Conflitti

Intervista a Yurii Sheliazhenko del Movimento Pacifista Ucraino

"La pace non si conquista combattendo, ma costruendola"

Da una Kiev assediata, il messaggio del segretario del Movimento Ucraino per la Pace è un invito a non smettere di cercare una soluzione pacifica e nonviolenta al conflitto.
27 marzo 2022
Joaquim Da Fonseca
Tradotto da Noemi Del Vecchio per PeaceLink
Fonte: Intervista telefonica di Joaquim Da Fonseca per INTAL mercoledì 9 marzo 2022. - 18 marzo 2022

Yurii Sheliazhenko

Come i suoi compatrioti, anche Yurii Sheliazhenko, segretario del Movimento Ucraino per la Pace, sta vivendo giorni di ansia nella Kiev assediata. Ma le armi non fanno vacillare la sua fede in un esito pacifico. Il suo messaggio a tutti gli attivisti per la pace è chiaro: "Chiedete una soluzione pacifica, chiedete negoziati, sviluppate una cultura della pace".

"Rimango calmo e continuo il mio lavoro", dice Yurii. Sirene, allarmi aerei ed esplosioni sono la realtà quotidiana a Kiev dal 24 febbraio. "Non mi sento sicuro, ma non ho scelta. Più che mai, mi impegno a pensare, scrivere e parlare di una soluzione pacifica a questa crisi. La pace non si vince, bisogna costruirla.

L'Ucraina è ora sotto assedio, il che rende difficile per gli attivisti della pace esprimere le loro opinioni. "Non è facile parlare pubblicamente di pace o scrivere sui social network che dobbiamo impegnarci attivamente in negoziati e soluzioni pacifiche".

Una logica ostile profondamente radicata

Yurii Sheliazhenko sottolinea che questo conflitto non è iniziato il 24 febbraio. "È soprattutto una continuazione della guerra fredda tra l'ex Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, la Nato non è stata smantellata, ma estesa al territorio post-sovietico per il controllo militare. Poi sono arrivati i violenti colpi di stato a Kiev (sostenuti dall'Occidente) e in Crimea e Donbass (sostenuti dalla Russia). Sono seguiti otto anni di guerra nell'Ucraina orientale, con la morte di 14.000 persone, la maggior parte delle quali civili. Poi c'è stata un'escalation con la Nato e le manovre militari della Russia nel Mar Nero nel 2021".

Yurii vede questa radicata logica ostile tra Est e Ovest, tra Russia e Stati Uniti, come il grande problema. "Investiamo troppo nella guerra e troppo poco nella diplomazia e nell'amicizia internazionale. Gli Stati Uniti spendono 700 miliardi di dollari per la difesa, che è dieci volte più che per la diplomazia, gli aiuti esteri, ecc. In Russia, è 20 volte più che per la diplomazia, in Ucraina 24 volte di più. Il Ministero della Difesa ucraino ha un bilancio 24 volte superiore a quello del Ministero degli Affari Esteri.

Per lui, la polarizzazione militare tra Est e Ovest è andata troppo oltre, con operazioni militari sconsiderate, espansione della Nato, minacce nucleari, militarizzazione dell'Ucraina, esclusione della Russia dalle istituzioni internazionali e ora l'invasione russa.

Nella stessa Ucraina, Yurii vede grandi sfide alla coesistenza pacifica. Per esempio, il fatto che i cittadini russofoni dell'Ucraina sono spesso esclusi dalla vita pubblica a causa della loro lingua. "Questo ovviamente non è un motivo per l'invasione e l'aggressione militare, ma non è giusto. L'Occidente dovrebbe anche dire all'Ucraina che i diritti umani sono un valore importante, che la libertà di espressione e i diritti linguistici contano, che la rappresentanza politica dei filorussi e dei russofoni è importante. L'oppressione della cultura dei nostri vicini e della loro diaspora in Ucraina fa infuriare il Cremlino. Questa crisi deve essere disinnescata, non alimentata".

Violazione degli accordi

Secondo Yurii, una delle cause principali del conflitto è la mancata attuazione degli accordi di Minsk, che sono stati raggiunti nel 2014-2015. "Tutte le parti sostenevano di rispettare questi accordi, ma in realtà anche il primo passo degli accordi, il cessate il fuoco, è stato spesso violato. Una missione speciale dell'OSCE ha controllato il rispetto di questi accordi da parte dell'esercito ucraino e delle forze armate separatiste sostenute dalla Russia. Entrambe le parti hanno violato il cessate il fuoco".

Anche i passi politici compiuti per risolvere il conflitto sono stati interrotti. Per esempio, la concessione dell'autonomia al Donbass o i tentativi di approfondire i negoziati. "Ogni volta, gruppi di estrema destra sono scesi in strada gridando: 'Nessuna resa!'. L'estrema destra è sempre stata a favore di una soluzione militare. Purtroppo, questa propaganda è molto efficace e la fiducia nell'esercito in Ucraina è alta".

Non ci sono angeli e demoni

Per Yurii, è deludente che il sostegno occidentale all'Ucraina sia principalmente militare, oltre all'imposizione di dolorose sanzioni economiche alla Russia. "I reportage sul conflitto si concentrano sulla guerra e ignorano la resistenza non violenta alla guerra. Coraggiosi cittadini ucraini stanno cambiando i segnali stradali, bloccando strade e carri armati semplicemente mettendosi in mezzo, senza armi".

