella tra donne e uomini.
La tolleranza, presupposto indispensabile del buon vivere.
L’educazione al dovere per conquistare diritti.
Il sapere come forma prioritaria del confronto leale e della crescita umana.
Un’istruzione e una sanità che siano gratuite e garanzia di equità per tutti e tutte.
Un lavoro e una casa che diano dignità all’essere umano.
L’Europa garante della pace e dei diritti fondamentali dell’essere umano..
L’Europa come spazio libero per uomini e donne liberi e libere.
L’Europa capace di promuovere un giusto progresso rispettoso di tutti e tutte.
Un’Europa in dialogo paritetico con l’Africa e con il resto del mondo.
Un’economia in funzione di una valorizzazione dell’opera umana.
Un’economia al servizio di una politica conciliatrice non divisoria.
Un mondo che sappia gioire grazie alla cultura, all’arte e a un turismo vero.


Non abbiate paura. Adesso che abbiamo riempito la “barca”.
Porto Aperto, siamo pronti per iniziare insieme questo viaggio.

***

Porto Aperto è una manifestazione del Nord Est, è una manifestazione per tutte e tutti.

Cerchiamo sottoscrizioni da parte di associazioni, organizzazioni, movimenti e partiti:

Sottoscrivi anche tu commentando l’evento!

Vuoi aderire come associazione? Scrivi a comunicazione@antoniocalo.eu

*** Porto Aperto.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)