evento

Il Futuro dell'Europa si gioca nel Mediterraneo

8 maggio 2019
ore 19:00 (Durata: 2 ore)

Li trovano origine le diverse matrici culturali e religiose da cui proveniamo; lì una geopolitica cinica e insieme cieca sta pregiudicando il futuro nostro e dei tanti popoli che vivono sulle sue sponde; lì, in questo nostro mare, i diritti umani fondamentali, punto di arrivo della civiltà europea, sono sempre più negati.

Le ambiguità passate e le atrocità attuali della politica migratoria italiana, contrarie ai principi della nostra Costituzione, sono solo una parte del puzzle più complessivo che vede coinvolti tutti i Paesi europei. Alcuni più e altri meno beceri, ma tutti fondamentalmente concordi - o codardi, per timori o convenienze apparenti - nel chiudere gli occhi, se non nell'avallare con finanziamenti e supporti tecnici, una situazione sempre più intollerabile, non solo per gli affogati e i violentati ma anche per la nostra identità di europei.

Il prossimo Parlamento Europeo avrà un’agenda particolarmente importante e delicata su cui lavorare - sovranismi e nazionalismi; riconfigurazione della democrazia europea; nuove alleanze interne e internazionali; politiche economiche e dell’occupazione; politiche ambientali; ecc.

Tutto questo non potrà essere fatto fuori da un quadro di recupero e ripensamento del progetto europeo, che riparta dal Mediterraneo.”

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Latina
    Costa Rica

    Movimento ambientalista esige giustizia

    Ratifica dell'Accordo di Escazú e stop all’impunità le principali richieste
    9 giugno 2021 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)