Conflitti

Di Battista (M5s) aveva gioito: "Successo del governo, ritiro delle truppe splendida notizia"

"Nessun ritiro dall'Afghanistan, mi hanno frainteso"

La ministra pentastellata della difesa Elisabetta Trenta frena. Ha uno staff di esperti di comunicazione. Ma va a zig-zag e non riesce a comunicare quello che questo governo vuole fare effettivamente. Dà la colpa del fraintendimento ai giornalisti, ma le cose stanno diversamente. Vediamo perché
2 febbraio 2019

Afghanistan, nessun ritiro

A gioire per l'annuncio del ritiro dei soldati italiani italiani dall'Afghanistan era stato subito Alessandro Di Battista (M5s) che su Facebook aveva scritto: "Il ritiro delle truppe dell’Afghanistan (di tutto il contingente entro un anno) è una splendida notizia. Ho lottato tanto per questo obiettivo e con me ha lottato tutto il Movimento. In Afghanistan abbiamo perso uomini valorosi nonché sprecato più di 5 miliardi di euro dei cittadini italiani. Ho appena parlato con Luigi Di Maio complimentandomi per la decisione. Si tratta di un altro successo di questo Governo. Faccio i miei complimenti anche al Ministro della Difesa Trenta. Sarà bellissimo vedere i nostri soldati far ritorno già nei prossimi mesi”.

Ma a gelare l'entusiasmo di Di Dattista è stata la ministra della difesa Elisabetta Trenta (pentastellata anche lei).

"Non ho mai annunciato il ritiro dall'Afghanistan, ma una fase di pianificazione che prevedesse anche ritiro. Il ritiro non potrei mai deciderlo io, lo decide il Parlamento".

Lo ha affermato durante il programma 'Otto e mezzo' su La7. "Il ministro degli Esteri Moavero non era presente quando ho parlato di questa cosa con il premier Conte, ma è stato raggiunto dalla notizia prima che potessi parlarci telefonicamente - riferisce Trenta -. C'è stata costruita sopra una retorica che non era il caso di costruire, il caso è stato montato un po' dai giornalisti".

Di Battista vittima della montatura dei giornalisti? Anche lui aveva frainteso la ministra del suo stesso partito?

La ministra della Difesa ha uno staff di esperti di comunicazione. Ma va a zig-zag e non riesce a comunicare quello che questo governo vuole fare effettivamente. Dà la colpa del fraintendimento ai giornalisti, ma le cose stanno diversamente. 

Sono stati i parlamentari del M5s a fare un comunicato pubblicato dall'ANSA in cui è scritto: "Il ministro Trenta ha dato disposizioni al Coi (il Comando operativo di vertice interforze - ndr) di valutare l'avvio di una pianificazione per il ritiro del contingente italiano in Afghanistan". Lo riferiscono fonti della Difesa, aggiungendo che "l'orizzonte temporale potrebbe essere quello di 12 mesi". 

Il comunicato è dei parlamentari 5 Stelle nelle commissioni Esteri al Senato e alla Camera dei deputati.

Cosa c'è che non funziona nella comunicazione di questo governo?

O meglio: sembra che questa comunicazione funzioni benissimo a illudere un elettorato in crisi. 

"Ho appena parlato con Luigi Di Maio complimentandomi per la decisione. Si tratta di un altro successo di questo Governo", aveva detto Di Battista. Peccato che non fosse vero. Ma quanti dei destinatari entusiasti dell'annuncio bluff oggi sanno che era un bluff gonfiato per non scendere di altri punti nei sondaggi di gradimento? 

E soprattutto: possibile che di Maio non abbia risposto a Di Battista che non era stata presa nessuna decisione di ritiro da parte del governo?" 

Articoli correlati

  • Il grande problema del M5s è stato il rapporto con la verità e con i movimenti
    Editoriale
    Crisi di governo, adesso molti pentastellati temono la disfatta elettorale

    Il grande problema del M5s è stato il rapporto con la verità e con i movimenti

    Il M5s non ha saputo mantenere un'alleanza con quei movimenti che si battevano per il disarmo, l'ecologia e le opere inutili voluti dalle lobby. Ma soprattutto sono state raccontate cose non vere pur di giustificare arretramenti e scelte diverse, sposando la campagna di Salvini contro le ONG
    9 agosto 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Un'insurrezione nonviolenta per far cessare la strage degli innocenti"
    Migranti
    Appello di Peppe Sini a favore nei migranti e di chi li soccorre

    "Un'insurrezione nonviolenta per far cessare la strage degli innocenti"

    E' stato lanciato un appello per ripristinare la vigenza della Costituzione repubblicana. "Il razzismo - scrive Peppe Sini - e' un crimine contro l'umanita'. Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'. Salvare le vite e' il primo dovere".
    6 agosto 2019 - Redazione PeaceLink
  • Nove cose da fare subito
    Migranti
    Migranti

    Nove cose da fare subito

    Sta per essere votato in Parlamento il decreto voluto da Salvini. Ecco cosa puoi fare tu.
    3 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Ecco gli F-35 pentastellati
    Disarmo
    Costruzione e consegna di altri 28 velivoli

    Ecco gli F-35 pentastellati

    Arriveranno entro il 2022. Il M5s aveva dichiarato in passato che avrebbe azzerato il programma di acquisto degli F-35. Promessa tradita
    31 maggio 2019 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)