Conflitti

Era partita da Gorizia

Arrivata in Ucraina la Carovana per la Pace

E' a Leopoli e sta consegnando gli aiuti dall'Italia. Qui potete vedere le foto che stanno giungendo. Sfilano in corteo nella città con un messaggio contro la guerra. Riportiamo un elenco dei siti che forniscono informazioni sulla Carovana.
2 aprile 2022
Redazione PeaceLink

La Carovana della Pace porta alla Caritas in Ucraina gli aiuti

La Carovana ha varcato stamattina la frontiera ed è in Ucraina a Lviv (Leopoli).

Leopoli è nell'Ucraina occidentale, a circa 70 km dalla Polonia.

La Carovana per la pace partita da Gorizia sta consegnando in queste ore gli aiuti alle popolazioni.

Queste foto sono state scattate nella mattinata di oggi.

Questa metà del gruppo ha scaricato gli aiuti al magazzino della Caritas.

L'altra metà invece al magazzino dell'Ukrainian Education Platform di L'viv. La Carovana della Pace è giunta in Ucraina, a Leopoli, per la consegna degli aiuti umanitari.

Si possono seguire gli sviluppi dell'iniziativa di pace su https://www.peacelink.it
C'è una finestra nella home page di PeaceLink (sociale.network) su cui si possono leggere le ultime novità della Carovana per la pace, e a cui si accede direttamente cliccando su https://sociale.network/tags/carovanapace
Ha scritto ieri Repubblica: "C'è anche monsignor Giuseppe Satriano, arcivescovo di Bari-Bitonto tra i 200 uomini e donne della Carovana della Pace diretti Leopoli sul fronte della guerra in Ucraina. La partenza oggi, 1 aprile, da Gorizia con un carico di aiuti di ogni tipo ma anche con un messaggio importante sulla scorta delle parole di papa Francesco: "Padri e madri di ogni schieramento seppelliscono i loro figli". La Carovana della Pace è giunta in Ucraina, a Leopoli, per la consegna degli aiuti umanitari. È stato lo stesso don Giuseppe (lui stesso si presenta sempre così) ad annunciare la partenza per l'Ucraina nel messaggio di Pasqua inviato alla diocesi spiegando che "non è stato facile decidere di partecipare, ma la storia del nostro territorio da sempre frontiera di pace, luogo di incontro di uomini e religioni, mi ha aiutato a comprendere che come vostro pastore dovevo esserci". Lui in Ucraina porta anche un messaggio della Cei. La Carovana della Pace è direttamente collegata a don Tonino Bello che come presidente di Pax Christi, nel 1992, si mise alla testa della marcia della pace diretta a Sarajevo sotto assedio. Oggi come allora numerose organizzazioni (oltre alla stessa Pax Christi, ci sono tra gli altri l'associazione Giovanni XXIII, Beati i costruttori di Pace, Libera, Comboniani, Focolarini, Cgil e Gruppo Abele e altri gruppi pacificisti che si sono ritrovati dietro l'appello "Stop the war mow") si sono messe in viaggio con una sessantina di camion, auto e furgoni carichi di generi di prima necessità per aiutare la popolazione". La Carovana della Pace è giunta in Ucraina, a Leopoli, per la consegna degli aiuti umanitari.
La Carovana della Pace è
  • formata da 66 mezzi (pulmini, autobus, ecc.);
  • lunga quasi un chilometro durante il viaggio su strada;
  • partita da Gorizia con 32,6 tonnellate di aiuti umanitari;
  • animata da 221 persone appartenenti a 142 organizzazioni pacifiste e umanitarie. 

La Carovana della Pace ha un suo sito web di riferimento:

https://www.stopthewarnow.eu

Sul sito si legge: La Carovana della Pace a Leopoli, in Ucraina

"Nel chiedere che si proclami immediatamente il cessate il fuoco, che si dia spazio alla diplomazia internazionale e alle Nazioni Unite per la risoluzione della controversia e che si consenta subito alle organizzazioni umanitarie internazionali di intervenire, ognuno di noi può fare qualcosa di più e di concreto per fermare questo scempio. Non c’è più tempo! Da sempre siamo accanto agli ultimi, al fianco delle vittime con azioni umanitarie e iniziative di solidarietà internazionale. Vengono momenti in cui però “la pace attende i suoi artefici” e noi non possiamo disattenderla. Non vogliamo restare spettatori e sentiamo l’obbligo di esporci in prima persona. Con i rappresentanti della società civile nonviolenta e pacifista e di altre realtà impegnate nella costruzione della pace, entreremo in territorio ucraino per testimoniare con la nostra presenza sul campo la volontà di pace e per permettere a persone con fragilità, madri sole e soprattutto bambini, di lasciare il loro Paese in guerra e raggiungere l’Italia".

