Conflitti

Siria, una guerra senza i buoni ma solo con i cattivi

"Ma insomma chi mi vuole ammazzare?"

Occorre esercitare un ragionevole scetticismo quando le grandi potenze spacciano per oro colato le loro informazioni e quando assicurano di avere pronta una soluzione basata sulla guerra. Con chi stare allora? La risposta sembra retorica, ma è anche l’unica moralmente accettabile: stare con il popolo siriano.
14 aprile 2018

Ma insomma chi mi ha ammazzato?

"Non sappiamo come andrà a finire in Siria, e non sappiamo chi vincerà la guerra delle grandi potenze, fra Stati Unitie Russia, e la guerra perl’egemonia nel mondo islamico medio-orientale, fra Iran, Arabia Saudita e Turchia. Ma sappiamo con certezzachi perderà: il popolo siriano".

Questo scrive oggi Massimo Introvigne sul Nuovo Quotidiano di Puglia in un editoriale intitolato "IN SIRIA UNA GUERRA LUNGA E ATROCE SENZA I BUONI".

E aggiunge: "I rapporti delle organizzazioni umanitarie più indipendenti, a partire da quelle cristiane, sono terrificanti".

Tra i ribelli i collegamenti con l'ISIS sono inquietanti e terribili sono gli attentati e le violenze di cui si macchia chi lotta contro Assad. Le loro bombe "esplodono nelle aree più frequentate dai civili - comprese le stazioni degli autobus e degli ospedali -, facendo ogni volta decine e spesso centinaia di morti". Dall'altra parte il regime: "Il governo di Assad - spesso con responsabilità dirette dei suoi alleati iraniani e russi - è a sua volta accusato di atrocità e massacri".

Con chi stare?

La conclusione di Introvigne è amara ma purtroppo realistica: "Occorre farsene una ragione: in Siria non ci sono i «nostri», non ci sono «buoni» di cui augurarsi la vittoria. Ci sono solo cattivi, alcuni forse più cattivi degli altri: ma il giudizio non è sempre facile e le fake news abbondano. Con chi stare? La risposta sembra retorica, ma è anche l’unica moralmente accettabile: stare con il popolo siriano. Stare con le vittime vuol dire non prendere per oro colato le proteste di innocenza di nessuna milizia, ed esercitare un ragionevole scetticismo quando le grandi potenze assicurano - e lo fanno da troppi anni - di avere pronta una soluzione". 

Articoli correlati

  • Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta
    Consumo Critico
    In Siria la bicicletta ha un significato speciale

    Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta

    Le due ruote possono servire per combattere incredibili battaglie, avviare processi democratici, smontare l’ordine tradizionale delle cose, contribuire a rendere l’aria più respirabile. E se si è donna, in bici, per le strade siriane si testimonia una reale volontà di cambiamento
    8 gennaio 2019 - Fulvia Gravame
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano
    Pace

    Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    "La Nostra Associazione ha pensato di fare qualcosa di più grande, per cercare di arrivare lontane. Da mamme, da donne, da esseri umani non potevamo più stare ferme a guardare senza fare niente, e dall’unione della nostra impotenza e profonda sofferenza è nato il nostro progetto TMT for Siria“.
    27 maggio 2018 - Roberto Del Bianco
  • OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"
    Conflitti
    Gli ispettori inviati dall'ONU e che indagano sull'uso di armi chimiche non hanno addossato la responsabilità ad alcuna delle parti in conflitto

    OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"

    Le analisi si riferiscono ad un evento accaduto a febbraio a Saraqueb, città che dista 290 chilometri rispetto a Duma, sito dove è stato sospettato un attacco chimico ad aprile di quest'anno
    17 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)