Conflitti

Iniziativa di Codepink

Negoziare per la pace in Ucraina!

Aggiungi il tuo nome alla seguente lettera al presidente Biden e al Congresso chiedendo che gli Stati Uniti sostengano e si impegnino a raggiungere i compromessi necessari, come riconoscere l'Ucraina come paese neutrale e non espandere ulteriormente la NATO verso est.
17 marzo 2022
Codepink
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: Traduzione a cura di Valentina Beninca'

Supporta i negoziati fra Russia e Ucraina

Negoziare per la pace in Ucraina!

Firma la petizione 

*Dopo aver firmato, sarete indirizzati a contattare direttamente il Congresso per dire di sostenere i negoziati

Gli Stati Uniti, che hanno avuto un ruolo importante nell'esacerbare il conflitto che ha portato all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, devono ora avere un altrettanto ruolo importante nei negoziati tra Ucraina e Russia per raggiungere un cessate il fuoco. Aggiungi il tuo nome alla seguente lettera al presidente Biden e al Congresso chiedendo che gli Stati Uniti sostengano e si impegnino a raggiungere i compromessi necessari, come riconoscere l'Ucraina come paese neutrale e non espandere ulteriormente la NATO verso est.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Egregio presidente Biden e Congresso degli Stati Uniti,

La guerra in Ucraina sta imperversando, con solo uno stretto canale diplomatico esistente tra Ucraina e Russia. I negoziati sono stati a malapena in grado di realizzare corridoi umanitari per i civili per far arrivare cibo, acqua e altre forniture. Il raggiungimento di un cessate il fuoco urgente è ancora fuori portata. Al fine di sostenere i negoziati, gli Stati Uniti devono fornire una chiara articolazione di quali compromessi sosterranno gli USA e la NATO.

Non c'è soluzione militare al conflitto in Ucraina, un paese ritrovatosi nel fuoco incrociato tra Stati Uniti e Russia, le due nazioni nucleari maggiormente armate del mondo. Mentre gli Stati Uniti e il mondo stanno giustamente denunciando l'invasione di un paese sovrano, il bombardamento di civili, la distruzione di case e ospedali e le minacce di attacchi nucleari da parte di Putin, risulta necessario riconoscere e affrontare il ruolo principale che gli Stati Uniti hanno nell'esacerbare il conflitto che ha portato all'invasione russa.

gli Stati Uniti hanno esacerbato il conflitto, rompendo la promessa di non espandere la NATO nell'Europa Orientale, piazzando missili offensivi in Romania e Polonia che potrebbero raggiungere la Russia in pochi minuti, armando le forze ucraine, continuando a "modernizzare" l'arsenale nucleare degli Stati Uniti e ritirandosi dai principali trattati di non proliferazione. Un conflitto che ha portato all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Sappiamo che la Russia deve ritirare le sue truppe e impegnarsi a rispettare la sovranità dell'Ucraina, ma gli Stati Uniti devono essere pronti a scendere a compromessi e sostenere i negoziati tra Ucraina e Russia impegnandosi a quanto segue:

  • rifiutare una no-fly zone sull'Ucraina;
  • non espandere la NATO;
  • riconoscere l'Ucraina come paese neutrale;
  • trovare una via d'uscita per l'abolizione delle sanzioni alla Russia;
  • sostenere ad un accordo di sicurezza internazionale per proteggere gli interessi di tutti i popoli del continente europeo in modo da rimanere liberi da guerra e occupazione;
  • sostenere la demilitarizzazione ucraina nella misura in cui i missili sarebbero vietati;
  • fornire aiuti umanitari all'Ucraina e sostenere i rifugiati ucraini.

Noi sottoscritti, chiediamo di sollecitare il presidente Zelensky a impegnarsi in vigorosi negoziati per raggiungere un accordo per porre fine ai combattimenti.

Cordialmente

Firma online

 

Note: Tradotto da Valentina Beninca' per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Codepink è un'associazione pacifista e femminista americana. Informazioni su Codepink https://en.wikipedia.org/wiki/Code_Pink

Articoli correlati

  • Quando la realtà è putiniana
    Conflitti
    Le sanzioni dissanguano l'Europa a beneficio degli Usa

    Quando la realtà è putiniana

    Le sanzioni europee contro la Russia si rivelano sanzioni contro l’Europa, mentre alla Russia non fanno un baffo. Questo disastro è causato dall’insipienza delle classi dirigenti europee inclusi i nostri Migliori. Perché non discuterne? Perché incolpare di putinismo chi guarda in faccia alla realtà?
    2 settembre 2022 - Marco Travaglio
  • Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia
    Conflitti
    "Condurre una guerra in un paese con reattori nucleari operativi non è mai accaduto e rompe un tabù"

    Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia

    L'appello dai medici di IPPNW ai governi rappresentati alla Conferenza di Revisione del TNP, affinché venga fatto ogni sforzo per evitare attacchi militari alle centrali nucleari. E' la risposta urgente e decisa alla situazione critica presso la centrale ucraina di Zaporizhzhia.
    13 agosto 2022 - Roberto Del Bianco
  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)