Redattore Sociale ha pubblicato questa testimonianza di Alfio Nicotra:

“Poco meno di 30 anni fa ero tra i 500 pacifisti che violarono l’assedio di Sarajevo ed oggi rivivo quello spirito, quell’essere, come ci definì don Tonino Bello, ‘l’Onu dei popoli’ che si contrapponeva all’ignavia dell’Onu dei potenti.- racconta Nicotra - Come allora, invece delle armi mettiamo in gioco i nostri corpi, il nostro profondo ripudio della guerra, che ci ha sempre spinto ad essere dalla parte delle vittime dei conflitti. Diciamo No a Putin e No alla Nato. La Carovana della Pace è giunta in Ucraina, a Leopoli, per la consegna degli aiuti umanitari.

Siamo al fianco del popolo ucraino, che è sotto le bombe. Siamo al fianco del popolo russo che paga la propaganda bellicista e le scelte di guerra del suo governo. Ai nostri fratelli e sorelle pacifisti russi, che rischiano la galera e la repressione per dire no alla guerra, va il nostro abbraccio e sostegno”.

I volontari della Carovana per la Pace in Ucraina hanno anche portato il gasolio che in Ucraina è praticamente introvabile.

Il Movimento Nonviolento ha scritto: "Con i rappresentanti della società civile nonviolenta e pacifista e di altre realtà impegnate nella costruzione della pace, entreremo in territorio ucraino per testimoniare con la nostra presenza sul campo la volontà di pace e per permettere a persone con fragilità, madri sole e soprattutto bambini, Marcia della pace

di lasciare il loro Paese in guerra e raggiungere l’Italia. Invitiamo pertanto tutte le organizzazioni impegnate per la costruzione della pace e per la solidarietà internazionale a sostenere la delegazione e promuovere una serie di azioni di mobilitazione".

Dopo la consegna degli aiuti, è stata fatta una marcia della pace a Leopoli e quella che vedete è un'immagine del corteo.

L'ultima foto è invece quella della carovana di mezzi che arriva in Ucraina.

Per poter effettuare una donazione a sostegno della Carovana per la Pace questo è il link:

https://www.stopthewarnow.eu/#dona

Carovana della Pace in movimento

Note: Un elenco di siti che stanno fornendo informazioni sulla Carovana della Pace

https://www.semprenews.it/news/Carovana-di-pace-Ucraina.html
https://www.azionenonviolenta.it/stop-the-war-facciamo-la-pace-il-movimento-nonviolento-con-la-carovana-in-ucraina/

Video
https://www.larena.it/media/video/carovana-di-pace-1.9325908
https://www.famigliacristiana.it/video/stop-the-war-diario-di-viaggio-della-carovana-della-pace.aspx
https://www.facebook.com/RetePaceDisarmo/videos/439351794633618/
https://www.famigliacristiana.it/video/stop-the-war-diario-di-viaggio-della-carovana-della-pace.aspx

Articoli correlati

  • Quando la realtà è putiniana
    Conflitti
    Le sanzioni dissanguano l'Europa a beneficio degli Usa

    Quando la realtà è putiniana

    Le sanzioni europee contro la Russia si rivelano sanzioni contro l’Europa, mentre alla Russia non fanno un baffo. Questo disastro è causato dall’insipienza delle classi dirigenti europee inclusi i nostri Migliori. Perché non discuterne? Perché incolpare di putinismo chi guarda in faccia alla realtà?
    2 settembre 2022 - Marco Travaglio
  • Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia
    Conflitti
    "Condurre una guerra in un paese con reattori nucleari operativi non è mai accaduto e rompe un tabù"

    Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia

    L'appello dai medici di IPPNW ai governi rappresentati alla Conferenza di Revisione del TNP, affinché venga fatto ogni sforzo per evitare attacchi militari alle centrali nucleari. E' la risposta urgente e decisa alla situazione critica presso la centrale ucraina di Zaporizhzhia.
    13 agosto 2022 - Roberto Del Bianco
  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)