Conflitti

Chalupa detto «il bianco»

3 agosto 2006
Stefano Liberti
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

«Chalupa! Chalupa». L'europeo di passeggio per le strade di Kinshasa non è più apostrofato con il solito, banale, appellativo di «mundele» («bianco» in lingua lingala). Oggi ha assunto un altro nome: è diventato uno «chalupa». Da dove viene questo strano neologismo, che si è rapidamente imposto in tutta la città? Da un uomo massiccio dagli occhiali fini e dai capelli bianchi come la neve: Jean-Pierre Chalupa è uno dei 9.707 candidati all'Assemblea nazionale congolese.
Un candidato non propriamente come gli altri: nato in Congo da una madre greca e da un padre di origine portoghese, l'uomo ha evidentemente una carnagione assai più pallida rispetto a tutti gli altri pretendenti a un seggio di deputato. Soprannominato il «Jospin congolese» per l'evidente somiglianza con l'ex premier francese, Chalupa ha ottenuto la cittadinanza nel 1999. E oggi ha deciso di partecipare attivamente al futuro del suo paese d'adozione: sulla scorta dello slogan «Pourquoi pas?» («Perché no?») ha lanciato alla grande la sua candidatura nella circoscrizione di Lukunda, a Kinshasa.
In un momento in cui il principale argomento di dibattito è costituito dalle presunte origini straniere del presidente Joseph Kabila e dal conseguente discorso dai toni xenofobi sulla «congolesità», la discesa in campo di un bianco poteva essere colta come una vera e propria provocazione. Invece no: a tutti comizi di Chalupa, durante la campagna elettorale del mese scorso, c'è sempre stato un certo numero di persone, incuriosite da questo «figlio del paese» che parla correntemente lingala, ma che ha un aspetto diverso dal congolese medio. I sondaggi - da prendere ovviamente con le pinze - gli attribuivano il 13 per cento delle intenzioni di voto, ponendolo quindi tra i favoriti nella sua circoscrizione elettorale. I risultati si sapranno solo tra qualche giorno.
Con un programma incentrato su tre assi principali - lotta all'inflazione, sviluppo del turismo e attrazione di capitali stranieri -il «candidato bianco» non nasconde che, nel caso in cui verrà eletto, mira assai più in alto di un semplice scranno parlamentare. «Potrei aspirare al ministero del turismo o delle infrastrutture», ha confidato sicuro all'agenzia France Presse.
L'uomo può fare piani grandiosi, perché di certo non ha penuria di mezzi. Businessman ben inserito nel campo della pubblicità, amministratore delegato di una società molto apprezzata (la Plexi-Light), Jean-Pierre Chalupa dispone di una fortuna considerevole, oltre che di amici influenti in tutti i principali partiti politici. Tanto da poter coltivare un proposito che suona come un tabù: «Tra cinque anni potrei anche candidarmi alle presidenziali. Pourquoi pas?».

Articoli correlati

  • Denis  Mukwege, premio Nobel per la pace 2018, e il grido di aiuto del Congo
    Pace
    Il messaggio del medico che 'ripara le donne'

    Denis Mukwege, premio Nobel per la pace 2018, e il grido di aiuto del Congo

    Il professore abruzzese Francesco Barone ha incontrato il dottor Mukwege il 4 gennaio scorso e ha ricevuto da lui un messaggio di aiuto per le donne e i bambini del Congo da far conoscere alla comunità internazionale
    11 febbraio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Patrice Lumumba, testimone della dignità umana, amico della nonviolenza, costruttore di pace
    Pace
    Il 17 gennaio 1961 veniva assassinato

    Patrice Lumumba, testimone della dignità umana, amico della nonviolenza, costruttore di pace

    Lottò per l'indipendenza del Congo. Vinte le prime elezioni democratiche nel 1960 fu primo ministro del paese e ne proclamò l'indipendenza. Ma per volontà dei poteri colonialisti e imperialisti, e dei loro complici e sicari, fu assassinato.
    17 gennaio 2019 - Peppe Sini
  • L'Italia sostenga la transizione democratica in Congo RD
    Pace
    Appello di PeaceLink ai parlamentari e al governo italiano

    L'Italia sostenga la transizione democratica in Congo RD

    Il 30 dicembre il popolo congolese è andato alle urne. Martin Fayulu - il candidato di opposizione sostenuto dalla società civile - avrebbe ottenuto oltre il 60% dei voti. Ma il regime di Kabila ritarda la comunicazione dei dati elettorali e blocca le comunicazioni elettroniche.
    8 gennaio 2019 - Associazione PeaceLink
  • Perché in Congo il governo oscura Internet?
    Pace
    I retroscena di una situazione di stallo

    Perché in Congo il governo oscura Internet?

    Nella Repubblica Democratica del Congo Kabila ha capito di aver perso le elezioni e per questo blocca gli sms e Internet, rinviando la comunicazione dei risultati elettorali
    6 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)