Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Il terrorismo sfuggito di mano
    Manchester e i "combattenti per la libertà"

    Il terrorismo sfuggito di mano

    L'orribile strage è stata compiuta da chi un tempo era un utile strumento di destabilizzazione della Libia e della Siria. Era stato segnalato ben cinque volte all'antiterrorismo. Ma era un utile terrorista perché doveva colpire Gheddafi e Assad. Oggi quel terrorista "buono" colpisce gli innocenti. E ci svegliamo dalla folle idea che il terrorismo sia giustificabile se colpisce i nostri target.
    25 maggio 2017 - Alessandro Marescotti
  • “La sporca guerra contro la Siria. Washington, regime e resistenza” (Zambon Editore, 2017)
    Recensione al libro dell'economista australiano Tim Anderson

    “La sporca guerra contro la Siria. Washington, regime e resistenza” (Zambon Editore, 2017)

    5 maggio 2017 - David Lifodi
  • Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra
    Nessuna rassegnazione e nessuna caduta di tensione civile

    Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra

    Ogni marcia di protesta contro la guerra, ogni appello in favore della pace, ogni veglia di preghiera, ogni bandiera arcobaleno esposta, ogni segno di pace esibito costituisce un piccolo-grande atto di elevata politica per togliere dalle mani dei padroni del mondo il nostro futuro e il nostro destino
    18 aprile 2017 - Michele Di Schiena

Armi chimiche in Siria: la presa di posizione di IPPNW

La preoccupazione di International Physicians for the Prevention of Nuclear War sugli effetti dell'uso delle armi chimiche e la richiesta di libero accesso agli ispettori ONU e all'attività dei medici nelle cure alla popolazione.
28 agosto 2013 - Roberto Del Bianco
Fonte: IPPNW - International Physicians for the Prevention of Nuclear War

IPPNW Logo In uno Statement pubblicato ieri, IPPNW esprime la sua preoccupazione sull'uso delle armi chimiche, in quanto capaci di produrre l'uccisione indiscriminata di un grande numero di persone, oltre a sofferenze estreme e disabilità a lungo termine. Qualsiasi deposito di armi chimiche presente in Siria dovrebbe essere messo in sicurezza fino alla loro eliminazione, cosa fattibile soprattutto con la cessazione delle ostilità.

Gli ispettori delle Nazioni Unite dovrebbero essere messi in condizione di agire senza ostacoli nel loro compito investigativo sul sospetto uso di tali armi, e nel caso ciò fosse verificato, gli autori dovrebbero essere posti al giudizio della Corte Penale Internazionale e processati per crimini contro l'umanità.

IPPNW chiede a entrambe le parti in causa di cooperare con le Nazioni Unite e con l'inviato speciale in Siria della Lega Araba, per la risoluzione del conflitto attraverso il dialogo. Sono inaccettabili le sofferenze della popolazione civile nelle aree controllate sia dal Governo che dalle forze dell'opposizione, e un cessate il fuoco dev'essere negoziato al più presto.

IPPNW chiede che venga fornito da parte dei medici un libero e sicuro accesso alla popolazione. E' inaccettabile, oltre che violazione della legge umanitaria internazionale, considerare come obiettivi di violenza le strutture mediche e il proprio personale.
Richiede urgentemente, a tutte le parti in conflitto nella guerra civile, di avviare dei negoziati per la risoluzione del conflitto. E chiede a tutte le altre Nazioni e organizzazioni di fermare l'invio di armi alla Siria.

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)