Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Petrolio, armi e nucleare al tempo di Trump e relazioni con NATO, Europa e Italia
    L'amministrazione "spianerà la strada verso il dominio energetico USA"

    Petrolio, armi e nucleare al tempo di Trump e relazioni con NATO, Europa e Italia

    Agli USA interessa davvero sostenere l’asse Arabia Saudita, Emirati, Egitto e Israele piuttosto che Qatar e Turchia? O piuttosto compromettere quello fra Siria, Iran e Russia?
    7 luglio 2017 - Rossana De Simone
  • Aumentano le prove di crimini di guerra a Gaza. Amnesty International chiede agli Usa di fermare i trasferimenti di armi a Israele

    Aumentano le prove di crimini di guerra a Gaza. Amnesty International chiede agli Usa di fermare i trasferimenti di armi a Israele

    Il governo Usa sta gettando benzina sul fuoco attraverso la continua fornitura delle armi usate dalle forze armate israeliane per violare i diritti umani
    2 agosto 2014 - Rossana De Simone
  • Due "vecchi antagonisti" stanno tentando di trovare il modo per assorbire le trasformazioni, che cambierebbero l'ordine regionale, per mantenere le reciproche posizioni di potere.

    Iran e Nazioni Unite?

    Dalla sua partenza per New York al suo ritorno, sono stati impiccati trentasette (37) carcerati nei cortili oppure pubblicamente nelle piazze
    1 ottobre 2013 - Mohsen Hamzehian
  • “SI” alla denuclearizzazione euromediterranea

    APPELLO alla PACE: “NO” ai venti di guerra sul nucleare iraniano

    Il governo dello Stato di Israele, con dichiarazioni, dapprima fatte filtrare all’esterno e poi con dichiarazioni pubbliche di alcuni suoi principali rappresentanti, caldeggia l’uso della propria forza militare per impedire che lo Stato iraniano possa eventualmente dotarsi di armi nucleari trasformando la propria energia nucleare “civile” in “militare”. Ecco come puoi firmare l'appello
    9 luglio 2013 - Laura Tussi
L'alleato Saudita di Trump coglie l'occasione per diventare una potenza atomica

La sfida all'Iran

Fatta la pace con la Corea del Nord, Trump apre un nuovo fronte di scontro nucleare con l'Iran
12 maggio 2018 - Alessandro Marescotti

"Da Trump quasi una dichiarazione di guerra all'Iran", titola l'ultimo editoriale di Analisi Difesa, in cui si legge: Fungo atomico generato durante un test nucleare degli Stati Uniti

"La decisione di Donald Trump di uscire dall’accordo sul programma nucleare iraniano potrebbe determinare una grave escalation nella già precaria stabilità del Medio Oriente con riflessi molto preoccupanti per l’area del Mediterraneo e l’Europa".

Appare chiaro che è nelle mani degli Usa la possibilità di disinnescare i conflitti (ieri Obama con l'Iran, oggi Trump con la Corea del Nord) come pure quella di innescarli (oggi Trump con l'Iran).

In questo clima rovente si sta incuneando l'Arabia Saudita che spera di cercare nel possesso della bomba atomica una stampella per durare in eterno nonostante sia una delle nazioni più reazionarie e medioevali del mondo.

Scrive Analisi Difesa: 

"I sauditi il “loro” programma nucleare lo hanno completato già da molti anni finanziando “l’atomica islamica” del Pakistan che aveva la necessità di bilanciare le armi nucleari indiane.

Secondo diffuse indiscrezioni Riad, in cambio dei petrodollari, ha preteso la piena disponibilità di alcune testate pakistane da impiegare in caso di guerra totale contro l’Iran".

 

Scrive Panorama

"Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Bahrein hanno salutato con favore il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo sul nucleare (JCPOA) siglato da Barack Obama nell’aprile del 2015, cioè appena tre anni fa, e già dissolto con l’insediamento della nuova Amministrazione Trump".

In particolare, il quotidiano del governo saudita Al-Riyadh, in un editoriale del 9 maggio 2018, intitolato "Washington Has Had Its Say", ha benedetto l’intera operazione come un "evento storico internazionale".

Come si può vedere si sta avviendo in Medi Oriente una partita completamente nuova che gioca con la terribile tecnologie delle armi nucleari.

Trump "Pannocchia" veniva salutato come una novità al momento della sua elezione ma oggi ci si accorge che è un pericoloso apprendista stregone. Infatti con la sua benedizione sta per iniziare un conflitto imprevedibile fra Iran e Israele, forse per ottenere come risultato collaterale il ritiro del sostegno iraniano alla Siria e crollo del regime di Assad.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)