Anche oggi, mentre la violenza armata soffoca tutto il resto, il movimento pacifista ucraino continua a credere che una via d'uscita sia possibile. Il primo passo è dire la verità. "Non ci sono angeli e demoni, non ci sono buoni e cattivi. Questo conflitto non è iniziato il 24 febbraio, ha una storia. C'è un cattivo comportamento e un'escalation da entrambe le parti. Dobbiamo fermare l'escalation. Dobbiamo parlare invece di sparare. Bisogna dire la verità, perché la crisi ucraina è ormai un campo di disinformazione".

Logo Intal Per raggiungere la pace, Yurii Sheliazhenko dice che ci devono essere negoziati diretti tra Biden, Putin e Zelensky, perché questo è un conflitto tra Stati Uniti e Russia, una lotta per il controllo dell'Ucraina. "In questo caso, la Russia sta usando una rete separatista. Per anni ha stimolato il sentimento filorusso e il separatismo in Ucraina. E l'Occidente ha stimolato il nazionalismo ucraino di estrema destra.
Per lui, non c'è alternativa ad una soluzione pacifica. "Invece di rompere gli ultimi legami umani per rabbia, dobbiamo, più che mai, proteggere e rafforzare le vie di comunicazione e cooperazione tra tutti i popoli del mondo. Ogni sforzo in questa direzione è prezioso.

Note: Intervista a Yurii Sheliazhenko del Movimento Pacifista Ucraino: "La pace non si conquista combattendo, ma costruendola".

Fonte: intervista telefonica di Joaquim Da Fonseca per INTAL mercoledì 9 marzo 2022.

Data di pubblicazione originale: venerdì 18 marzo 2022

Link all’originale (francese e olandese): https://www.intal.be/in-gesprek-met-yurii-sheliazhenko-van-de-oekraiense-vredesbeweging-vrede-kan-je-niet-veroveren-je-moet-eraan-bouwen/

Traduzione a cura di Noemi Del Vecchio per Peacelink




Il movimento intal è stato fondato nel settembre 2006 da attivisti che lavorano per la solidarietà internazionale e la pace.
Queste persone e il nome “intal” non sono usciti dal nulla. Provengono dal raggruppamento "intal", che ha riunito 2 ONG, tra cui Médecine pour le Tiers Monde e 2 comitati di solidarietà. Tra il 1998 e il 2007, questo raggruppamento ha realizzato un programma di cooperazione allo sviluppo sovvenzionato dal Ministero della Cooperazione allo Sviluppo belga. Questo programma aveva una componente Sud del mondo (sostegno alle organizzazioni partner nelle Filippine, a Cuba, nella Repubblica Democratica del Congo e in Palestina) e una componente Nord (educazione e azioni in Belgio sui temi della salute, dello sviluppo e della pace).
Le attività di intal e delle organizzazioni che ne facevano parte all'epoca hanno avuto un certo impatto in Palestina, nelle Filippine, in America Latina, nella guerra in Iraq e in Libano, sui temi della salute e della globalizzazione, ecc. Tuttavia, le persone colpite da queste azioni non potevano essere coinvolte in modo permanente: non potevano diventare membri di intal e non esisteva un gruppo intal locale. Era quindi necessario fare dell'intal un movimento, nel vero senso della parola. Il nome, il logo e il sito web www.intal.be esistevano già. Sono stati creati biglietti da visita, opuscoli di presentazione e schede di adesione. Dopo una prima assemblea generale, nacque il movimento di adesione intal, presto seguito dai primi gruppi locali.
Tradotto da Noemi Del Vecchio per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"
    Economia
    Intervista a Jeffrey Sachs sulla guerra in Ucraina, la Nato, l'Europa, gli USA e la Cina

    "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"

    "Gli Stati Uniti hanno chiamato il primo ministro Meloni e hanno detto di uscire dalla Via della Seta. Pensate che abbia avuto da sola quell’idea? L'idea statunitense è che nessuno debba rivaleggiare con la potenza degli USA. Dovremmo invece puntare a costruire un mondo multipolare e cooperativo".
    6 febbraio 2024 - Jeffrey Sachs
  • Se l’obiettivo degli Stati membri della Nato fosse la pace, non invierebbero tank ma diplomatici
    Pace
    Invio di armi all’Ucraina

    Se l’obiettivo degli Stati membri della Nato fosse la pace, non invierebbero tank ma diplomatici

    La Germania vuole fornire carri armati all’Ucraina. Per creare un battaglione corazzato equipaggiato esclusivamente con Panzer tedeschi. Il governo federale spinge la Germania sempre più sul baratro della guerra
    11 febbraio 2024 - Marcus Klöckner
  • Le armi ipersoniche? Tra mito e realtà
    Disarmo
    Un importante lavoro di demistificazione dai ricercatori indipendenti Wright e Tracy.

    Le armi ipersoniche? Tra mito e realtà

    Dal professor Alessandro Pascolini (Università di Padova) questo lungo e dettagliato report sulle caratteristiche e l'effettiva capacità delle armi ipersoniche. Tra realtà e propaganda, mentre cresce la follia della corsa alle enormi spese per nuovi armamenti!
    5 febbraio 2024 - Alessandro Pascolini
  • "Mio marito compirà 54 anni e desidera anche lui vivere ancora"
    Editoriale
    Mobilitazione militare in Ucraina: donne divise sulla "rotazione" dei soldati al fronte

    "Mio marito compirà 54 anni e desidera anche lui vivere ancora"

    Ci sono donne che chiedono in ritorno a casa dei loro uomini e donne che non vogliono la partenza dei cinquantenni. Vi è tuttavia una speranza. Che lo spirito femminile sia omnicomprensivo. E che le donne ucraine giungano a parlare di pace con le donne russe.
    4 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)