evento

Siamo ancora in tempo per agire

14 marzo 2019
ore 19:00 (Durata: 2 ore)

ore 19.00 aperitivo/cena
ore 20.30 dibattito
+prenotazioni bus per 23 marzo tutt* a Roma! Pullman da Bologna

La crisi ambientale sta ormai impattando le nostre vite già colpite dall’ingiustizia sociale, a breve si innescherà un effetto domino che darà un’accelerata maggiore agli effetti devastanti del cambiamento climatico. Chi governa oltre a operazioni di greenwashing continua a prodigarsi con la cementificazione di aree verdi e lo sfruttamento dei combustibili fossili, portando avanti un concetto di sviluppo che depreda i beni comuni erodendo le capacità resilienti del pianeta.
In tutto il mondo assistiamo alla mobilizzazione di movimenti ambientalisti che mettono in discussione le politiche energetiche e l’ideologia del consumo sfrenato. In Italia una miriade di comitati di difesa dei territori hanno incominciato a camminare insieme per analizzare le cause e gli effetti dei progetti contro cui si battono. È nata così Siamo ancora in tempo e la Marcia per il clima e contro le grandi opere inutili che si terrà a Roma il 23/03. A Bologna il 16/03 cammineremo con il bosco per difendere i Prati di Caprara e l’ex Crb, ma le esperienze di cui parlare sono tante.

Ne parliamo con:

Ende Gelände:
movimento di disobbedienza civile tedesco che si batte contro il cambiamento climatico bloccando le miniere di carbone, ha partecipato alla difesa della foresta di Hambach salvando la foresta dall’ampliamento di una miniera.

Siamo ancora in tempo – Veneto:
coordinamento dei comitati veneti, tra i promotori del 23M

Rigenerazione NO Speculazione:
dal 2017 si batte per la tutela del bosco spontaneo dei Prati di Caprara e dell'impianto sportivo exCRB, per un'altra idea di città

interverranno: Aria Pesa Comitato BECCO Associazione Bianca Guidetti Serra Collettivo AltaPressione

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)