Conflitti

Afghanistan

Isaf all'attacco nella zona italiana

5 ottobre 2006
Manlio Dinucci
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Nella provincia afghana di Farah, dove il 18 settembre era stata lanciata l'operazione Wyconda Pincer con la partecipazione di truppe italiane, è in corso dal 1° ottobre un'altra operazione denominata Wyconda Rib. Nel comunicato ufficiale (3 ottobre) si specifica che forze Isaf del Comando regionale ovest, tra cui forze statunitensi della Squadra di ricostruzione provinciale (Prt) di Farah, «appoggiano» questa operazione condotta da truppe afghane. Suo scopo è migliorare la sicurezza «colpendo in tutta la regione l'attività criminale e terroristica guidata e ispirata dai taleban». Con le stesse parole usate per la precedente operazione, il tenente colonnello Michael Horan, comandante Usa del Prt di Farah, annuncia che «questa operazione è in risposta al crescente numero di atti terroristici avvenuti nelle ultime settimane». Non si parla invece questa volta, prudentemente, di partecipazione italiana. Ma non fa molta differenza.
Il Comando regionale ovest è infatti diretto dal generale di brigata Danilo Errico, comandante del contingente italiano, che comanda i quattro Prt della regione (Herat, Farah, Badghis e Ghor). La squadra di ricostruzione provinciale - spiega il ministero della difesa - è una struttura mista composta da unità militari e civili con il compito di «concorrere al processo di espansione della Nato in Afghanistan, assicurando il supporto alle attività di ricostruzione». Il Prt è integrato da una Forward Support Base (Fsb), una installazione militare aeroportuale avanzata che, oltre ad assicurare il sostegno logistico, ospita una forza di reazione rapida. Il Prt è quindi, in realtà, una struttura militare che si avvale dell'apporto di civili: sono infatti i militari a svolgere le attività di «ricostruzione». Emblematica quella effettuata quale «parte dell'operazione Wyconda Pincer»: oltre a rastrellare l'area, i soldati Nato/Isaf - agli ordini del maggiore statunitense John Andrews, capo della squadra affari civili del Prt di Farah - hanno portato materiale scolastico ai bambini della scuola primaria di Kinesk e i bambini, sottolinea il comunicato ufficiale (21 settembre), «hanno gridato all'unisono thank you». I Prt usano quindi il bastone e la carota per realizzare gli obiettivi militari.
Ancora non si sa quanti taleban, o presunti tali, siano stati eliminati nell'operazione Wyconda Rib, né quante penne e quaderni siano stati regalati agli scolari. Una cosa però è certa: l'Italia è dentro anche a questa operazione, dato che un generale italiano comanda i quattro Rpt della regione. Tutto ciò ha uno scopo: la provincia di Herat - spiega il ministero della difesa - ha «una rilevante importanza geostrategica in quanto area di congiunzione tra l'Afghanistan e l'Iran». Qui, oltre che a Kabul, operano le forze italiane per «sostenere il processo di espansione della Nato in Afghanistan» e allo stesso tempo «tutelare gli interessi nazionali (economici e di politica estera) nell'area». I senatori dell'Ulivo che hanno chiesto l'istituzione in parlamento di un «Osservatorio permanente per il monitoraggio di tutti gli impegni militari dell'Italia, incluso l'Afghanistan», rischiano di restare indietro. Nessun parlamentare può realmente monitorare che cosa avviene in operazioni tipo la Wyconda Rib, decise dalla catena di comando Nato che fa capo al generale statunitense James Jones, comandante supremo alleato in Europa. E tanto meno sarà possibile il «monitoraggio» quando, a partire dal febbraio 2007, il comando della Nato/Isaf sarà assunto, insieme a quello di Enduring Freedom, dal generale statunitense Dan McNeil e, quindi, inserito direttamente nella catena di comando del Pentagono.

Articoli correlati

  • Il futuro di Kabul
    Conflitti
    Un'analisi dell'Afghanistan dopo la sconfitta degli Stati Uniti e della Nato

    Il futuro di Kabul

    Cina, Russia, Pakistan, Qatar e Turchia negoziano con i Talebani per mantenere un ordine che crei un ambiente favorevole tanto ai loro investimenti in infrastrutture e attività estrattive. E vogliono tenere lontane dai propri confini le minacce portate dalle fazioni jihadiste e indipendentiste.
    11 ottobre 2021 - Valeria Poletti
  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    Redazione PeaceLink
  • "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"
    Conflitti
    Gli stupri dei bambini erano la regola: "La notte li sentiamo gridare, ma non possiamo fare nulla"

    "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"

    Gli episodi che riportiamo in questa pagina web spiegano perché l'esercito e la polizia afghani non fossero amati dalla popolazione e si siano sbriciolati appena è venuto meno il supporto delle truppe americane e della Nato, nonostante fossero stati fortemente armati, attrezzati e addestrati.
    Redazione PeaceLink
  • Indennizzi per vincoli militari, quali contributi per Augusta e gli altri comuni siciliani?
    Disarmo
    Occorre trasparenza sull'effettiva erogazione di questi fondi da destinare a fini sociali

    Indennizzi per vincoli militari, quali contributi per Augusta e gli altri comuni siciliani?

    Contributi annui ed entrate ordinarie per i comuni che subiscono la presenza di istallazioni e attività militari. Lo sancisce la legge dello Stato riconoscendo l'impatto della militarizzazione "sull’uso del territorio e sui programmi di sviluppo economico e sociale".
    21 settembre 2021 - Gianmarco Catalano
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)