Conflitti

Una Ferrari di proprietà del narcotrafficante ' Rasguño ' diventerà una pattuglia della polizia

Il veicolo, un simbolo degli eccessi della droga, sarà utilizzato per un lavoro di sorveglianza.
6 settembre 2011
El Tiempo - Bogotà
Tradotto da Ernesto Celestini per PeaceLink
Fonte: Redacción Justicia - 06 settembre 2011

La volante "incriminata"

La Ferrari che per anni è stata il simbolo degli eccessi del trafficante di droga Hernando Gomez Bustamante, detto ' Rasguño ', indosserà presto il logo della Polizia Nazionale, che la destinerà a lavori di pattugliamento e, soprattutto, ad inviare il messaggio che il narcotraffico non paga.

Da più di un mese, la Ferrari 921 nera targata Bogotá BBJ sta subendo un processo di trasformazione della sua carrozzeria che è stata dipinta di bianco e verde

"L'idea è quella di inviare un messaggio ai “narcos” perché sappiano che tutti i beni della mafia passeranno allo stato." Ha affermato un ufficiale di polizia che ha seguito il processo.

Questa macchina è rimasta quasi quattro anni nel parcheggio della Direzione Narcotici Nazionale (END), dopo che fu confiscata a “ Rasguño”, oggi in carcere in una prigione degli Stati Uniti, dopo essere stato espulso da Cuba, dove era stato catturato.

In diverse occasioni, la DNE ha cercato, senza successo, di metterla all'asta, ma la sua gestione stava diventando un problema a causa del suo valore. Alla fine, si è scelto di consegnarla alla polizia, come amministratore temporaneo, in attesa che un tribunale decreti la decadenza della proprietà.

La Ferrari, secondo quanto raccontato da ' Rasguño ', fu comprata nel 1991 per darsi "una immagine" nella zona della sua fattoria nel Valle, dove per anni ha concentrato il suo potere.

Anche se ormai ha quasi 20 anni, la macchina è praticamente nuova, non ha percorso più di duemila chilometri ed ha un valore di duecento cinquanta mila dollari (circa 445 milioni di pesos).

All’epoca si diceva che l’unico uso fatto da ' Rasguño ' della sua macchina “prediletta”, come la chiamava, era sulle strade del nord del Valle (vedi nota), dove pare che alcuni suoi uomini in uniforme bloccassero il traffico perché il narcotrafficante potesse levarsi qualche soddisfazione.

Note: È una notizia degna dei servizi di coda di una delle migliori edizioni serali del TG1.
A parte l’evidente intenzione propagandistica del Governo colombiano questa è una notizia di colore che rende bene il concetto dell’arroganza del potere esercitato dai narcos in certe zone della Colombia e le difficoltà burocratiche che si devono superare ovunque, prima di poter disporre a pieno di beni sequestrati alla mafia.
La Ferrari dovrebbe svolgere il suo pattugliamento percorrendo le strade del Dipartimento di Valle del Cauca, capoluogo Cali, che si affaccia sull’Oceano Pacifico e si estende verso est dalle montagne della Cordigliera Occidentale, alla valle del fiume Cauca ed alla Cordigliera Centrale delle Ande Colombiane.
Tradotto da Ernesto Celestini per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • PeaceLink: liberiamoci dalla guerra ovunque
    Disarmo
    Intervista a Rossana De Simone di PeaceLink

    PeaceLink: liberiamoci dalla guerra ovunque

    Dal collettivo studentesco alla fabbrica. Rossana De Simone racconta la sua esperienza di giovane lavoratrice e delegata sindacale
    14 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • La regione camomilla su tutto e di più
    PeaceLink Abruzzo
    Abruzzo

    La regione camomilla su tutto e di più

    Dalla pedopornografia alla schiavitù sessuale, dalle mafie ad ogni squallido sistema criminale
    6 settembre 2020 - Alessio Di Florio
  • Ricordando la strage di via D'Amelio
    Pace
    Una lotta che non abbiamo mai abbandonato

    Ricordando la strage di via D'Amelio

    Pensai, come tutti, che la mafia stava sterminando i migliori tra i nostri compagni che non eravamo stati capaci di difendere. E pensai, come tutti, che occorreva resistere. Pensai ai resistenti di Stalingrado che salvarono l'umanità dal trionfo hitleriano.
    18 luglio 2020 - Peppe Sini
  • Le bonifiche sono la vera grande opera da chiedere tutti insieme
    Ecologia
    Citare Bagnoli a sproposito spegne le speranze dei giovani di Taranto

    Le bonifiche sono la vera grande opera da chiedere tutti insieme

    Gli errori fatti in un altro luogo e in un altro tempo sono diventati l’alibi per non rispettare la legge mentre all’estero e in alcune zone d’Italia come Genova, hanno bonificato. Non sarebbe meglio imparare da chi ci è riuscito?
    13 maggio 2020 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)